Come si è formata la Torah? – Sesta parte

5 Gennaio 2022

La fonte P. A partire della sua denominazione, questa “fonte” presenta già notevoli difficoltà. Dapprima fu chiamata elohista (dal medico francese Jean Astruc), poi codice sacerdotale (da cui deriva la sigla “P”) e infine tradizione sacerdotale. 

Classicamente si ritiene che P abbia rappresentato l’ultima fase redazionale del Pentateuco, fornendone la trama generale. Tuttavia, più delle altre fonti, P conteneva indubbiamente anche leggi e racconti.

Si pensi, per esempio, alla storia del diluvio. Il lavoro redazionale di P parte dalla Genesi, dove la fonte è tradizionalmente riconoscibile nelle cosiddette formule di toledoth che strutturano il primo libro della Bibbia in dieci parti.

Il suo linguaggio è assai fisso e stereotipato, pieno di numeri e genealogie anche se è capace di astrazione (cfr. il primo racconto della creazione in Gen 1,1-2,4a). Tipico è l’interesse per il culto e i suoi riti.

Se è vero che P costituisce l’impalcatura del Pentateuco ciò però non significa che P non abbia una storia letteraria alle spalle. L’opinione prevalente era di distinguere tre fasi:

  1. uno scritto di base, che la fonte usò
  2. la raccolta di leggi denominata “codice di santità” (Lv 17-26) che risalirebbe ai tempi di Ezechiele
  3. altre aggiunte supplementari

Questa successione cronologica di P entrò via via in crisi, fino a ritenere P di origine esclusivamente post-esilica. Sorgeva però il problema di come P avesse potuto attingere ai racconti più antichi, ossia al cosiddetto materiale tradizionale.

Alcuni pensavano allora che P avesse attinto al racconto derivato dall’unione di J ed E all’epoca di Ezechia (il cosiddetto RJE). Altri pensano invece che P abbia raccolto racconti fino ad allora inediti.

Del resto alcuni elementi di P sembrano presupporre il periodo monarchico, come per esempio le menzioni della “tenda del convegno” (Es 25-31; 35-40) che non possono essere considerate solo delle retro-proiezioni del servizio cultuale del Tempio, quando questo non esisteva più, poiché distrutto.

Così dicasi per le menzioni degli oggetti divinatori, come gli Urim e Tummim, che ovviamente non esistevano più nel periodo del Secondo Tempio, quando al centro fu posta esclusivamente la Torah.

J (Jahvista) +E (Elohista) +D (Deuteronomio) +P (Sacerdotale): questa era allora la successione cronologica classica delle fonti che costituiva l’ipotesi documentaria classica attorno alla quale confluiva il consenso degli studiosi, fino alla prima metà del XX secolo.

Ma le cose cambiarono drasticamente dopo la seconda guerra mondiale. L’elohista iniziò a scomparire e l’interesse principale degli studiosi si concentrò su J e su P. Uno dei problemi di fondo era (ed è) quello della compatibilità del concetto di “fonte” con quello di “tradizione” (Gerhard von Rad e Martin Noth).

Se una tradizione percorre trasversalmente l’intero Pentateuco, con una sua origine, uno suo sviluppo e una sua piena maturità letteraria, che senso ha parlare di fonti, ossia di materiale cristallizzato usato dagli autori del Pentateuco?

Ma sarò soprattutto a partire dagli anni Settanta che gli studiosi metteranno definitivamente in crisi l’ipotesi documentaria. Ad oggi vi sono ormai dei chiari punti di non ritorno.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Nefesh: significa anima?

Nefesh: significa anima?

Sono Simone Venturini e da quando avevo 19 anni mi occupo di Ebraico e Bibbia ebraica, aiutando me stesso e gli altri a scoprirne l’inesauribile ricchezza. Una ricchezza e un’abbondanza che le deriva dalle radici in cui essa è innestata. Radici spirituali ed umane...

Il pozzo di acqua viva (בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים)

Il pozzo di acqua viva (בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים)

 וַיַּחְפְּר֥וּ עַבְדֵֽי־יִצְחָ֖ק בַּנָּ֑חַל וַיִּ֨מְצְאוּ־שָׁ֔ם בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים:Testo ebraico di Genesi 26,19 TRASLITTERAZIONE: Wayyachperù 'avde-itschaq banàchal wayy'mtse'ù-sham be'èr màyim chayyim Traduzione letterale: I servi di Isacco scavarono nel...

Studiare l’ebraico per non dipendere dai soliti guru

Studiare l’ebraico per non dipendere dai soliti guru

Sono Simone Venturini e da anni mi occupo di formazione nel settore della Bibbia ebraica e dell’Ebraico. Credo fermamente che la conoscenza dell’Ebraico antico – quello in cui fu scritta la Bibbia per intenderci – non rappresenti solo un arricchimento culturale, ma...

Eben-Ezer (אֶ֣בֶן הָעָ֑זֶר): la pietra dell’aiuto

Eben-Ezer (אֶ֣בֶן הָעָ֑זֶר): la pietra dell’aiuto

Leggiamo questo brano della Bibbia ebraica: וַיִּקַּ֨ח שְׁמוּאֵ֜ל אֶ֣בֶן אַחַ֗ת וַיָּ֤שֶׂם בֵּֽין־הַמִּצְפָּה֙ וּבֵ֣ין הַשֵּׁ֔ן וַיִּקְרָ֥א אֶת־שְׁמָ֖הּ אֶ֣בֶן הָעָ֑זֶר וַיֹּאמַ֕ר עַד־הֵ֖נָּה עֲזָרָ֥נוּ יְהוָֽה׃ wayyiqqah shemu'el 'acaht wayyàsem ben-hammitspah uven...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Studiare l’ebraico per capire i manoscritti di Qumran

Ho cominciato a studiare l’Ebraico all’età di 19 anni, perché già da allora avevo deciso di studiare l’esegesi, ossia l’interpretazione della Bibbia e per farlo occorreva imparare l’Ebraico e il Greco. Dovetti prima studiare Teologia e poi, nel 1990, iniziai a...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 10 =

error: Il contenuto è protetto