Cosa significa che Dio si riposò dopo la creazione? (שָׁבָּת)

4 Agosto 2021

Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro.

Genesi 2,2

Il verbo ebraico che corrisponde all’italiano “cessare” è shavàt (שָׁבַת), da cui proviene la parola “sabato” shabbat (שָׁבָּת), il giorno di riposo settimanale degli ebrei, ieri come oggi.

Dolce far nulla?

All’epoca in cui fu redatto questo capitolo, nel VI secolo a.C., il sabato stava diventando il giorno sacro per eccellenza, dove l’uomo “cessava” il proprio lavoro per dedicarsi a Dio.

Riposando dal proprio lavoro, l’uomo ricordava di avere una dignità che è indipendente da ciò che fa, poiché egli è un essere creato “ad immagine e somiglianza di Dio”; quello fu un atto creativo di Dio, totalmente libero, sovrano e indipendente da qualsiasi merito o prerogativa umana.

Se si osserva bene il testo, la descrizione del settimo giorno è un po’ ambigua. Se, infatti, da un lato si dice che “Dio portò a termine il suo lavoro nel settimo giorno”, dall’altro si dice anche che “in quel giorno cessò da ogni lavoro”.

Sembra, quindi, che il settimo giorno non sia un giorno in cui non si fa nulla, ma è il giorno dove si fa qualcosa che dà senso a tutte le altre cose fatte durante la settimana. Il riposo, infatti, non significa “oziosità”, ma “celebrazione” della propria umanità dipendente da Dio, che continua a sostenerla a prescindere dai suoi meriti; che continua a donare ad essa tutto ciò che le serve, a prescindere da ciò che fa.

Lo schema settenario in cui è inserita l’opera delle creazione (6+1) ha un significato ed uno scopo ben precisi. Ogni attività umana svolta durante i sei giorni di lavoro non è semplicemente “umana”, perché corrisponde ad uno schema cosmico;

corrisponde cioè a ciò che Dio stesso ha fatto in sei giorni. Senza il settimo, però, i sei giorni di lavoro sarebbero incompleti, sarebbero un’opera incompiuta e senza il suo scopo: la lode di Dio.

C’è molto da riflettere, noi che siamo ormai abituati a fare acquisti nei centri commerciali e negozi di ogni tipo tranquillamente aperti anche la domenica, che per noi cristiani rappresenta il giorno di riposo settimanale.

E non si tratta di una questione morale, ma “cosmica”, perché il riposo settimanale corrisponde al mantenimento dell’ordine stabilito da Dio nella creazione, per ciascuno di noi e per la collettività. Pensiamoci!

Photo by Diana Polekhina on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

Il Signore Dio disse alla donna: Che hai fatto? Rispose la donna: il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato Genesi 3,13 Né l'uomo né la donna si prende la responsabilità delle proprie azioni. Questo è chiaro e viene ribadito ogni volta che, nei più diversi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 4 =