Yahweh fu un personaggio storico crudele e bellicoso? Il libro di Giosuè e i testi neo assiri – (Seconda parte)

25 Maggio 2022

Si è detto che il contesto politico e sociale più favorevole all’inizio dell’attività letteraria deuteronomistica (Dtr) è l’epoca di Giosia.

La parte più antica del libro di Giosuè

Come per il Deuteronomio, così la la parte più antica del libro biblico Giosuè è probabilmente funzionale agli intenti politici di Giosia. I racconti di conquiste e battaglie erano perciò strumentali all’affermazione dell’indipendenza politica e militare di Giuda.

A tal fine, a YHWH furono attribuite le qualità di un dio nazionale – come era d’uso tra gli Assiri – garante dell’autonomia politica del suo popolo.

La parte più antica del libro di Giosuè potrebbe (il condizionale è sempre d’obbligo) essere costituita da alcune parti all’interno dei capitoli 5-12.

Confronto tra il libro di Giosuè e i testi neo assiri

Il tema dominante è che le vittorie d’Israele sono dovute tutte all’intervento di YHWH, vero re di Giuda. Il fatto che YHWH combatterà per Israele, lasciando – per così dire – a Giosuè un ruolo secondario e comunque sempre di leader di Israele è chiaro nel confronto tra Gs 5,13-14 e un resoconto della campagna di Assurbanipal contro Elam:

TESTO ASSIRO:

Ishtar che dimora in Arbela entrò, con alcune faretre appese a destra e a sinistra e con un arco in mano. Aveva brandito una spada appuntita e affilata, pronta per la battaglia. Tu stavi davanti a lei e lei ti parlò come una madre che ti ha messo al mondo … tu le dicesti: «Dovunque vai, verrò con te». Ma la signora delle signore ti rispose: «Tu sta qui al tuo posto … finché io vada a realizzare quel compito

TESTO DI GIOSUÈ 5,13-6,2

Mentre Giosuè era presso Gerico, alzò gli occhi ed ecco, vide un uomo in piedi davanti a sé che aveva in mano una spada sguainata. Giosuè si diresse verso di lui e gli chiese: «Tu sei per noi o per i nostri avversari?». Rispose: «No, io sono il capo dell’esercito del Signore. Giungo proprio ora». Allora Giosuè cadde con la faccia a terra, si prostrò e gli disse: «Che dice il mio signore al suo servo?». Rispose il capo dell’esercito del Signore a Giosuè: «Togliti i sandali dai tuoi piedi, perché il luogo sul quale tu stai è santo». Giosuè così fece.

Ora Gerico era saldamente sbarrata dinanzi agli Israeliti; nessuno usciva e nessuno entrava. Disse il Signore a Giosuè: «Vedi, io ti metto in mano Gerico e il suo re.

Giosia è Giosuè?

Nell’edizione più antica Giosuè rappresenta il Re come intermediario tra il dio nazionale e il popolo. Chi scrisse questa storia visse presumibilmente ai tempi di Giosia, il re che Giosuè incarna.

Tra l’altro, GiosiaGiosuè sono nomi strettamente apparentati in ebraico. In questa prima edizione del libro di Giosuè si riconosce in filigrana la politica espansionistica di Giosia, che cercò di conquistare parte del Regno del Nord che si trovava sotto il potere neo-assiro (per es. Beniamino, immediatamente a nord di Giuda, cfr. Gs 8 e 9).

In Gs 9, l’alleanza con i gabaoniti attesta la pratica diffusa dei re neo-assiri che ricevono l’obbedienza dei popoli vassalli, offrendo loro protezione contro i nemici che si coalizzano contro di essi (cfr. Gs 10).

Il potere di Giosuè sul sole e sulla luna – Gs 10,12-13) sarebbe da attribuire all’intento del primo dtr di dimostrare la superiorità di YHWH – rappresentato da Giosuè da lui scelto – sulle divinità del pantheon assiro.

La prima edizione di Giosuè, si chiudeva forse con  11,23 oppure con 21,43-45.

Fisionomia della prima edizione del libro di Giosuè, la parte più antica

I capitoli 13-19 hanno un’origine  assai posteriore. La prima edizione di Giosuè fu dunque particolarmente influenzata – come già il Dt – dall’ideologia e dal linguaggio politico neo-assiro. Il fine era di creare una storia militare volta a legittimare l’occupazione del paese. 

In tal senso, questo racconto è ben diverso dai racconti patriarcali, per esempio, dove Israele sembra quasi un’entità autoctona (Gen 12-36).

Sul piano storico, è assai inverosimile la conquista militare di Canaan da parte degli ebrei. Probabilmente, ciò fu invece frutto dell’ideologia nazionalistica che caratterizzava i circoli deuteronomistici all’epoca di Giosia, negli ultimi anni del Regno di Giuda.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 2 =

error: Il contenuto è protetto