Il serpente astuto e prudente הַנָּחָשׁ֙ עָר֔וּם

26 Agosto 2022

il serpente astuto e prudente

(Articolo di  Cecilia Mariotto)

Il serpente era il più astuto di tutti gli animali selvatici che Dio aveva fatto

(Gen 3,1)

Il serpente astuto e prudente che ci introduce al terzo capitolo di Genesi solitamente ci fa entrare in un’atmosfera un po’ subdola, inquietante, quasi tenebrosa. Ma è davvero questo il senso?

Non ho la pretesa di trovare risposte in merito, ma semplicemente condividere alcune considerazioni.

La figura del serpente

Personalmente mi sono sempre interrogata sulla figura del serpente. A guardarlo anche solo in fotografia mi fa paura! Ma in Genesi davvero è presentato come una creatura malvagia? Il suo aspetto inganna, presentato come un animale diverso da tutti gli altri: il più astuto.

Ma anche quell’animale che ha un veleno che può uccidere, e quindi è da tenere molto lontano. A questo punto ho iniziato a riflettere sul fatto che forse sto demonizzando questo rettile più del dovuto. C’è un contesto di substrati su cui prende forma la figura del serpente.

La tradizione cattolica che lo associa al provocatore malvagio, al  “separatore” nel senso più negativo del termine, la mia paura al vedere questo rettile anche solo in fotografia, e l’effettiva inquietudine che il primo versetto del terzo capitolo di Genesi ha sempre avuto la meglio.

Mettere a nudo

Incuriosita da tutto questo e dopo la lettura di un interessante libro di una teologa italiana Cristina Simonelli, intitolato “Eva”, ho voluto cercare sulla Biblia Hebraica l’agettivo che definisce il serpente nella Genesi: astuto.

In ebraico il termine usato è עָר֔וּם che ha anche il significato di prudente, e di colui che mette a nudo. Ho pensato: interessante questa particolarità. Mettere a nudo non vuol dire necessariamente spogliare dagli abiti di tessuto che indossiamo.

Mettere a nudo vuol dire anche diventare sinceri con noi stessi, tirare fuori ciò che abbiamo dentro, sia esso luce o tenebra.

Mettere a nudo vuol dire mettere in gioco i nostri sentimenti, le nostre domande, i nostri desideri, i nostri errori, le nostre presunzioni, così che possano essere viste da noi e dagli altri. Ecco allora cosa fa il serpente: mette a nudo. Fa tirare fuori una parte nascosta dell’essere umano.

Scovare i segreti

Sempre incuriosita dagli spunti del libro “Eva” sono andata a cercare anche il termine in cui Adamo ed Eva (in ebraico  הָ֣אָדָ֔ם חַוָּ֣ה ) capiscono di “essere nudi”. E’ interessante vedere come il termine ebraico  עֵֽירֻמִּ֖ם    derivi dalla stessa radice dell’aggettivo del serpente: עָרם .

Ecco allora che la capacità di agire con astuzia, ma nel senso di saggezza e prudenza, ci aiuta metterci a nudo, a scovare i nostri segreti più profondi. Ciò che poi faremo dei nostri segreti, una volta che li abbiamo tirati fuori, sta a noi scoprirlo e deciderlo.

Interessante è che nel momento in cui ci mettiamo a nudo, con i nostri pregi e i nostri difetti, non siamo più una maschera, ed è necessario crescere, un passo dopo l’altro, per riuscire ad agire nella collaborazione, nel bene, nella relazione autentica e costruttiva.

Cercherò allora di rivalutare la figura del serpente, astuto, prudente e scovatore di segreti, che è parte di tutte le creature che D-o ha fatto.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Perché il serpente morde il calcagno della donna?

Perché il serpente morde il calcagno della donna?

Quello tra la donna e il serpente è veramente un rapporto strano, subdolo e comunque misterioso. L'insieme del capitolo terzo della Genesi suggerisce che tra la donna e il serpente esista una certa affinità, un segreto ed ambivalente rapporto. Già per il fatto che il...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il pozzo di acqua viva (בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים)

 וַיַּחְפְּר֥וּ עַבְדֵֽי־יִצְחָ֖ק בַּנָּ֑חַל וַיִּ֨מְצְאוּ־שָׁ֔ם בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים:Testo ebraico di Genesi 26,19 TRASLITTERAZIONE: Wayyachperù 'avde-itschaq banàchal wayy'mtse'ù-sham be'èr màyim chayyim Traduzione letterale: I servi di Isacco scavarono nel...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 7 =

error: Il contenuto è protetto