Il paradiso perduto

12 Ottobre 2021

Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto

Genesi 3,23

Questo versetto svolge due funzioni. Chiude il capitolo 3 ed insieme la prima parte della Genesi, ossia la creazione e il racconto della caduta (Genesi 1-3).

Il paradiso perduto

D’altra parte però c’è anche un’altra e meno evidente funzione, legata alla realtà della vita quotidiana. Il racconto dell’Eden è la storia del cosiddetto paradiso perduto. Ossia di una condizione felice dell’umanità, quando essa era in piena comunione con Dio e con il creato.

L’autore di Genesi 3 probabilmente si chiedeva: perché si è condannati a coltivare un suolo che dà solo spine e cardi? Forse ciò dipende da una ‘colpa‘ originale? Forse l’uomo, all’inizio, si trovava in un luogo di delizie, ossia l’Eden, il paradiso terrestre?

Dovevano essere non troppo dissimili da queste le domande che l’anonimo autore di questo capitoli si faceva ogni giorno, alle prese con la dura vita nella Giudea che era stata devastata dai Babilonesi cinquant’anni prima.

Domande antiche e sempre nuove

Perciò le due parti del versetto dovrebbero idealmente essere rovesciate: l’uomo lavorava il suolo da cui era stato tratto perché era stato scacciato dal Signore dall’Eden. In tal modo, il versetto rappresenta la risposta che l’antico scrittore si era data. Alla fine del brano, troviamo così quasi il titolo – a mo’ di risposta – della storia narrata al capitolo 3.

Se dall’Eden al suolo dove attualmente l’uomo lavora il percorso è certo, perché è praticamente la storia di ciascuno di noi alle prese con le difficoltà del lavoro e della vita, che dire del percorso dalla condizione attuale dell’uomo all’Eden? E’ possibile tornare al paradiso terrestre?

È possibile, cioè, tornare ad una vita in sintonia con se stessi, con Dio e con il creato? Ciò non significa abbandonare il lavoro per inseguire luoghi e stili di vita veramente utopici, ma nel capire che ogni trasgressione ha limiti insuperabili. Che nessuno può pensare di essere Icaro senza che le sue ali posticce un giorno si sciolgano.

In fondo, accettare se stessi e i propri limiti, significa dare a Dio la possibilità di amarci come lui vuole e di trasformare – lentamente – i nostri giorni in un luogo più felice ed abitabile.

 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

Il Signore Dio disse alla donna: Che hai fatto? Rispose la donna: il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato Genesi 3,13 Né l'uomo né la donna si prende la responsabilità delle proprie azioni. Questo è chiaro e viene ribadito ogni volta che, nei più diversi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

9 + 9 =