Il Pentateuco – i nomi di Dio da Genesi a Esodo

7 Luglio 2021

Prendiamo ora il Pentateuco come un racconto ed iniziamo a valutarne le caratteristiche. Esso è composto di tre parti fondamentali:

  1. Genesi 1-11,26 [finisce qui il racconto delle origini]: Dio e l’umanità
  2. Genesi 11,27 [famiglia di Terach da cui discende Abramo]-50,26: Dio e i Patriarchi (Abramo, Isacco e Giacobbe)
  3. Esodo – Deuteronomio: Dio e Israele

I nomi di Dio

In queste tre parti Dio viene chiamato in modi diversi. Nella prima parte, Egli viene chiamato (in Ebr. אֱלוֹהִים) Elohìm; nella seconda, viene chiamato (in Ebr. אֵל שַׁדַּי) ‘El-shaddai; nella terza si rivela come (in Ebr. יהוה) Jhwh. Ovviamente, non si tratta di una rigida ripartizione, quanto invece di un’attribuzione fluida del nome di Dio.

Infatti, Dio viene chiamato col nome di Jhwh già in Genesi 2, anche se Egli si rivelerà come Jhwh solo a partire da Esodo 3.

In ebraico, ‘Elohìm  è il plurale di ‘Eloah. Al singolare ricorre solo dieci volte bella Bibbia ebraica, mentre si trova sempre al plurale. Alla lettera, significa “più dèi”, ossia più di una divinità. Il nome sembrerebbe, perciò, contraddire la fede rigidamente monoteista d’Israele.

Dio o Dèi?

Esso, tuttavia, compare – quasi sempre – in contesti in cui il verbo è sempre al singolare e perciò va considerato come soggetto al singolare. Del resto, occorre dire che gli Ebrei non giunsero subito ad adorare un solo dio.

A contatto con le popolazioni pagane che abitavano Canaan prima che gli Ebrei la occupassero, essi usarono i nomi di divinità pagane per parlare del loro Dio. Uno di questi nomi era, appunto, Elohim. Solo a partire dal V secolo gli Ebrei chiamavano il loro dio solo Jhwh.

Il nome ‘El-shaddài è più difficile da spiegare. In genere, viene tradotto “Dio onnipotente”, anche se la sua etimologia è un po’ oscura. Tali difficoltà sono indizi di antichità del nome e, proprio per questo motivo, esso lo si trova nella parte più antica della storia d’Israele, quella che riguarda i Patriarchi.

Il vero nome di Dio

Il nome Jhwh è, invece, il vero nome del Dio d’Israele. Quello che assomma in sé tutte le caratteristiche della divinità adorata da Ebrei ed anche dai Cristiani. La sua etimologia è altrettanto oscura. Si può dire che, sulla base delle consonanti di cui il nome è costituito, esso indica “l’essere” in assoluto, colui che fa esistere tutte le cose e che è per sempre (cf. Esodo 3).

Egli è il Dio al di sopra di tutti gli altri dèi: questo significa l’espressione “Signore Dio” che troviamo nei capitoli secondo e terzo della Genesi. La pronuncia Jahwè è sbagliata, anche se essa è di uso comune. In realtà, nessuno conosce la pronuncia esatta di questo nome, per cui esso dev’essere pronunciato con un sostituto ‘adonai ossia “il Signore”. Mentre, chi lo scrive, deve indicare semplicemente le consonanti: Jhwh.

Photo by Cherry Laithang on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 8 =