Come si è formata la Torah? – Settima parte

10 Gennaio 2022

Queste sono le cose “sicure” che si possono dire riguardo alla formazione del Pentateuco:

  1. il Pentateuco non fu scritto (solo) da Mosè. Mosè resta il punto di partenza per la grande tradizione che poi confluì nel Pentateuco, ma non è più possibile pensare che fu lui a scriverlo materialmente.
  2. Gli antichi avevano un altro modo di comporre i testi. Essi non “buttavano” il materiale preesistente anche quando esso era antitetico a quello precedente.
  3. Il senso letterale non va tralasciato, perché da esso scaturisce ogni successiva lettura, anche quella allegorica o spirituale; ciò significa che bisogna discernere quale sia stato il significato originale delle parole bibliche.
  4. Un testo non va solo spiegato attraverso lo studio esegetico, ma anche compreso, ossia afferrato nella sua valenza teologica e spirituale.

Esistono anche dei punti deboli che obbligano a superare o comunque integrare l’ipotesi documentaria classica:

  1. l’impiego del nome divino (principalmente YHWH e elohim) non è un criterio sufficiente per attribuire un testo ad una fonte o ad un’altra. Essi va integrato da altri criteri letterari e stilistici.
  2. Anche il criterio dei “duplicati” all’interno di uno stesso brano non è un criterio insufficiente in se stesso per identificare fonti diverse corrispondenti. Una più profonda conoscenza della retorica ebraica impedisce di vedere testi duplicati laddove si tratta, per esempio, di una semplice “simmetria concentrica”.
  3. Il criterio dei “testi contraddittori” è ugualmente un criterio insufficiente in se stesso per riconoscere mani diverse all’interno di uno stesso testo. Soprattutto perché gli antichi usavano accostare testi anche tra loro contraddittori più che tralasciarli in nome di una logica che essi non conoscevano.
  4. Non basta neppure lo stile per identificare un certo autore.
  5. Il criterio della teologia che caratterizza e differenzia un certo brano da un altro è assai rischioso per riconoscere fonti e autori diversi. Ciò a causa della soggettività di un tale giudizio da parte dell’esegeta.

Infine, la teoria documentaria è assolutamente inadatta al riconoscimento delle tradizioni più antiche. Infatti, se la fonte D (Deuteronomio) e la fonte P sono facilmente riconoscibili ed attribuibili al Giudaismo del VI secolo rappresentato sia dai Giudei rimasti in Giudea che dai Giudei rientrati in patria, le più antiche fonti J ed E sono assai più fumose e nebulose.

Ciò però non significa che non esistano tradizioni più antiche del VI secolo; solo che esse non possono essere riconosciute a partire da una loro attribuzione alle fonti J o E.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 4 =

error: Il contenuto è protetto