Gli angeli a Qumran

Scritto da Simone Venturini

31 Gennaio 2018

Del saggio. Canto per l’olocausto del sabato, per il settimo sabato, il sedici del secondo mese…

Lodate Dio, angeli tutti … Il quarto dei prìncipi supremi benedirà in nome della maestà regale tutti coloro che camminano nella rettitudine con le sette parole della maestà, benedirà coloro che pongono le fondamenta della maestà con le sette parole meravigliose, e benedirà tutti gli dei che esaltano la conoscenza della verità con le sette parole della giustizia affinché (essi ottengano) le sue gloriose misericordie.

Il quinto dei prìncipi supremi benedirà in nome delle sue meraviglie tutti coloro che conoscono i misteri dei perfettamente puri con le sette parole della sublime sua verità, benedirà tutti coloro che accorrono verso il suo beneplacito con le sette parole meravigliose e benedirà tutti coloro che lo ringraziano con le sette parole di maestà affinché (ognuno giunga) a una maestà meravigliosa.

Il sesto dei prìncipi supremi benedirà in nome delle potenze degli dèi, tutti quanti sono potenti in intelligenza con le sette parole delle sue potenze meravigliose, benedirà tutti coloro che nella via sono perfetti con le sette parole meravigliose affinché (siano) costantemente con tutti gli dèi eterni, e benedirà tutti coloro che sperano in lui con le sette parole meravigliose affinché (ottengano) il ritorno delle sue misericordiose benevolenze.

Il settimo dei prìncipi supremi benedirà in nome della sua santità tutti i santi tra coloro che pongono le fondamenta della conoscenza con le sette parole della sua meravigliosa santità, benedirà tutti coloro che esaltano i suoi giudizi con le sette parole meravigliose affinché (siano) scudi robusti e benedirà tutti coloro che sono radunati dalla giustizia, che lodano la sua gloriosa regalità, per tutti i secoli eterni, con le sette parole meravigliose affinché (ottengano) la pace eterna…

E tutti i prìncipi supremi… benediranno… il Dio degli dèi

… Al di sopra del firmamento, i cherubini benedicono l’immagine del carro-trono, acclamano la maestà del firmamento di luce al di sotto della sede della sua gloria. Quando le ruote si mettono in marcia, angeli di santità ritornano ed escono tra le ruote della sua gloria, come immagini di fuoco. Lo avvolgono spiriti di suprema santità, e immagini di rivoli di fuoco simili al vermiglio. Creature splendenti, (che indossano) broccati, meravigliosi abiti multicolori, più (splendenti) del sale puro, gli spiriti del Dio vivente, scortano continuamente la gloria dei carri meravigliosi…

***

Nel calendario, essendo di 364 giorni, il settimo sabato cadeva sempre il 16 del mese di iyyar (aprile-maggio). Il settimo sabato, equivaleva dire il settimo di una festa che si celebra il settimo giorno. Sette per sette, ossia un giorno particolarmente sacro e simbolicamente perfetto a causa del numero 7, che indica la totalità, al completezza e perciò la perfezione.

Un testo che parla di angeli

Il testo contiene il canto che doveva accompagnare l’olocausto che, secondo la Bibbia (cfr. Nm 28,9-10) si faceva normalmente di sabato. Il canto però doveva essere fatto solo nel settimo sabato

Originariamente, il testo conteneva le benedizioni dei sette angeli che stanno al cospetto di Dio (cfr. Es 9,2; Tb 12,15; Ap 1,4.20). I frammenti esistenti ce ne consegnano però solo quattro. Il prìncipe supremo è un titolo attribuito a questi angeli, che eccellono nella gerarchia angelica.

Questo testo riflette l’importanza che gli Esseni di Qumran attribuivano alla conoscenza angelica e alla corrispondenza tra la liturgia celeste e quella terrestre, concezione ben presente nella stessa Bibbia (cfr. Ebrei, Ap 4; Ez 1 e 10) ma qui particolarmente approfondita. Si pensava che, durante la liturgia, gli esseni fossero in compagnia degli angeli, come il testo espressamente dice.

Gerarchie angeliche

Particolarmente appariscente è la descrizione del carro su cui è posto il trono divino – in Ebr. carro è מֶרְכָּבָה merkavah – un argomento che per i rabbini non poteva essere studiato né approfondito. Per questo motivo, i testi su tale argomento sono molto rari. Il documento di Qumran – scritto tra il 70 e il 50 a.C. – ha, in tal senso, una notevole rilevanza. Nella Bibbia, Ezechiele è il profeta che ne tratta più diffusamente (cfr. spec. Ez 1) e nella mistica ebraica medievale sarà poi abbondantemente ripreso.

Interessante anche che il quarto principe supremo – ossia il quarto angelo – benedica gli dèi, in Ebraico אֵלִים elim. Il termine, tradotto giustamente con dèi, indica qui gli angeli di rango inferiore rispetto ai sette angeli. Ne sono prova due menzioni, dove si parla di dèi eterni e di Dio degli dèi.

I destinatari delle benedizioni angeliche sono i membri della comunità di Qumran, che  come dice il testo – camminano nella rettitudine, conoscono i misteri dei perfettamente puri (ossia i misteri più alti e celesti), nella via (ossia nel comportamento) sono perfetti, sono radunati dalla giustizia.

Angeli e Nuovo Testamento

Il testo riflette un periodo in cui, tra i giudei, vi era un’abbondante riflessione e meditazione sugli angeli. Questo straordinario sviluppo dell’angelologia trae origine dal periodo post-esilico e costituisce uno sfondo importante significativo per il Nuovo Testamento.

I suoi autori, infatti, erano imbevuti delle idee e concezioni presentate in testi come quello appena presentato. Basti pensare ad Ebrei e al libro dell’Apocalisse in particolare, ma anche negli stessi vangeli, nei racconti della Resurrezione di Gesù.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La Bibbia parla di un Dio genocida?

La Bibbia parla di un Dio genocida?

Leggendo alcuni brani della Bibbia, la mente corre naturalmente a razzie etniche molto più recenti. La mente, almeno di noi italiani, corre subito a individui come Milošević. Israele viene invitato da DIO a separarsi totalmente dagli altri popoli, poiché esso...

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino fugge via, lontano da se stesso

Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden ...  (Genesi 4,16) Non può non spiccare il parallelismo tra la situazione di Caino (in Ebr. קַ֔יִן qayin dal verbo קָנָה "acquistare" cfr. Gen 4,1) e quella di suo padre Adamo. Entrambi, dopo...

La Bibbia parla del frutto proibito

La Bibbia parla del frutto proibito

Spesso, la gente dice che la Bibbia è piena di leggi e proibizioni. È un dato di fatto, ovviamente. Ma si tratta veramente di proibizioni? Nell'Eden Partiamo, dalla prima e fondamentale "proibizione", quella che Dio - anzi YHWH - fa ad Adamo di non mangiare del...

Il Pentateuco fu scritto da Mosè?

Il Pentateuco fu scritto da Mosè?

Alcuni versetti della Bibbia narrano Mosè scrisse il Pentateuco, i primi cinque libri della Bibbia (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio). (cfr. Es 24,37; Dt 31,24). In questi testi, leggiamo che Mosè scrisse la "Legge" o le "Parole di questa Legge". Così da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Ezechiele, le sue estasi e visioni

«Tra i profeti d’Israele, quelli che più di ogni altro sono entrati in contatto con i misteri del mondo e del tempo di Dio sono indubbiamente Ezechiele e Daniele. A dire il vero erano più dei mistici – una specie di odierni santoni – che vissero esperienze assai...

COME POSSO AIUTARTI?

4 + 6 =