L’albero della conoscenza del bene e del male

8 Aprile 2021

Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male

(Genesi 2,9)

L’albero della vita

Un giardino molto particolare quello dell’Eden. Oltre ai normali alberi da frutto, vi crescevano infatti anche due misteriosi alberi: l’albero della vita e l’albero della conoscenza del bene e del male. 

Del primo siamo informati più avanti. Quando, infatti, Dio scaccerà l’uomo dal giardino dell’Eden (Genesi 2,22) Dio motiva la sua azione in questo modo: “egli [ossia l’uomo] ora non stenda più la mano [che aveva colto il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male] e non prenda anche dell’albero della vita, ne mangi e viva per sempre].

Perciò, il frutto dell’albero della vita dona l’immortalità. Ed il secondo? Quale facoltà donerebbe all’uomo?

L’albero della conoscenza

Non è semplice rispondere a questa domanda che, spesso, viene infatti facilmente elusa nella predicazione.

In Genesi 1,1 si leggeva che “Dio creò il cielo e la terra”. Si indicavano gli estremi (il cielo e la terra) per indicare che Dio creò tutto ciò che esiste (tra il cielo e la terra). Gli antichi ebrei, infatti, non avevano espressioni per esprimere una totalità, come per esempio “universo” oppure “cosmo”.

Per fare un esempio ancora più chiaro, al posto di alfabeto avrebbero detto “A e Z”. Quale insieme indica, invece, l’espressione “bene e male”?

Anzitutto, la parola “conoscenza” – in Ebraico יָדָע yadà – era per gli antichi ebrei ben più che un’attività mentale o intellettuale. In altre parole, “conoscere” non significava solo “sapere” o apprendere nuove acquisizioni, ma anche e soprattutto “sperimentare”. Tra l’altro, le conoscenze più solide sono quelle che nascono dell’esperienza, ossia dalla verifica nella vita di ciò che si è appreso.

Perciò, più che di conoscenza del bene e del male, si tratterebbe piuttosto dell’esperienza del bene e del male. Ma se tale espressione indica una totalità, allora dovremmo dire “ogni esperienza del bene e del male” o, in modo ancora più semplice “ogni tipo di esperienza”.

L’illusione di poter fare tutto

Non si tratta dunque di un albero da frutto come gli altri. Non si tratta neppure di un albero, ma dell’acquisizione di una facoltà: quella di poter fare tutto, senza limiti, né censure. A ben vedere, perciò, i due alberi rappresentano delle possibilità che non sono alla portata dell’uomo, bensì di Dio: l’immortalità (“l’albero della vita”) e l’onnipotenza (“l’albero della conoscenza del bene e del male”). 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?

Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?

Ma il Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?» Genesi 3,9 Ogni volta che Dio pone una domanda di questo genere, non è perché l’uomo gli faccia conoscere qualcosa che lui ancora ignora: vuole invece provocare nell’uomo una reazione per l’appunto solo...

Non è bene che l’uomo sia solo

Non è bene che l’uomo sia solo

Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». Genesi 2,18 Eccoci giunti al momento più solenne del secondo racconto della creazione (Genesi 2). Ecco cosa dice Dio tra sé e sé. Potremmo dire anche che questo...

Il cielo e le sue fonti di luce

Il cielo e le sue fonti di luce

Dio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra». E così avvenne:  Dio fece le due luci grandi,...

La costola di Adamo

La costola di Adamo

Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto Genesi 2,21 Quando parliamo dei primi tre capitoli della Genesi, siamo abituati a pensare ad Adamo ed Eva come a due individui...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La creazione della donna

Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo Genesi 2,22 Plasmare o fare? Nelle nostre bibbie in lingua italiana, il verbo usato per descrivere l'azione di Dio che crea la donna è lo stesso usato per parlare della...

COME POSSO AIUTARTI?

15 + 5 =