Sintesi della Bibbia: il Deuteronomio

23 Maggio 2021

Nella fase più cruciale e importante della storia d’Israele, quella in cui nacque il Pentateuco, più o meno nella forma in cui oggi lo conosciamo, gli ebrei vollero ricapitolare gli eventi che più hanno segnato la loro esistenza, come singoli e come popolo.

Nasce così l’ultimo libro del Pentateuco, il Deuteronomio. Esso deriva dal greco e significa “seconda legge” (Deuteronomion – Δευτερονόμιοv). Il nome ebraico – devarìm (דְּבָרִ֗ים ossia “parole”) – deriva invece, come gli altri nomi dei libri del Pentateuco, da una delle prime parole del libro): “Queste sono le parole che Mosè …” (Dt 1,1).

I tre discorsi di Mosè

Il libro è composto dai tre discorsi che Mosè pronunciò, nell’arco di una sola giornata, quarant’anni dopo dall’uscita dall’Egitto (Dt 1,3), a oriente del Giordano e, perciò, alle porte di Canaan.

Nel primo discorso (capp. 1-4,43) Mosè ricapitola tutte le fasi del viaggio attraverso il deserto, dopo l’uscita dall’Egitto e fino ai confini della Terra Promessa.  Il discorso si chiude con l’ingiunzione ad osservare la legge del Signore – la Torah – come garanzia di sopravvivenza del popolo in Canaan (cap. 4,1-43). 

Il secondo discorso (capp. 5-28,68) inizia con una nuova formulazione dei Dieci Comandamenti (cap. 5).  Segue una piccola parte – capp. 6-11 – che rappresenta una raccolta di esortazioni a rispettare le leggi del Signore, sulla base di ciò che egli ha compiuto a favore d’Israele lungo il cammino nel deserto.

Inizia poi la parte centrale e più importante del Deuteronomio (capp. 12-26), chiamata solitamente “codice deuteronomico”, dove sono raccolte ed aggiornate le antiche leggi contenute nel “codice dell’alleanza” (Es 19-24), mentre se ne aggiungono di nuove. 

Il discorso si chiude con una serie di benedizioni e maledizioni corrispondenti all’osservanza o alla non osservanza della leggi (Dt 28,1-68).

Il terzo discorso (capp. 28,69-30) inizia con l’informazione del luogo – il paese di Moab – in cui il Signore stabilì con Mosè la legge esposta nei capitoli precedenti (28,68).  Segue una nuova rievocazione delle tappe dell’esodo, e le raccomandazioni ad osservare la legge, con relative benedizioni e maledizioni.

Infine i capp. 31-34 rappresentano gli ultimi atti della vita di Mosè e riferiscono anche della sua mor

Senza entrare nei dettagli, che illustrerò nelle parti seguenti del corso, possiamo dire qui che il Deuteronomio evidenzia uno stile e un linguaggio assai diversi dal resto del Pentateuco. Vi è un continuo richiamo all’osservanza della legge quale garanzia di prosperità nel paese in cui gli ebrei si apprestano ad entrare e di un futuro tranquillo (cf. Dt 4,1-2; 5,1-3; 30, 15 ss.).

Si tratta, perciò, di un libro che non solo chiude il Pentateuco, ma anticipa il contenuto e il linguaggio delle parti seguenti della Bibbia: i “libri storici” che narrano le vicende d’Israele fino all’esilio babilonese (587 a.C.). 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 12 =

error: Il contenuto è protetto