Come si è formata la Torah? – Quinta parte

22 Dicembre 2021

Il Deuteronomio (D) e il Deuteronomista (Dtr). Nel XIX secolo gli studiosi discussero molto sull’origine del Pentateuco. Wellhausen, per esempio, pensava che originariamente esistessero due parti (Dt 1-4,44; 12-26; 27 e 4,45-11,39; 28-30) che poi furono fuse insieme nella fase finale della redazione del Pentateuco.

Riguardo alla datazione della fonte, molti sostengono che sia da porre in relazione alla scoperta del “rotolo del Tempio” al tempo del re Giosia (2 Re 22-23) ossia nel 622 a.C. Gli studi sul Deuteronomio ebbero grande impulso grazie agli studi di Martin Noth sulla cosiddetta “opera deuteronomistica”.

Egli sosteneva che un solo autore, vissuto ai tempi dell’esilio, scrisse la sua opera a Mizpa o a Betel, dunque in Giudea e non a Babilonia. È la storia della fedeltà di YHWH alle sue promesse e dell’infedeltà di Israele alla Legge di Mosè, contenuta nel libro del Deuteronomio.

Essa si estende dal Deuteronomio, una sorta di “introduzione teologica” includendo il libro di Giosuè, Giudici, 1 e 2 Samuele, 1 e 2 Re. Con ciò il Deuteronomio non farebbe parte del Pentateuco. Esso, invece, includerebbe solo i primi quattro libri Gen-Numeri e perciò chiamato “Tetrateuco”.

Per giustificare questa distinzione, Noth sostiene che non esistono testi ispirati alla teologia del Dt nei primi quattro libri del PentateucoQuesta è il primo dei punti deboli della teoria di Noth. Infatti, nel Pentateuco lo “schema” teologico del Deuteronomio (peccato-castigo-perdono-rinnovamento del patto) è presente anche altrove nel Pentateuco; per esempio, nell’episodio del vitello d’oro (Es 32-34). 

Difficile poi pensare che il Dtr (= Deuteronomista) sia l’opera di un solo autore. Il Dtr, invece, appare come una “storia ufficiale” scritta da coloro che diedero forma all’identità degli abitanti della provincia persiana di Jehud, ricostruendo la memoria del passato.

In tale direzione si muovono gli studiosi che, dopo Martin Noth, suddivisero l’opera Dtr in due o tre edizioni successive. Perciò il Dtr non poteva essere l’opera di un solo autore vissuto in una singola epoca. La teoria delle due edizioni (Frank Moore Cross) postula una formulazione dell’opera Dtr all’epoca della riforma cultuale del re Giosia (2 Re 22-23) ed un’altra in epoca esilica.

La teoria, invece, delle tre edizioni postula che il Dtr sia stato interamente composto in epoca esilica (Alfred Jepsen), dal 580 alla fine del VI sec. a.C.

Rudolf Smend riformulò quest’ultima ipotesi, individuando anzitutto uno strato “storico” (il DtrG) che va da Dt 1,1 a 2 Re 25,30, intorno al 550 a.C.; a ciò si aggiungerebbe lo strato “profetico” (DtrP) ed infine quello “monista” (DtrN) che estese il linguaggio deuteromista al resto del Tetrateuco che sarebbe infine stato riunito all’opera Dtr.

A tali principali teorie seguirono altre di non minore importanza, ma che nell’insieme hanno reso la questione del deuteronomista (o del deuteronomismo) assai complessa; come del resto è accaduto per le fonti del Pentateuco.

Il problema è che occorre trovare un ancoraggio storico al presunto “movimento deuteronomista” da cui concretamente provenne la redazione finale del Pentateuco e dei libri storici. 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 6 =