Come si è formata la Torah? – Seconda Parte

29 Novembre 2021

Lo studioso che più di ogni altro ha influito negli studi sulla formazione del Pentateuco è indubbiamente Julius Wellhausen (1844-1918). Iniziò la sua carriera universitaria come Teologo all’università di Greifswald, dalla quale però si dimise per l’incompatibilità della sua formazione con il compito accademico di formare i futuri pastori della Chiesa riformata.

Continuò, così, la sua carriera in diverse università tedesche prima di approdare definitivamente a Göttingen. Iniziò ad interessarsi all’Antico Testamento, leggendo i libri di Samuele e dei profeti più antichi, Amos ed Isaia. Quando passò al Pentateuco si scoraggiò molto di fronte alla noiosa ridondanza delle leggi israelitiche.

Si chiedeva com’era possibile che la religione israelitica fosse stata ai suoi inizi così ritualista e legalista; studi che poi confluirono nel suo libro sulle origini dell’Esateuco.

Leggendo però le opere di Graf, scoprì che le sezioni legislative del Pentateuco erano le più recenti. Sviluppò, così, uno schema evolutivo della composizione del Pentateuco che resterà valido fino alla prima metà del XX secolo. Esso era composto di quattro documenti redatti in epoche diverse, dal più antico al più recente.

Lo Jahwista – (Sigla J). È il documento più antico e fu scritto tra l’undicesimo e il IX sec. a.C. nel sud d’Israele. L’arco narrativo comprende la creazione, i patriarchi per giungere fino all’epoca divarico-salomonica quando le promesse ai padri furono compiute.

L’Elohista – (Sigla E) Fu scritto tra il 770 e il 721 a.C., anno della caduta del Regno del Nord. Influenzato dal linguaggio dei profeti, traccia la storia che parte da Abramo fino all’insediamento in Canaan.

Questi due primi documenti furono fusi insieme dal cosiddetto Jehowista, (sigla RJE) alla fine dell’ottavo secolo a.C., quando il Regno del Nord era già caduto. Si tratta di una sintesi storica dove, però, prevale nettamente il documento jahwista.

Il Deuteronomio contiene il documento trovato dal Re Giosia sotto il Tempio (622 a.C.) e tutto lo sviluppo narrativo che ne consegue (sigla D).

Lo “Scritto sacerdotale” (o il libro delle quattro alleanze: con Adamo, Noè, Abramo ed Israele al Sinai) è il documento più recente del Pentateuco, perché presuppone che tutto il culto israelitico si svolga ormai nel Tempio di Gerusalemme. Fu scritto, perciò, nel periodo esilico (sigla P).

Infine, intorno al 400 a.C., D e P sarebbero state sintetizzate, recuperando anche le tradizioni confluite nel RJE. Si formò, così, l’attuale Pentateuco.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 2 =