Caos e Cosmo

18 Luglio 2022

caos e cosmo

In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque … (Genesi 1,1-2)

 

Etimologia di cosmo e caos

Le prime parole della Bibbia dicono a chiare lettere che, prima che Dio creasse l’habitat vegetale, animale e umano, la terra era ricoperta da acque tenebrose.

Solo prendendo in prestito parole greche, è possibile parlare di caos. Secondo Platone e Aristotelecaos significa “mescolanza, disordine” e si oppone a cosmo con cui si intende ciò che ha ordine e che proviene però dal caos.

Umberto Galimberti (Gli equivoci dell’anima, pagg. 97-99), osserva che il significato originario di caos è “apertura”, mentre quello di cosmo è “qualcosa che si impone, parola che si impone”. Perciò, nel mondo greco classico, prima del cielo e della terra, c’era un’apertura originaria in cui si imponeva una parola.

Le tenebre

Ovviamente, il significato greco di caos ha ben poco a che fare con chosheq, la parola ebraica che corrisponde all’italiano tenebre. Non esiste in sé, ma solo in relazione al cielo e alla terra e qualifica una presenza quasi sensibile, che avvolgeva la massa acquatica prima che la terra prendesse forma.

Tuttavia, anche da questo sfondo tenebroso, da questa assenza, che sono le tenebre, emerge la parola creativa di Dio, che si impone e dà ordine. 

Grecia e Palestina: due idee diverse di sacro

Il caos, le tenebre sono la cifra del periodo che precedette l’emergere del macrocosmo, ossia della terra. Il fatto che esse vengano confinate dalla parola di Dio (Gen 1,4) che crea la luce – il corrispettivo del cosmo greco – e non eliminate, non può non far pensare. Perché Dio non le ha eliminate?

Se restassimo nella prospettiva del mondo greco, il sacro, la sfera divina è quella dove abitano esseri, dèi e dee, che possono permettersi tutto e il contrario di tutto, dove il bene e il male sono termini che si intrecciano e si confondono l’un l’altro. Insomma essi abitano il reame dove tutto è possibile e tutto può coesistere insieme. 

Ma l’ambiente e il periodo storico in cui sono stati scritti i primi due capitoli della Genesi – intorno alla fine del VI sec. a.C. – non permettono di estendere questa visione di Dio all’immaginario degli antichi ebrei. Per essi, Dio è il bene e la luce, mentre le tenebre sono il male e nettamente separate dalla luce.

Il microcosmo 

Sia per i greci che per gli ebrei, il sacro era però una dimensione che abitava il cielo dove vivevano gli dei o Yahvé. Certamente, per i greci antichi il sacro era il regno dell’indifferenziato, mentre per gli ebrei il mondo di Dio era il bene, mentre quello di Satana era il male. Qual è l’immagine originale del sacro, quella greca o quella ebraica?

Forse quella greca, di cui troviamo traccia in certe interpretazioni di altri brani della Bibbia, dove Dio appare al di là della morale dei comuni mortali. Ma non è questo il punto. Il fatto è che occorre dare retta ad Agostino, fino in fondo quando dice:

Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas.

(De vera religione, XXXIX, 72)

La verità non abita fuori dell’uomo, ma dentro l’uomo e con la verità Dio stesso, fonte della verità. Perciò, le tenebre e il caos se per ebrei e greci erano realtà esterne, la prima fatta oggetto di studio e riflessione di saggi e sacerdoti, la seconda da parte dei filosofi, oggi sappiamo che sono invece realtà interne, che se vogliamo possiamo chiamare inconscio o comunque quella parte di noi che teniamo a bada con la ragione che cerca di distinguere tra bene e male, ciò che è corretto da ciò che non lo è.

Qual è allora il senso profondo dei primi versetti della Genesi?

Che le tenebre, il caos, l’inconscio se vogliamo, e comunque tutta quella parte di noi che ci spaventa perché non controlliamo e che rischia di invadere e distruggere quello che abbiamo pazientemente costruito, il nostro io, sono realtà non eliminabili. Può invece diventare lo spazio da investigare, da conoscere, da abitare per dar voce e forma a ciò che voce e forma non ha.

Come la parola Dio creò la luce e tutto il resto, anche la nostra parola, il logos non solo può mettere ordine, ma soprattutto rinnovarsi e declinarsi ogni giorno in progetti nuovi, in nuovi ed entusiasmanti prospettive che attingono sempre più e sempre meglio da quel buio che, in fondo, siamo sempre noi.

Photo: Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 5 =

error: Il contenuto è protetto