Un’invidia bestiale: il primo fratricidio

1 Settembre 2021

Caino disse al fratello Abele: «Andiamo in campagna!». Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise

Genesi 4,8

Ha un che di sinistro il fatto che le prime parole che Caino rivolge al fratello siano proprio queste e non altre.

Certamente, all’autore biblico interessava descrivere questo omicidio – il primo fratricidio per l’esattezza – per fini pratici che lui solo conosceva. Forse per esemplificare e miticamente fondare la lotta tra chi si riteneva discendente dell’una o dell’altra stirpe, quella di Caino e quella di Abele.

L’invidia che toglie il fiato

Sul piano narrativo, però, questa assoluta povertà di parole di parole tra i due fratelli, mentre dentro Caino montava il furore omicida è davvero sinistra!

Del resto, l’invidia provata verso qualcuno è avara di parole, perché parlare con chi si invidia genera sofferenza e soprattutto rabbia! La rabbia di sentire e vedere come qualsiasi cosa faccia, dica o pensi l’invidiato sia come un terribile e ingiustissimo affronto all’esistenza di chi non fa, non ama, non ha parole proprie e, soprattutto, ha rinunciato ad essere chi veramente voleva essere.

Andiamo in campagna! Il testo ebraico, alla lettera, dice: Andiamo nel campo! (in Ebr. שָׂדֶה sadeh). Nel campo che Caino ogni giorno coltivava, ma che produceva per lui solo spine e cardi (cfr. Genesi 3,18).

Una terra ingrata quanto odiata da chi guardava con invidia chi invece offriva con cuore contento a Dio i frutti di un mestiere fatto con passione e dedizione. Se ne stanno un po’ lì, insieme, probabilmente immersi ancora entrambi in un silenzio imbarazzante e gravido di conseguenze.

Lasciarsi dominare dalla “bestia”

Evidentemente, Caino era stato ormai assalito dalla bestia che era accovacciata alla porta di casa sua (cfr. Gen 4,7), il demonio furioso ed invisibile dell’invidia rabbiosa.

Ma ormai era troppo tardi per tenerla a bada. L’ebraico dice che Caino si avventò su di lui (in Ebr. wayyaqom Kayin el-hevel וַיָּ֥קָם קַ֛יִן אֶל־הֶ֥בֶל), come uno che non sopporta più neppure la presenza dell’altro e non può far altro che fuggire o, come in questo caso, avventarsi come una belva selvatica sull’oggetto (apparente) della sua infelicità.

Il testo diventa, se possibile, ancora più laconico e concentra tutto la hybris di Caino in una sola frasetta: lo uccise. Lo uccide nel campo, dove non ci sono testimoni e dove la vittima non può gridare aiuto e trovare soccorso. Una scena lugubre e drammatica che continua a riempire le prime pagine di cronaca nera dei nostri giornali.

La Bibbia ci offre uno spaccato davvero incredibile di come la rabbia provocata dall’invidia agisce e, perciò, di come può essere affrontata. Forse qualche giornalista potrebbe ispirarsi a queste antiche pagine, non limitandosi a dire: sembrava una brava persona  … 

Photo by Vijendra Singh on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La creazione dell’uomo – Terza parte

La creazione dell’uomo – Terza parte

Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Genesi 1,27 Questo versetto sembra un riassunto di ciò che è stato detto precedentemente. In realtà dice molte cose di più sul mistero dell'essere umano creato da Dio a sua immagine...

Era cosa molto buona (טֹ֖וב מְאֹ֑ד)

Era cosa molto buona (טֹ֖וב מְאֹ֑ד)

A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde». E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina:...

La creazione dell’uomo  – Seconda parte

La creazione dell’uomo – Seconda parte

... soffiò nelle sue narici un alito di vita e l'uomo divenne un essere vivente (Genesi 2,7) che ne sarebbe stato se la statuetta di terriccio non fosse stata animata dal respiro di Dio? Mi viene in mente l'immagine plastica ed evocativa del ragazzo dipinto da...

L’uomo e gli animali: quale rapporto?

L’uomo e gli animali: quale rapporto?

Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all'uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l'uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Dio benedice i primi due esseri umani

Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominatesui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra Genesi 1,28 L'uomo e la donna, appena creati, sono oggetto della...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 11 =