Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

11 Gennaio 2022

Allora il Signore Dio disse al serpente:
«Poiché tu hai fatto questo,
sii tu maledetto più di tutto il bestiame
e più di tutte le bestie selvatiche;
sul tuo ventre camminerai
e polvere mangerai
per tutti i giorni della tua vita

Genesi 3,14

Povero serpente! Condannato a strisciare per terra e a leccare la polvere del suolo. Se prendiamo la Bibbia alla lettera, allora dobbiamo indubbiamente pensare che la fisionomia del serpente sia dovuta ad una maledizione divina!

Se leggiamo la Bibbia a partire dall’inizio, secondo uno schema di causa ed effetto, è proprio così. Occorre dunque distinguere molto bene, il rappresentato dal rappresentante; ciò che il serpente rappresenta dall’animale concreto e fisico.

Il simbolo del serpente

Quando, nel VI secolo a.C., l’autore della Genesi scrisse queste righe, il serpente aveva già da tempo cessato di essere una semplice ‘creatura di Dio’ per rappresentare tutto quello che nella Bibbia esso rappresenta. Era un simbolo di salvezza, ma anche di perdizione.

Era il cosiddetto nechustan (in Ebr. נְחֻשְׁתָּֽן) “il serpente di bronzo” adorato dagli Israeliti, nel nord del paese (2 Re 18,4) a ricordo del serpente che Mosè aveva eretto per salvare gli ebrei nel deserto dal morso del serpente (Num 21,8-9). Un simbolo positivo, dunque.

Ma il serpente rappresentava l’ambiente da cui idealmente proveniva: le acque, il mare. Il Leviathan (in Ebr. לִוְיָתָֽן) era una specie di serpentone che abitava gli abissi del mare (Gb 27,1) e che rappresentava il mondo del male, dell’occulto, di ciò che è tenebra (Gb 3,8).

Celebre, in tal senso, è il Moby Dick di Melville. Ed anche al di fuori della Bibbia, il serpente aveva questa ambivalente fama. Perciò l’autore della Bibbia non crea nulla di nuovo, ma doveva in qualche modo spiegare sia l’origine del male che aveva devastato il suo popolo, sia – conseguentemente – la natura di questo strano animale costretto a strisciare per terra.

Oggi per noi il serpente ha quasi del tutto perduto tutta questa carica simbolica, perché esso è semplicemente l’animale che vediamo negli zoo, dietro ad una teca di vetro. Tuttavia, ancor oggi esso evoca sempre qualcosa di subdolo, un fascino sottile, legato all’ambiente di confine – tra terra e mare, tra noto e ignoto, tra conscio e in inconscio – che esso rappresenta.

Il serpente: un animale maledetto?

Dio dunque ha veramente maledetto questo animale, che forse in un periodo precedente non strisciava per terra? Certamente no! La maledizione divina era per l’autore della Genesi la spiegazione del fatto che il serpente era costretto a strisciare e di tutto ciò che ai suoi occhi esso già rappresentava.

Le maledizioni e le benedizioni, infatti, ricorrono spesso nella Bibbia. Per esempio il cap. 27 del Deuteronomio ne è pieno. Era un’interdizione, una etichetta posta su un atteggiamento o un comportamento particolarmente abbietto agli occhi degli autori. Abietto e spregevole perché maledetto da Dio e non viceversa! 

La Bibbia NON E’ parola di Dio nel senso che Egli ha dettato un libro e qualcuno ha trascritto.  La Bibbia è parola degli uomini che vivevano in un certo contesto storico e che in quel contesto storico facevano una certa esperienza di Dio.

Ciò che veramente qui viene ‘maledetto’ è l’origine di ogni naufragio umano, come quello dei primi due uomini. La maledizione riguarda l’angoscia e i suoi sinistri ed immateriali rappresentanti, tra cui il ‘serpente’. Ma l’animale, in quanto tale, è una delle creature di Dio riguardo alle quali Egli disse che era cosa buona (Gen 1,25).

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 4 =