La Bibbia e i tempi della nostra vita

3 Aprile 2020

Il capitolo 14 di Esodo narra l’attraversamento del Mar Rosso, evento unico nella Bibbia.

Il testo racchiude due concezioni diverse su come il Mar Rosso permise l’attraversamento a piedi degli Ebrei:

  • il mare si prosciugò poiché spirò un forte vento
  • il mare si divise in due

YHWH parla

Queste due presentazioni sono state sapientemente intrecciate da chi scrisse questo fondamentale capitolo della Bibbia. Vale allora la pena, di vedere ciò che conta al fine di capirne il messaggio.

I tre discorsi divini dividono il brano in tre parti:

  1. viene rivelato il piano di YHWH (14,1-4a) 
  2. di nuovo il piano di YHWH + l’intervento sul mare (14,15-18)
  3. solo l’intervento sul mare (14,26)

Al v. 13 corrispondono i vv. 30-31 dove viene confermato ciò che Mosè aveva detto; mentre la predizione di Mosè del 14 corrisponde al v. 25

Queste semplici osservazioni permettono di riconoscere tre parti del racconto:

  1. vv. 1-14
  2. vv. 15-25
  3. vv. 26-31

Ogni parte è legata ad un luogo e ad un tempo particolari. 

Il tempo dell’azione

Nel primo, dev’essere sera perché gli Israeliti preparano l’accampamento presso il mare; il secondo si svolge di notte (vv. 20-21) fino alla veglia del mattino; il terzo si svolge sull’altra sponda del mare ed inizia sul far del mattino. 

La redazione finale del racconto della Bibbia mostra bene i due piani dell’azione: 1. Dio comanda da dietro le quinte; 2. Israele ignora il piano divino. Mosè solo partecipa della conoscenza divina.

Ogni scena culmina con una confessione di fede:

  1. Mosè afferma, quando tutto sembra perduto, la sua fiducia in YHWH (vv. 13-14) – la notte in cui il Faraone sembra trionfare.
  2. Poi sono gli stessi egiziani a riconoscere la presenza di Dio (v. 25) – la veglia del mattino
  3. Poi anche gli Israeliti vedono e temono YHWH e il suo servo Mosè (v. 31) – l’aurora

La scansione del tempo della nostra vita

Il brano scandisce il tempo indicando uno schema esistenziale ben preciso.

La notte quando sembra tutto perduto e si è ad un bivio da cui si esce solo scegliendo una strada;

la veglia del mattino quando l’avversario è costretto ad arrendersi, quando la scelta fatta obbliga a chi la contrastava di cedere le armi e riconoscere la vittoria;

l’aurora di un nuovo giorno, di una nuova vita, della fiducia e della gioia per aver seguito la strada giusta che approda ai lidi della libertà.

Ora però questa libertà verra messa alla prova, perché quando si è liberi si può scegliere veramente cosa fare e a chi continuare ad affidarsi, senza la pressione di qualcuno che ci insegue!

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Il sistema rappresentato da Babilonia la Grande è in stretto rapporto (e quasi s’identifica) con la prima bestia che sale dal mare, da cui deriva anche l’attività della seconda bestia, che sale dalla terra. Entrambe sono a loro volta in diretta relazione con la loro...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

12 + 8 =

error: Il contenuto è protetto