Uscire dalla schiavitù dell’angoscia

Scritto da Simone Venturini

26 Aprile 2020

Se si interpreta simbolicamente l’immagine del deserto, dopo il passaggio del mar Rosso cominciano già dei sentimenti di assurdità e di vuoto. Ci siamo lasciati dietro alle spalle il mondo dei vecchi programmi coercitivi dettati dall’esterno; ci siamo sottratti alla vita di schiavitù, all’esistenza vissuta dall’esterno, governata da monarchi stranieri divinizzati.

Ma ora, nella nostra vita, nella nostra esperienza, si spalanca un vuoto gigantesco. Per che cosa vivere adesso, se dall’esterno nessuno di dice cosa dobbiamo fare?

Il deserto dell’assenza di imposizioni e imposture

Dove rivolgerci ora, in che direzione orientarci, se vien meno il solido appiglio dell’esterno? Cos’è che adesso ha ancora senso? Immancabilmente i pensieri tornano al passato. Ma era davvero così brutto? Cosa non si darebbe adesso per uno dei consigli di allora, per un ordine di quelli che allora si rifiutavano!

Ma ora il mondo è senza appigli e inconsistente come una duna di sabbia e tutte le voci che vi si sentono sono come l’assurdo gioco del vento. Cento e cento volte s’impadronisce di noi il desiderio di non essere mai usciti dall’Egitto; e ci sentiamo stanchi e rassegnati e non vorremmo più andare avanti.

Cosa fare per non tornare indietro

E ancora una volta, solo a stento, più tardi potremo spiegare ad un altro cos’è che ci ha aiutato a resistere. Israele ha parlato sempre del periodo nel deserto come di un miracolo unico.

E in effetti, le proprie forze non bastano. Eppure si va avanti giorno dopo giorno. Ogni giorno si raccolgono pezzetti di ‘manna’, che tengono in vita; fugaci parole buttate là, brevi attimi di un empito di gioia, un piccolo successo, una passeggiata in due – diventano pezzetti di manna, cibo di Dio.

Tutto diventa un dono

Come se molto lentamente avvenisse una metamorfosi: da noi non facciamo proprio niente di essenziale nella nostra vita; ciò di cui si vive è come un regalo immeritato; tutto ciò che ci rafforza si dimostra essere un dono.

Ed è come se ora proprio questo fosse la cosa più importante: dopo che per tutta la vita ci siamo sforzati di meritarci la vita e di pagare il nostro permesso di soggiorno sulla terra con ogni specie di lavori forzati e di schiavitù, dobbiamo improvvisamente imparare a raccogliere i regali del quotidiano, ad aprire le fenditure delle rocce (Numeri 20,1-3) ed a prendere tutta la vita come un dono che ci cade in grembo.

Non dobbiamo imparare niente di meno che a vivere gratis nel vero senso della parola.

Il recupero dell’essenziale

E proprio questo cambiamento è duro. In sostanza è un completo sovvertimento di tutto ciò che finora aveva avuto valore. E questa è una cosa che si risulta amara, amara come le acque di Meriba (Esodo 17,1-7), e abbastanza spesso non ne beviamo neppure un sorso senza imprecare e maledire.

E tuttavia non c’è nient’altro da fare. Ciò che è essenziale ci cade in grembo; ciò che ci fa vivere non è quello che facciamo noi.

La libertà della gratitudine

E l’unica scelta è quella tra l’egoismo della paura e la libertà della gratitudine, tra la vita da schiavi in Egitto e il volo delle quaglie smarrite sulle oasi del deserto. Certamente, spesso proprio in questo tempo tutto ci sembra segnare il passo;

ogni delusione ci appare brutta il doppio; invece di procedere dritti in una direzione chiara si va piuttosto a zig-zag, ora verso nord, subito dopo verso sud, senza un piano riconoscibile, senza un progetto chiaro, in un essere sbattuti qua e di là incomprensibile, che, quanto più dura, tanto più si sente opprimente.

Nulla e nient’altro di come Dio ci ha fatto

Eppure in tutte queste ore di impotenza e di apparente assurdità si entra in uno spazio in cui l’azione personale si esaurisce e viene a maturazione il senso della grazia. 

Possono così passare degli anni, ma il tempo guarisce, e deve essere sopportato nel suo insieme, prima che la nostra persona si apra alla verità e noi siamo e non dobbiamo essere altro che ciò che Dio ci ha fatto.

(Tratto da E. Drewermann, Esegesi e Psicologia del profondo, Vol. 1, pp. 437-438)

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La Genesi dice che dobbiamo essere vegetariani?

La Genesi dice che dobbiamo essere vegetariani?

I primi due capitoli della Genesi descrivono quella che potremmo definire come l'età dell'oro del genere umano Clicca sul pulsante rosso per capire cosa dice la Genesi sulle presunte radici bibliche della dieta vegana:   Art by: Alex Grey Poi Dio disse: «Ecco, io vi...

Nella Bibbia uomini e animali sono uguali?

Nella Bibbia uomini e animali sono uguali?

Il libro di Qoèlet affascina l'uomo moderno, più di molti altri libri della Bibbia. Sì perché la Bibbia ebraica è veramente la matrice della nostra cultura occidentale. Il libro di Qoèlet offre una visione della vita assai misteriosa e problematica, perché l'autore è...

Cos’è veramente l’inferno?

Cos’è veramente l’inferno?

L'inferno - che la Bibbia chiama in vari modi - è un mondo sotterraneo, occulto, ma soprattutto tenebroso, dove il mondo umano sconfina in un mondo ignoto, difficilmente governabile e in cui si può entrare e uscire, ma fino a un certo punto, oltre il quale non c'è...

È possibile offendere Dio col peccato?

È possibile offendere Dio col peccato?

Contempla il cielo e osserva, considera le nubi: sono più alte di te. Se pecchi, che gli fai? Così si esprime Giobbe riguardo alla presunta rilevanza del peccato: Contempla il cielo e osserva, considera le nubi: sono più alte di te. Se pecchi, che gli fai? Se...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Risalire alle origini per capire se stessi

Chi tra noi non è curioso, almeno un po', di cercare le proprie origini, quelle della famiglia in cui si è cresciuti, per capire da dove parte il grande fiume di vita che giunge fino a noi, oggi? Ma anche oltre, più indietro ancora, fino a quella Origine che ha...

COME POSSO AIUTARTI?

12 + 9 =