Il libro di Giosuè

28 Maggio 2020

Il libro di Giosuè è il primo dei cosiddetti “libri storici”, secondo la divisione della Bibbia cristiano-cattolica e il primo dei cosiddetti “profeti anteriori” secondo il canone ebraico. Esso può essere suddiviso in due parti:

  • cc. 2-12: preparazione e realizzazione della conquista della Terra promessa
  • cc. 13-22: territori e confini delle tribù d’Israele dopo il loro insediamento nella Terra promessa

Il libro è aperto e chiuso da discorsi di YHWH e di Giosuè (Gs 1 e Gs 23-24). Gli studiosi pensano che questi due ultimi capitoli – i cc. 23-24 – sia di origine esilica o perfino post-esilica – VI-V sec. a.C. Fu infatti durante l’esilio e dopo l’esilio che molti degli attuali libri della Torah, Libri storici e profeti presero forma.

I territori assegnati alle dodici tribù: mito o realtà?

Un discorso particolare meritano gli elenchi dei territori assegnati alle 12 tribù d’Israele (cc. 13-19). Qual è la loro origine? Molti studiosi pensano che questi elenchi risalgano al periodo monarchico (sec. XI a.C. ss.) o perfino a quello dei Giudici (sec. XII-XI a.C.). D’altra parte altri studiosi pensano invece che questi elenchi risalgano ad un epoca recente, intorno al VI sec. a.C.

Francamente è difficile pensare che Israele, in un’epoca così antica della sua storia – come quella monarchica – sia stato suddiviso in modo ordinato e preciso in dodici tribù. Non è però inverosimile che essi riflettano in parte la riorganizzazione territoriale avvenuta durante il regno di Giosia (VIII-VII sec. a.C.)

Infatti, secondo alcuni testi come Gs 15,20-62 e 18,21-28 riflettono i nomi dei distretti di Giuda, compreso Beniamino, intorno al 620 a.C.

Anche i cc. 2-12, ossia i racconti della conquista vera e propria – tra i quali il celebre racconto dell’attraversamento miracoloso del Giordano – sono stati per lungo tempo un terreno fiorente di indagine. Basandosi soprattutto sulle descrizioni dettagliate presenti nei cc. 6-9 alcuni sostenevano che tale sezione contenesse tradizioni locali del II millennio a.C. raccolte con l’intento di spiegare l’insediamento della tribù di Beniamino.

In seguito un redattore giudeo avrebbe rielaborato queste tradizioni, inquadrandole in un contesto pan-israelita ossia che riguardava l’insieme di Israele. I due autori, come è noto, sostenevano anche che Israele avesse conquistato il suolo cananeo, ipotesi oggi quasi totalmente scartata dagli studiosi.

Infatti, gli archeologi sostengono che l’entità chiamata Israele – per la prima volta nella stele di Mernepta del XIII sec. a.C. – emerse da popolazioni locali che progressivamente si insediarono nelle colline di Canaan.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

14 + 8 =

error: Il contenuto è protetto