Il simbolo delle acque e del mare

15 Novembre 2018

La Bibbia è piena di acqua! Ne parla spesso e volentieri, perché l’immagine dell’acqua è tremendamente efficace ad evocare particolari sensazioni.

Un simbolo con molti significati

L’acqua è vita e genera vita, laddove scorre ed irrora la terra. In tale e fondamentale accezione, il simbolo dell’acqua è ben presente nel Libro sacro (per es. Sal 1,3; 71,6; 106,35).  

L’acqua – in Ebraico מַיִם mayim – è però, come del resto tutti i simboli, ambivalente e può rappresentare anche altre cose. Perché l’acqua dà vita, ma può anche distruggere. In tal senso, l’acqua è ugualmente se non ancor più presente nella Bibbia (per es. Sal 45,4; 68,3; 68,15; 72,10; 123,4.5).

L’acqua del mare

Di acqua sono fatti i laghi, i fiumi e i mari. Queste distese acquatiche creano nuovi orizzonti simbolici. Soprattutto il mare – in Ebraico יָם yam – quando è in tempesta.

Nelle prime righe della Genesi – il primo libro della Bibbia – il mare tenebroso e abissale è il simbolo di tutto quello che precede la creazione (Cfr. Gen 1,1-2). 

Jahvé è costretto a confinare la potenza e irruenza del mare per permettere alla terraferma di emergere. Questo evento primordiale viene poi esistenzialmente compreso in altre pagine della Bibbia.

Il mare dell’angoscia

Nei Salmi, per esempio, il mare agitato è il simbolo dell’angoscia che irrompe in situazioni particolari della vita (per es. Sal 31,6; 68,3.16; Ger 49,23; Lc 21,25). 

Le acque del mare, profondo ed agitato, giungono perfino a simboleggiare la morte. Quale avversaria di Dio, essa sarà così definitivamente sconfitta. Nell’ultimo libro della Bibbia, infatti, il mare un giorno non esisterà più (Ap 21,1).

È evidente, perciò, che la simbologia dell’acqua non ha solo un valore cosmologico, ma anche e soprattutto antropologico.

Il mare come simbolo archetipico

Il mare, infatti, non è solo un simbolo. Esso non rappresenta solo le nostre paure. Esso è un simbolo archetipico, ossia esprime un bisogno fondamentale dell’uomo, fin dai tempi più antichi.

La sopravvivenza di un uomo, in certi periodi della vita, è garantita solo dal sentirsi al sicuro. La mancanza di sicurezza, l’assenza di appigli interiori, può essere ben rappresentata da un mare profondo e buio che rischia di sommergere tutto.

Un mare che, però, occorre affrontare – in un modo o in altro – perché solo al di sotto o al di là di esso si troverà la tanto ricercata pace.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Fino alla fine degli anni sessanta, la teoria di Martin Noth - ossia quella di un unico autore per il Dtr ( = Deuteronomista) - rimase sostanzialmente invariata, trovando principalmente conferme e qualche piccola rettifica. Tra i sostenitori, va annoverato anzitutto...

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Nel periodo rabbinico, gli autori riconoscevano generalmente che il Pentateuco fosse stato scritto da Mosè, mentre i "Profeti anteriori" - ossia la prima parte della seconda grande sezione della Bibbia ebraica - provengono dai personaggi principali di cui questi libri...

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La storia di YHWH: si legge Yahweh?

La Bibbia ebraica riporta sempre il cosiddetto "tetragramma divino", ossia quattro lettere ebraiche יהוה YHWH. Gli ebrei non possono leggere questo nome e impongono sempre la lettura 'ADONAY (אֲדֹנָי), sovrapponendo alle lettere ebraiche YHWH (יהוה) le vocali di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

9 + 1 =

error: Il contenuto è protetto