La terra e l’uomo

Scritto da Simone Venturini

11 Maggio 2020

«[La terra] che partorisce  tutti gli esseri, li nutre e ne riceve poi nuovamente il germe fecondo».

Eschilo, Coefore

La terra presso i Greci

In Grecia, fin dai tempi più antichi, Gaia o Ghe godette di un culto assai esteso. In un inno antichissimo, così si parla della terra:

«Zeus fu, è e sarà, o Grande Zeus; con il tuo aiuto la Terra ci dà i suoi frutti. Giustamente noi la chiamiamo madre nostra».

La terra forma così il fondamento del cosmo ed era adorata perché fruttificava, era feconda e riceveva. 

La terra nella creazione biblica

Nel racconto della creazione biblica, narrato in due versioni e scritto intorno al VI sec. a.C. (leggi Genesi 1-2), si parla ugualmente delle terra, ma con qualche cambiamento.

Essa viene chiamata אֲדָמָֽה ‘adamah, che indica il suolo battuto, a differenza di עָפָר֙ ‘afar che indica, invece, la polvere sopra la terra. C’è anche un terzo termine, אֶרֶץ ‘eretz che significa sia terra, che nazione (‘erets Israel = nazione di Israele)

Anche nella Bibbia, dalla terra provengono gli animali e la vegetazione, ma l’attività produttrice della terra è comunque legata ad un ordine preciso di YHWH, il Dio degli ebrei.

Qualcosa di simile è presente anche nell’antica Grecia – vedi il frammento di testo citato poc’anzi – anche se qui Gaia era adorata e venerata come Madre terra.

La sacralità di Madre terra

Anche nella Bibbia però, a dire il vero, la terra ha una certa autonomia rispetto a YHWH. Certamente, c’è l’ordine divino: la terra produca … (Genesi 1,11.24), ma poi è la terra stessa che fa uscire i germogli e gli esseri viventi.

Perciò, anche per la Genesi, la terra – mai chiamata madre terra – gode di un certo status, non divino, ma comunque di una creazione divina particolarmente rispettabile. 

Infatti, gli antichi ebrei e gli antichi greci osservavano semplicemente la vita e vedevano che dalla terra fuoriuscivano gli esseri viventi e ad essa ritornavano.

Essi erano in un certo senso fusi con essa è perciò da essa venivano e ad essa tornavano (cfr. Giobbe 1,21). 

La terra e l’uomo

Nella Bibbia, anche l’uomo deriva dalla terra. Egli si chiama אָדָם ‘adam un nome profondamente imparentato con אֲדָמָֽה ‘adamah. Tra l’altro, in ebraico דָּם dam è sangue e perciò la terra, in un certo senso, contiene anche il sangue di cui l’uomo è composto.

Qualunque sia il rapporto tra il sangue e la terra, gli autori biblici volevano comunque mettere in rapporto l’uomo e la terra, la sua universale derivazione.

La terra rappresenta l’uomo, la sua maggiore o minore ricettività sia ai semi che all’acqua. Tale simbologia è presente anche nei vangeli, per esempio nella parabola del buon seminatore (Marco 4,1-12). I vari tipi di terreno rappresentano i vari tipi di persone, più o meno ricettive all’azione di Dio e della sua parola.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

I fiumi dell’Eden

I fiumi dell’Eden

Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove c'è l'oro e l'oro di quella terra è fine; qui c'è anche la resina odorosa e la pietra...

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse:  l’inizio nella fine, la fine nell’inizio

Genesi e Apocalisse, senza dubbio i due termini biblici più esotici, e che più hanno stuzzicato l’immaginario collettivo nei secoli. Creazione e Rivelazione, Nascita e Rinascita, Alfa ed Omega, insomma ... inizio e fine. Il fascino irresistibile dell'inizio e della...

La Bibbia parla di un Dio genocida?

La Bibbia parla di un Dio genocida?

Leggendo alcuni brani della Bibbia, la mente corre naturalmente a razzie etniche molto più recenti. La mente, almeno di noi italiani, corre subito a individui come Milošević. Israele viene invitato da DIO a separarsi totalmente dagli altri popoli, poiché esso...

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden ...  (Genesi 4,16) Non può non spiccare il parallelismo tra la situazione di Caino (in Ebr. קַ֔יִן qayin dal verbo קָנָה "acquistare" cfr. Gen 4,1) e quella di suo padre Adamo. Entrambi, dopo...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Ezechiele, le sue estasi e visioni

«Tra i profeti d’Israele, quelli che più di ogni altro sono entrati in contatto con i misteri del mondo e del tempo di Dio sono indubbiamente Ezechiele e Daniele. A dire il vero erano più dei mistici – una specie di odierni santoni – che vissero esperienze assai...

COME POSSO AIUTARTI?

7 + 4 =