Il pane e il vino – לֶ֣חֶם  וָיָ֑יִן

29 Agosto 2022

pane e vino

(Articolo di Cecilia Mariotto)

וּמַלְכִּי־צֶ֨דֶק֙ מֶ֣לֶךְ שָׁלֵ֔ם הֹוצִ֖יא לֶ֣חֶם וָיָ֑יִן וְה֥וּא כֹהֵ֖ן לְאֵ֥ל עֶלְיֹֽון׃

Intanto Melchìsedek, re di Salem, offrì pane e vino: era sacerdote del Dio altissimo

(Gen 14,18)

Il pane e il vino: sono due elementi fondamentali per la tradizione cristiana, ma nascono nella Bibbia Ebraica. Dopo aver ascoltato una riflessione di Luca Gavazzi relativa a questo argomento, che considerava l’aspetto del significato esoterico di questi due termini, ho avuto modo di riflettere su alcune cose.

La benedizione del pane e del vino nasce nella Genesi

Per la forza dell’abitudine, parlo personalmente, di vivere alcuni riti e sacramenti nella pratica cattolica, non mi sono mai chiesta che senso avessero il pane ed il vino nella tradizione cristiana.

Scoprire il versetto 18 del quattordicesimo capitolo della Genesi mi ha aperto un mondo. E’ proprio un sacerdote del D-o Altissimo, Melchìsedek, che insieme ad Abramo da inizio alla benedizione del pane e del vino.

Due elementi e alimenti che per molti di noi sono scontati, perchè parte di una tradizione, ma che hanno un senso profondo nelle origini.

Il pane (in ebraico  לֶ֣חֶם ) è l’alimento che da sostanza, nel dizionario Devidson si trova il significato sia di pane, ma anche di cibo, qualcosa che riempie, che da sostentamento. Mentre il vino (in ebraico  יָ֑יִן  ) ha significato anche di un qualcosa che fermenta, che in qualche modo produce una reazione.

Una possibile chiave di lettura

L’autore della riflessione, che rientra in un’ottica Kabalistica, esprime alcune considerazioni su una possibile interpretazione delle parole pane e vino.

Il pane può essere la sostanza, il testo scritto della Torah. Il vino, invece, è l’aspetto più profondo, ovvero ciò che scorre nelle vene, quindi l’interiorizzazione dei significati che la Torah trasmette.

Questa chiave di lettura, che può essere o meno condivisa, mi ha dato la possibilità di pormi domande sul senso di un rito, che fa parte della liturgia cattolica, che per troppo tempo ho dato per scontato, senza pormi domande o senza trovare spunti che mi permettessero di approfondirne il senso.

Avere la possibilità di approfondire l’ebraico biblico mi aiuta davvero ad aprire porte di cui nemmeno conoscevo l’esistenza.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 15 =

error: Il contenuto è protetto