La Bibbia parla del frutto proibito

Scritto da Simone Venturini

10 Aprile 2021

frutto proibito

Spesso, la gente dice che la Bibbia è piena di leggi e proibizioni. È un dato di fatto, ovviamente. Ma si tratta veramente di proibizioni?

Nell’Eden

Partiamo, dalla prima e fondamentale “proibizione”, quella che Dio – anzi YHWH – fa ad Adamo di non mangiare del famoso, famosissimo albero della conoscenza del bene e del male (Gen 2,16-17).

Il Signore Dio diede questo comando all’uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti».

Nel testo ebraico, si usa il verbo tsawah – in Ebr. צָוָה – che effettivamente significa dare un precetto.  Da questo verbo, infatti, discende il nome mitswah – in Ebr. מִצְוָה – che significa “precetto”.

Però, YHWH aveva messo Adamo nell’Eden, dove non solo c’era l’albero della conoscenza del bene e del male, ma anche l’altrettanto famoso albero della vita.

La logicità del precetto

Adamo, in effetti, obbedisce al comando divino e non mangia dell’albero di cui Dio aveva parlato. Del resto, aveva tanti altri alberi da frutto di cui cibarsi e magari anche piante.

YHWH gli aveva detto che quell’albero poteva nuocere, perché – diremmo noi oggi – i suoi frutti erano velenosi. Perché mangiare un albero dai frutti velenosi?

L’obbligo, perciò, non è irrazionale, ma perfettamente logico: chi mangerebbe un frutto velenoso? È un po’ come quei cartelli che mettono gli agricoltori vicino a una pianta cui sono stati somministrati gli anticrittogamici.

Quando un precetto logico diventa morale

È l’uomo e nessun altro che ha il potere di trasformare un ordine sensato in una morale assurda e insensata. Solo le parole della prima donna, di fronte alle insinuazioni del serpente:

«È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete». 

(Genesi 3,1-3)

Non toccare un albero velenoso credendo che il solo tocco possa nuocere in qualche modo è assurdo. Questa è la morale che l’uomo si dà e che provoca l’opposto di quello che vieta.

Un precetto, dunque, è ben diverso da una morale che impedisce senza dare ragioni plausibili. Un ragionamento, questo, instillato nella prima donna, dal serpente…

Le leggi della Bibbia

Non è questa la sede per parlare di tutte le altre centinaia di proibizioni presenti nella Bibbia, soprattutto nell’Antico Testamento. Per la società di allora, esse avevano un senso preciso, per il buon andamento della vita nel gruppo di appartenenza.

Purtroppo, però, su tali leggi bibliche, sono state costruite fin troppe leggi che spesso non hanno veramente alcun senso… a meno che, non ci si prenda la briga di trovarlo e spiegarlo!

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

I fiumi dell’Eden

I fiumi dell’Eden

Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove c'è l'oro e l'oro di quella terra è fine; qui c'è anche la resina odorosa e la pietra...

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse, senza dubbio i due termini biblici più esotici, e che più hanno stuzzicato l’immaginario collettivo nei secoli. Creazione e Rivelazione, Nascita e Rinascita, Alfa ed Omega, insomma ... inizio e fine. Il fascino irresistibile dell'inizio e della...

La Bibbia parla di un Dio genocida?

La Bibbia parla di un Dio genocida?

Leggendo alcuni brani della Bibbia, la mente corre naturalmente a razzie etniche molto più recenti. La mente, almeno di noi italiani, corre subito a individui come Milošević. Israele viene invitato da DIO a separarsi totalmente dagli altri popoli, poiché esso...

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden ...  (Genesi 4,16) Non può non spiccare il parallelismo tra la situazione di Caino (in Ebr. קַ֔יִן qayin dal verbo קָנָה "acquistare" cfr. Gen 4,1) e quella di suo padre Adamo. Entrambi, dopo...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Ezechiele, le sue estasi e visioni

«Tra i profeti d’Israele, quelli che più di ogni altro sono entrati in contatto con i misteri del mondo e del tempo di Dio sono indubbiamente Ezechiele e Daniele. A dire il vero erano più dei mistici – una specie di odierni santoni – che vissero esperienze assai...

COME POSSO AIUTARTI?

1 + 6 =