Le origini del cielo e della terra

Scritto da Simone Venturini

17 Marzo 2021

Queste le origini del cielo e della terra, quando vennero creati.

(Genesi 2,4)

Questo versetto funge da cerniera tra il primo e il secondo racconto della creazione. La Genesi, infatti, riporta due versione della creazione; la prima, appena conclusa, la seconda che si apre al versetto seguente. Anche in questo caso occorre fare attenzione alle parole ebraiche usate dall’autore.

Le origini

Anzitutto le “origini“. In ebraico troviamo la parola תּוֹלְדֹת toledòt, che significa diverse cose, ma alla lettera può essere tradotto con “generazioni”. Contiene, infatti, il verbo ebraico יָלָד yalàd che significa “dare alla luce, generare, partorire”. Gli studiosi pensano che si tratti di una formula che serve a dividere l’intero libro della Genesi in parti, dieci in tutto.

In genere, l’espressione viene usata per introdurre genealogie vere e proprie, o storie di famiglie. Qui invece, viene usato per concludere un racconto cosmogonico, che narra cioè dell’origine del cielo e della terra. Che c’entra la cosmogonia con la storia umana?

Nella Bibbia, fin dall’inizio, la storia umana non è semplicemente un succedersi di eventi di cui l’uomo è l’unico protagonista. Essa è invece parte integrante di una storia assai più grande, infinita direi, quella di Dio che inizia prima del tempo. In tal senso, la creazione del cielo e della terra – ossia di tutto ciò che esiste (cfr. Gen 1,1) – è lo scenario fondamentale, lo sfondo necessario per lo svolgimento della storia umana che, da allora, diventa anche “storia di Dio”.

Due racconti della creazione: perché?

Il primo atto del progetto di Dio è perciò concluso: la creazione del cosmo, dell’universo ordinato e retto da leggi stabilite da Dio. Si tratta però, come dicevo, della prima versione della cosmogonia ebraica. Perché allora esistono due versioni della creazione?

Perché la Bibbia non ha un solo autore, ma più autori che la composero in epoche diverse, rispondendo alle mutate esigenze degli ebrei di ogni tempo. In questo primo racconto si nota l’universalità della prospettiva dell’autore; per lui Dio è il creatore universale di tutte le cose e il linguaggio usato giunge quasi all’astrazione, cosa peraltro aliena dal modo di pensare tipicamente ebraico.

Si nota, così, l’origine di quel racconto, in una terra lontana dalla patria, dove gli ebrei entrarono a contatto con diverse cosmogonie e diversi modi di concepire il mondo intorno a loro. Questo primo racconto risente dell’ambientazione esilica, all’inizio del VI sec. a.C., a Babilonia.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse, senza dubbio i due termini biblici più esotici, e che più hanno stuzzicato l’immaginario collettivo nei secoli. Creazione e Rivelazione, Nascita e Rinascita, Alfa ed Omega, insomma ... inizio e fine. Il fascino irresistibile dell'inizio e della...

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden ...  (Genesi 4,16) Non può non spiccare il parallelismo tra la situazione di Caino (in Ebr. קַ֔יִן qayin dal verbo קָנָה "acquistare" cfr. Gen 4,1) e quella di suo padre Adamo. Entrambi, dopo...

La Bibbia parla del frutto proibito

La Bibbia parla del frutto proibito

Spesso, la gente dice che la Bibbia è piena di leggi e proibizioni. È un dato di fatto, ovviamente. Ma si tratta veramente di proibizioni? Nell'Eden Partiamo, dalla prima e fondamentale "proibizione", quella che Dio - anzi YHWH - fa ad Adamo di non mangiare del...

L’albero della conoscenza del bene e del male

L’albero della conoscenza del bene e del male

Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male (Genesi 2,9) L'albero della vita Un giardino molto particolare...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

I fiumi dell’Eden

Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove c'è l'oro e l'oro di quella terra è fine; qui c'è anche la resina odorosa e la pietra...

COME POSSO AIUTARTI?

3 + 1 =