Il simbolo delle acque e del mare

6 Luglio 2022

La Bibbia è piena di acqua! Ne parla spesso e volentieri, perché l’immagine dell’acqua è tremendamente efficace ad evocare particolari sensazioni.

Un simbolo con molti significati

L’acqua è vita e genera vita, laddove scorre ed irrora la terra. In tale e fondamentale accezione, il simbolo dell’acqua è ben presente nel Libro sacro (per es. Sal 1,3; 71,6; 106,35).  

L’acqua – in Ebraico מַיִם mayim – è però, come del resto tutti i simboli, ambivalente e può rappresentare anche altre cose. Perché l’acqua dà vita, ma può anche distruggere. In tal senso, l’acqua è ugualmente se non ancor più presente nella Bibbia (per es. Sal 45,4; 68,3; 68,15; 72,10; 123,4.5).

L’acqua del mare

Di acqua sono fatti i laghi, i fiumi e i mari. Queste distese acquatiche creano nuovi orizzonti simbolici. Soprattutto il mare – in Ebraico יָם yam – quando è in tempesta.

Nelle prime righe della Genesi – il primo libro della Bibbia – il mare tenebroso e abissale è il simbolo di tutto quello che precede la creazione (Cfr. Gen 1,1-2). 

Jahvé è costretto a confinare la potenza e irruenza del mare per permettere alla terraferma di emergere. Questo evento primordiale viene poi esistenzialmente compreso in altre pagine della Bibbia.

Il mare dell’angoscia

Nei Salmi, per esempio, il mare agitato è il simbolo dell’angoscia che irrompe in situazioni particolari della vita (per es. Sal 31,6; 68,3.16; Ger 49,23; Lc 21,25). 

Le acque del mare, profondo ed agitato, giungono perfino a simboleggiare la morte. Quale avversaria di Dio, essa sarà così definitivamente sconfitta. Nell’ultimo libro della Bibbia, infatti, il mare un giorno non esisterà più (Ap 21,1).

È evidente, perciò, che la simbologia dell’acqua non ha solo un valore cosmologico, ma anche e soprattutto antropologico.

Il mare come simbolo archetipico

Il mare, infatti, non è solo un simbolo. Esso non rappresenta solo le nostre paure. Esso è un simbolo archetipico, ossia esprime un bisogno fondamentale dell’uomo, fin dai tempi più antichi.

La sopravvivenza di un uomo, in certi periodi della vita, è garantita solo dal sentirsi al sicuro. La mancanza di sicurezza, l’assenza di appigli interiori, può essere ben rappresentata da un mare profondo e buio che rischia di sommergere tutto.

Un mare che, però, occorre affrontare – in un modo o in altro – perché solo al di sotto o al di là di esso si troverà la tanto ricercata pace.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Al riparo dell’Altissimo

Al riparo dell’Altissimo

(Articolo di Cecilia Mariotto) יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃ Chi abita al riparo dell'Altissimo passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente (Sal 91,1) Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera...

Le novantanove pecore

Le novantanove pecore

(Articolo di Cecilia Mariotto e Lisetta Delsoldato) Leggiamo così nel vangelo di Luca: Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? (LC 15,4) Ma se ci pensiamo bene...chi di...

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

11QMelch - ossia Melchisedec della Undicesima grotta di Qumran - è una figura di mediatore angelico che tuttavia si colloca anche nel contesto di un intervento escatologico (=ossia negli ultimi tempi che gli esseni di Qumran credevano di vivere) di Dio stesso a cui...

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La sigla del manoscritto trovato a Qumran - 1QS - indica il luogo in cui fu trovato: la prima grotta di Qumran; e al carattere del testo, regola, in ebraico Serek.  Infatti, vi è un'analogia tra il contenuto di questo manoscritto e le regole degli ordini monastici e...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Corpo e anima. Cos’è il corpo?

Il corpo: una parola importante che, nel corso del tempo, ha subito tante trasformazioni semantiche. La parola corpo viene dalla parola latina corpus che, a sua volta, traduce il verbo greco σῶμα soma  Questa parola assomiglia molto a sema che significa però "tomba"....

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 11 =

error: Il contenuto è protetto