Esegesi del primo racconto della creazione Gen 1,1-2,4a – (Terzo giorno)

13 Febbraio 2022

TESTO EBRAICO:

וַיֹּ֣אמֶר אֱלֹהִ֗ים יִקָּו֨וּ הַמַּ֜יִם מִתַּ֤חַת הַשָּׁמַ֨יִם֙ אֶל־מָקֹ֣ום אֶחָ֔ד וְתֵרָאֶ֖ה הַיַּבָּשָׁ֑ה וַֽיְהִי־כֵֽן׃ – wayyo’mer ‘Elohim yiqqawu hammayim mittachat hashamayim ‘el-maqom ‘echad wetera’eh hayyabashah wayehy-ken

וַיִּקְרָ֨א אֱלֹהִ֤ים׀ לַיַּבָּשָׁה֙ אֶ֔רֶץ וּלְמִקְוֵ֥ה הַמַּ֖יִם קָרָ֣א יַמִּ֑ים וַיַּ֥רְא אֱלֹהִ֖ים כִּי־טֹֽוב׃ – wayyiqra’ ‘Elohim layabbashah ‘erets wlemiqweh hammayim qara’ yammim wayya’r ‘Elohim ki thov

וַיֹּ֣אמֶר אֱלֹהִ֗ים תַּֽדְשֵׁ֤א הָאָ֨רֶץ֙ דֶּ֔שֶׁא עֵ֚שֶׂב מַזְרִ֣יעַ זֶ֔רַע עֵ֣ץ פְּרִ֞י עֹ֤שֶׂה פְּרִי֙ לְמִינֹ֔ו אֲשֶׁ֥ר זַרְעֹו־בֹ֖ו עַל־הָאָ֑רֶץ וַֽיְהִי־כֵֽן׃ – wayyo’mer ‘Elohim tadsehh ha’arets deshe’ ‘esev mizreach zerach ‘ets peri ‘oseh peri lemino ‘asher zar’o-bo ‘al-ha’arets wayehy ken

וַתֹּוצֵ֨א הָאָ֜רֶץ דֶּ֠שֶׁא עֵ֣שֶׂב מַזְרִ֤יעַ זֶ֨רַע֙ לְמִינֵ֔הוּ וְעֵ֧ץ עֹֽשֶׂה־פְּרִ֛י אֲשֶׁ֥ר זַרְעֹו־בֹ֖ו לְמִינֵ֑הוּ וַיַּ֥רְא אֱלֹהִ֖ים כִּי־טֹֽוב׃ – wattotse’ ha’arets deshe’ ‘esev mazria’ zera’ lemino we’ets ‘oseh-peri ‘asher zar’o.vo lemino wayya’r ‘Elohim ki-thov

וַֽיְהִי־עֶ֥רֶב וַֽיְהִי־בֹ֖קֶר יֹ֥ום שְׁלִישִֽׁי׃ פ – wayehy-‘erev wayehy-voqer yom shelishi

TRADUZIONE:

9Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto». E così avvenne.

Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona.

E Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie». E così avvenne:

la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona.

E fu sera e fu mattina: terzo giorno.

***

Temi mitologici comuni

Il tema di Dio che pone un limite all’irruenza caotica delle acque è comune sia all’Enuma Elish che nei testi ugaritici. In Enuma Elish, Marduk – il padre degli dei – uccide Tiamat e con i pezzi del suo cadavere crea il cielo e la terra. Da notare che, presso lo storico greco Berosso, Tiamat fu reso con Thalatte e di qui la parola greca Thalassa, ossia mare.

Si tratta di un chiaro indizio a favore della identificazione tra il mostro del caos ucciso (domato) da Marduk e il mare. Una identificazione presente anche nella Bibbia, dove il mare simboleggia spesso e volentieri il caos primordiale (cfr. soprattutto Giobbe 38, 8-11, ma anche Salmo 104,6-9; Prv 8,29).

Tuttavia – qui come altrove – è difficile trovare paralleli esatti tra i ditemi diffusi nell’antichità e la Bibbia, soprattutto in questi primi capitoli della Genesi.

La simbologia racchiusa nel racconto

È però innegabile che la simbologia è la stessa, perché il mare – aldilà dei nomi e delle immagini concrete afferenti alle diverse tradizioni religiose – è indubbiamente un simbolo universale che indica qualcosa di infido, di imperscrutabile, di minaccioso. Ed è proprio questa la base di partenza per comprendere a fondo i versetti del terzo giorno della creazione.

Dobbiamo anzitutto rifarci alle immagini che le parole evocano secondo lo schema della cosmografia antica. La terra – prima della creazione – coincideva praticamente con il fondale piatto di uno sconfinato oceano primordiale. L’atto creativo di Dio consiste nel far emergere la terra asciutta raccogliendo le acque in un luogo appositamente adibito per esse.

La terra asciutta fu chiamata yabbashàh (יַּבָּשָׁה֙) e la raccolta delle acque marine yammim (יַמִּ֑ים)La creazione dell’habitat umano è costituita essenzialmente da questi due ambienti nettamente separati da Dio: il mare e la terra asciutta. Quando questi due elementi tornano a confondersi, si torna alla fase caotica antecedente alla creazione.

Così sono da intendere simbolicamente le acque del diluvio (Genesi 6-8) e quelle del Mar Rosso (Esodo 14), prima che Dio intervenisse per far nuovamente emergere la terra su cui rifiorì la vita, dopo il diluvio, e su cui camminarono gli ebrei per sfuggire dal Faraone che li inseguiva.

La madre terra

Oltre al mitema dei mostri marini domati da qualche divinità, per creare il mondo, questi versetti evidenziano un altro importante tema simbolico ben presente anche in altre religioni: la madre terra. Il testo della Genesi lascia chiaramente intendere che la terra – in ebraico adamàh (אֲדָמָה) – condivide pienamente il potere creativo di Dio.

Infatti, Dio non crea egli stesso la vegetazione, ma dice: la terra produca … (in ebraico faccia uscire, germogliare). Si tratta quasi di un invito di un comando rivolo alla madre terra, affinché essa svolga il suo ruolo materno di produzione vegetale.

Si tratta, a ben vedere, di una sorta di escamotage adottato dagli antichi ebrei per evitare di attribuire alla madre terra il carattere divino che essa possiede in altre tradizioni religiose. 

La mano dell’autore

Nel ritornello secondo la propria specie – in ebraico leminò (לְמִינֹ֔ו) – è facile riconoscere la propensione dell’autore di questo brano alla classificazione, alla schematizzazione.

Gli studiosi vi riconoscono la forma mentis dell’autore sacerdotale, ossia della classe sacerdotale che tornò da Babilonia, alla fine dell’esilio, stabilendosi in Giudea insieme alla popolazione rimasta in Giudea e che non fu deportata da Nabucodonosor II nel 587 a.C.  

Un altro indizio di tale stile è il verbo separare – in ebraico badal all’hiphil – così presente in questi primi versetti del racconto della creazione. Evidentemente, a contatto con la cultura cosmopolita di Babilonia, gli autori sacerdotali ebbero modo di assorbire la mentalità cosmica tipica di quelle culture.

Photo by Kasturi Laxmi Mohit on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Fino alla fine degli anni sessanta, la teoria di Martin Noth - ossia quella di un unico autore per il Dtr ( = Deuteronomista) - rimase sostanzialmente invariata, trovando principalmente conferme e qualche piccola rettifica. Tra i sostenitori, va annoverato anzitutto...

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Nel periodo rabbinico, gli autori riconoscevano generalmente che il Pentateuco fosse stato scritto da Mosè, mentre i "Profeti anteriori" - ossia la prima parte della seconda grande sezione della Bibbia ebraica - provengono dai personaggi principali di cui questi libri...

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La storia di YHWH: si legge Yahweh?

La Bibbia ebraica riporta sempre il cosiddetto "tetragramma divino", ossia quattro lettere ebraiche יהוה YHWH. Gli ebrei non possono leggere questo nome e impongono sempre la lettura 'ADONAY (אֲדֹנָי), sovrapponendo alle lettere ebraiche YHWH (יהוה) le vocali di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

8 + 13 =

error: Il contenuto è protetto