Giuseppe l’uomo che rischiava di allontanare da sé l’amore

Scritto da Simone Venturini

19 Marzo 2019

Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo.

Giuseppe suo sposo, che era giusto e non proponendosi di ripudiarla, decise di licenziarla in segreto.

Mentre però stava soppensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo.

Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi

Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa, la quale, senza che egli la conoscesse, partorì un figlio, che egli chiamò Gesù.

Matteo 1,18-25

Giuseppe e Maria: due persone normali

Se ci riesci, devi sgombrare la tua immaginazione da tutto ciò che oggi – giustamente – rappresenta per te e per la Chiesa San Giuseppe e la Beata Vergine Maria.

Immaginali, invece, come due ragazzi ordinari, che vivevano a Nazareth intorno al 4 a.C., anno in cui probabilmente è da ambientare questo bellissimo brano.

Immaginali come due ebrei del loro tempo, tenuti alla stretta osservanza della Legge. Nazareth era allora un piccolo villaggio della Galilea, la parte settentrionale della Palestina; la gente viveva di agricoltura, oppure di mestieri come quello di Giuseppe: il carpentiere, ossia uno che sapeva lavorare il legno.

Maria era probabilmente una ragazzina giovanissima, forse appena dodicenne. Ma anche di lei, come di Giuseppe, il vangelo dice quasi nulla. Sappiamo però che i due erano formalmente impegnati da una promessa di matrimonio.

Non potevano ancora coabitare, ma giuridicamente avevano già stretto un accordo talmente vincolante che, per scioglierlo, il futuro marito sarebbe stato costretto a ripudiarla, ovviamente per giusto motivo (cfr. Dt 22, 20 ss.).

Come l’evangelista Matteo parla di Giuseppe

È interessante il modo in cui l’evangelista Matteo, dopo una lunga genealogia (versetti 1-17), inizia il racconto: Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo.

Poi, però, non si parla subito della nascita di Gesù, ma della vicenda di Giuseppe e Maria, perché? Forse perché la nascita di Gesù era ciò che più interessava ai cristiani per i quali Matteo scrisse il suo vangelo, intorno all’80 d.C. Per loro, infatti, Gesù era ormai il Cristo e non solo Gesù. Ma non è questo l’elemento che voglio porre in evidenza.

Se vogliamo subito capire il senso del brano per la nostra vita, potremmo dire che la nascita di un bambino è l’esito naturale di un rapporto d’amore, il progetto principale di un matrimonio in fieri o già iniziato. Ma ogni rapporto d’amore è fatto di due persone ed è proprio di loro che questo brano vuol parlare.

Dirò subito che, per quanto mi riguarda, non porrò in evidenza la dimensione straordinaria della vicenda di Giuseppe e Maria, ma ciò che tra le righe si può leggere in rapporto al rapporto d’amore tra due persone e quali sono gli ingredienti necessari per non farlo fallire.

Maria di Nazareth

È ovvio che qui si parla della concezione di Maria per opera dello Spirito Santo. Ciò che, però, vorrei che tu notassi è il problema di Maria, ossia ciò che è accaduto in lei in rapporto a ciò che la gente poteva pensare di lei.

Forse per lei non era un problema, perché aveva accettato consapevolmente ciò che era accaduto in lei (cfr. Luca cap. 1, 26-38). Lo era per, certamente, come vedremo, per il suo fidanzato. Tuttavia doveva essere consapevole della pena che la Legge infliggeva a casi come il suo. Sì, perché per la gente lei era semplicemente un’adultera.

In casi come il suo era prevista la lapidazione. Non poteva non saperlo, perché era una ragazza ebrea, ben conscia di quali fossero i suoi diritti e doveri nei riguardi della società in cui viveva. Quale potrà mai essere il parallelo tra Maria e la tu vita? Se in lei vedi solo l’evento eccezionale del concepimento verginale, non può esserci ovviamente alcun parallelo!

Maria oggi

Se invece consideri qualcosa che ti è accaduto che per te è una cosa bellissima, mentre se pensi alla gente, provi solo angoscia e ansia, perché sai che, probabilmente, la gente mai approverebbe ciò che ti è accaduto, ciò che tu pensi o stai progettando di fare.

Non entro intenzionalmente nel merito di cosa può esserti accaduto, di ciò che hai o stai progettando, perché solo tu sai di cosa si tratta.

Forse, temete che anche la persona che amate possa non comprendere, perché magari non sa mettersi in discussione, preferendo seguire il consenso comune, l’opinione dominante.

Ciò che vive dentro di te ti fa gustare orizzonti infiniti di pace e libertà, ma tutto, fuori di te, suggerisce invece chiusura e disperazione.

Giuseppe di Nazareth

Ma era Giuseppe che doveva prendere una decisione. Maria, per la Legge, era un’adultera e doveva essere punita. Il racconto dice che Giuseppe era giusto (in Ebr. tsaddiq צַדִיק) Nel vangelo di Matteo, la giustizia è un comportamento conforme al volere di Dio. Per gli ebrei, il volere di Dio si manifestava nella Legge, nella sua scrupolosa osservanza.

I confini della giustizia di Giuseppe erano quelli dettati dalla Legge. Il racconto non dice se Giuseppe amasse Maria; si può solo presumere che tenesse molto a lei, perché non si propose di ripudiarla, ma decise di allontanarla da sé, nel segreto, magari di notte quando la gente non poteva vedere.

C’è, però, una bella differenza tra tenere molto ad una persona ed invece accoglierla con tutto il carico della sua novità e magari con ciò che essa è fino in fondo. Sono molto importanti i verbi che ho sottolineato: proporsi, decidere, soppesare.

I ragionamenti di Giuseppe

Interessante anche vedere come Giuseppe, dopo aver deciso di mandar via Maria, continuava a soppesare i pro e i contro, diremmo noi.

Giuseppe è un uomo giusto, ma profondamente assorto nei suoi pensieri e stretto tra l’osservanza della Legge e il consenso dalla gente, che certamente non avrebbe visto di buon occhio che la pancia di Maria crescesse prima che fossero celebrate ufficialmente le nozze.

È come se, la sua testa e la sua volontà facessero continuamente avanti e indietro, tra la decisione e la non decisione. Non aveva il coraggio di tenere con sé Maria, perché, forse, la sua giustizia non era la “superiore giustizia” di cui parlerà il suo stesso figlio (Matteo cap. 5, vers.20).

Tuttavia, Maria era la donna che voleva sposare e, perciò, non avrebbe mai sopportato l’idea che potesse essere quasi uccisa sotto i colpi della pietre …

La svolta

Ma mentre continuava a soppesare, gli apparve in sogno un angelo del Signore. Il racconto non dice espressamente che Giuseppe si coricò e, mentre dormiva, ebbe un sogno. Ed anche quando poi si dirà “destatosi dal sonno”, pare un po’ strano che si dia subito da fare.

Secondo me, infatti, qui si vuol dire che mentre Giuseppe continuava a valutare cosa fare, appare un angelo, ossia giunge un messaggio, un’intuizione da altrove che permette a Giuseppe di capire cosa sia veramente accaduto a Maria. Anche qui, sembra difficile trovare un parallelo tra l’apparizione di un angelo e la tua vita.

Ciò che è importante è che l’angelo rappresenta qui un messaggio che viene da Dio, dal cielo. Un messaggio che può giungere anche attraverso un sogno, ma non solo.

La sospensione della realtà per entrare in un’altra dimensione

Come comprendere in profondità la persona che amo?

Come vincere luoghi comuni, la paura di fare delle figuracce e, soprattutto, mettersi in discussione nel profondo per accogliere la sconvolgente novità che sempre rappresenta l’altra persona, soprattutto quella con cui voglio condividere una intera esistenza? Bisogna attingere da un’altra fonte di informazioni, da un altro mondo, diverso da quello ordinario e che si rende presente, per Giuseppe, nel sogno.

Ma il sogno, o se si vuole la dimensione onirica, indica anche una sospensione della realtà per accogliere messaggi che giungono da altrove, dalla profondità di noi stessi e da Dio che vive dentro di noi.

Questa sospensione della realtà può avvenire durante una pausa di riflessione, una meditazione, insomma uno spazio che ti sei ritagliato e che hai isolato dal tram tram quotidiano.

Soprattutto, però, questa sospensione può avvenire nella preghiera autentica, fatta non (solo) di parole, ma di disponibilità a rinunciare ai propri punti di vista (soppesare le cose) per abbracciarne nuovi e che sono in grado di muovere veramente la nostra volontà verso ciò che può renderci felici.

Il peso dell’opinione pubblica

La stretta osservanza della Legge, ossia l’osservanza scrupolosa ed esteriore di precetti, oppure i consigli taciti dell’opinione di quelli che vivono intorno a noi possono drammaticamente frustrare i più grandi progetti e gettare una persona nel grigiore di una vita lontana da se stessi e segnata da una continua rinuncia a ciò che veramente siamo.

Segnata dalla tristezza di non aver fatto ciò che potevamo fare e che, però, non abbiamo avuto il coraggio di fare.

Il pericolo dell’esitazione

Pensare e ripensare le cose, rimuginare su cosa fare quando alla persona che “amiamo” cambia idea su tante cose; oppure quando ha in cuore un progetto che vuole realizzare ma che cozza violentemente contro il nostro egoismo; oppure quando essa vive una situazione imbarazzante che “agli occhi della gente” è definita addirittura scandalosa … pensare e ripensare le cose conduce ad una condizione di stasi, di immobilismo che genera nell’altro sospetto e sfiducia.

Nel caso di Giuseppe, poteva condurre addirittura alla separazione dei due … ve lo immaginate cosa sarebbe accaduto? Te lo immagini, oggi, cosa sarebbe accaduto se “quella volta” non avessi rinunciato a rimuginare e se non fossi entrato in Chiesa, a pregare, oppure non avessi aperto la Bibbia e meditato il brano che ti si è aperto davanti agli occhi?

Una diversa generazione

Ossia Gesù, concepito verginalmente nel grembo di Maria senza intervento umano. Questa frase può essere applicata anche a ciascuno di noi; infatti, nel primo capitolo del vangelo di Giovanni, si parla di coloro che hanno “accolto il Verbo”, ossia Dio che si è manifestato in Gesù.

Costoro “non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati“. In parole semplici, Giovanni sta parlando della rinascita interiore che può avvenire dentro di noi. Si tratta non di una generazione fisica, come nel caso di Gesù, ma spirituale ma pur sempre di generazione si tratta …

Anche tu, magari, hai sperimentato la stessa cosa. Una ispirazione, un progetto, un’intuizione che ti sono state suggerite non dalla carne, ossia non dai tuoi ragionamenti. Insomma, qualcosa che è nato dentro di te e che percepisci chiaramente come opera di Dio. Ossia, qualcosa che è stata generata da lui e non dalla tua ragione, oppure dai tuoi istinti egoistici.

Una cosa bella, anzi bellissima che ti fa star bene, ma che potrebbe dividerti dalla persona che ami, a meno che la persona che ami non accetta di mettersi in discussione, di sospendere il giudizio umano e affidarsi a quello suggerito nella preghiera. Lo farà?

Quando Dio parla tutto si mette in moto

“Destatosi dal sonno”, non solo quello fisico, ma secondo me anche quello intellettuale e spirituale. Un “sonno” che può durare anche anni, non solo un giorno, dove si rischia di perdere ciò che nella vita più conta: l’affetto delle persone più care, soprattutto l’affetto del partner.

Si vorrebbe comprendere l’altra persona, ciò che di bello e di grande sta accadendo in lei o ciò che ci sta proponendo, ma non si è in grado di decidere in una direzione o in un’altra. Si continua, invece, a pesare e soppesare, in un circolo snervante di ipotesi e soliloqui interiori, ma senza entrare in profonda comunione con l’altra persona.

Quando, invece, Dio finalmente parla – perché tu gli hai chiesto di parlare – allora i dubbi svaniscono, tutto diventa chiaro. Tutto diventa chiaro perché Dio conosce meglio di te ciò che lui stesso ha generato nell’altra persona, tutto ciò che gli o le ha suggerito e il progetto personale che la persona che ami dovrà realizzare nella sua vita.

Un progetto che, se reciprocamente accolto, non danneggerà la coppia. Giuseppe, infatti, se avesse allontanato da sé Maria non solo avrebbe esposto Maria ai rischi di una gravidanza solitaria e senza aiuto alcuno,

ma avrebbe frustrato e distrutto il loro rapporto d’amore, cosa che egli non avrebbe mai voluto, ma che comunque stava rischiando di fare.

Il dinamismo che nasce dall’abbandono a Dio e alla vita

Dopo averi ricevuto il messaggio angelico egli, invece, si muove, decide e va nella direzione contraria non al suo rapporto d’amore con Maria, ma contraria alla sua “giustizia”, ai suoi ragionamenti, al suo modo di vedere le cose.

Interessante la frase “prese con sé Maria”; che rappresenta l’esatto opposto di ciò che voleva fare all’inizio: “allontanare da sé Maria”.

“Prendere con sé”, ossia custodire, difendere e promuovere ciò che è stato generato in Maria e che non proviene né da lei, né da lui, ma solo da Dio. Dunque, prendere con sé, significa per te accettare ed accogliere ciò che è stato generato da Dio nella persona che ami, perché convinto che questa accoglienza porterà gioia e felicità non solo a lei (o lui) ma anche a te.

Anzi, da questa accoglienza dipenderà anche la felicità di tante altre persone che riceveranno beneficio dalla realizzazione del progetto ispirato da Dio.

Il nome “Gesù”, infatti, significa “Dio salva” e lo fa anche attraverso il tuo rapporto d’amore con l’altra persona e attraverso le cose belle e buone che, come individui, avrete fatto per gli altri.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La Bibbia parla di un Dio genocida?

La Bibbia parla di un Dio genocida?

Leggendo alcuni brani della Bibbia, la mente corre naturalmente a razzie etniche molto più recenti. La mente, almeno di noi italiani, corre subito a individui come Milošević. Israele viene invitato da DIO a separarsi totalmente dagli altri popoli, poiché esso...

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden ...  (Genesi 4,16) Non può non spiccare il parallelismo tra la situazione di Caino (in Ebr. קַ֔יִן qayin dal verbo קָנָה "acquistare" cfr. Gen 4,1) e quella di suo padre Adamo. Entrambi, dopo...

La Bibbia parla del frutto proibito

La Bibbia parla del frutto proibito

Spesso, la gente dice che la Bibbia è piena di leggi e proibizioni. È un dato di fatto, ovviamente. Ma si tratta veramente di proibizioni? Nell'Eden Partiamo, dalla prima e fondamentale "proibizione", quella che Dio - anzi YHWH - fa ad Adamo di non mangiare del...

Risalire alle origini per capire se stessi

Risalire alle origini per capire se stessi

Chi tra noi non è curioso, almeno un po', di cercare le proprie origini, quelle della famiglia in cui si è cresciuti, per capire da dove parte il grande fiume di vita che giunge fino a noi, oggi? Ma anche oltre, più indietro ancora, fino a quella Origine che ha...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Ezechiele, le sue estasi e visioni

«Tra i profeti d’Israele, quelli che più di ogni altro sono entrati in contatto con i misteri del mondo e del tempo di Dio sono indubbiamente Ezechiele e Daniele. A dire il vero erano più dei mistici – una specie di odierni santoni – che vissero esperienze assai...

COME POSSO AIUTARTI?

1 + 5 =