Coltivare (עָבַד) e custodire (שָׁמַר): il segreto per ben lavorare

2 Gennaio 2022

Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse

Genesi 2,15

Questo era il compito di Adam, l’essere creato da Dio a sua immagine e somiglianza (Gen 1,26-28); l’essere che respirava la stessa “aria” di Dio (Gen 2,7). Qui Adam non rappresenta un singolo uomo, ma l’intera umanità a cui viene affidato il compito di “coltivare e custodire” il giardino dell’Eden.

Cos’è il lavoro umano?

Questi due verbi – coltivare e custodire – spiegano quale sia la natura del lavoro umano. Non si tratta solo di faticare per guadagnarsi il pane, né di un’attività fine a se stesso, priva di ideali e di motivazioni.

I due verbi, in Ebraico, dicono invece che il lavoro umano è un vero e proprio atto di culto a Dio (in Ebr. עָבַד avàd – “coltivare”); il lavoro umano è l’osservanza di un precetto preciso dato da Dio, il compimento di una missione da lui affidata (in Ebr. שָׁמַר shamàr – “custodire”). Non qualche lavoro, ma ogni lavoro ha queste caratteristiche intrinseche stabilite da Dio, fin dalla creazione.

Forse molti di noi avranno certamente delle obiezioni da fare. A parte qualche fortunato, la maggior parte delle persone non si alza la mattina così entusiasta di andare al lavoro. Soprattutto oggi, quando molti giovani sono costretti a fare lavori sottopagati e frustranti. 

Il lavoro: un atto di culto a Dio a condizione che …

Esiste, però, la possibilità di fare del proprio lavoro, qualsiasi esso sia, un vero e proprio atto di lode a Dio. Ossia, qualcosa di piacevole, che non sfibra e non innervosisce. Il segreto consiste nel vivere, su questa terra, in una situazione esistenziale che può essere definita “paradisiaca”, ossia simile a quella di Adamo nel giardino dell’Eden. Di cosa si tratta?

L’uomo che confida in Dio, che si fida di lui e che riconosce la propria estrema fragilità, la caducità della vita, le proprie contraddizioni è un uomo sereno e felice.

Una persona che riesce a dare il giusto valore a qualsiasi cosa faccia, senza esagerazioni e, soprattutto, senza sostituire Dio con ciò che fa ogni giorno.

Il malessere che proviamo ogni giorno, recandoci al lavoro, è spesso – non sempre ovviamente – legato alle nostre infinite aspettative. Magari abbiamo un impiego onesto, che ci permette di mantenere la famiglia, ma vogliamo di più, sempre di più … ecco che si genera la frustrazione e l’insoddisfazione.

Ricorda che puoi entrare in qualsiasi momento nel tuo giardino dell’Eden: rinunciando ad enfatizzare tutto ciò che vivi, ponendo invece tutto nelle mani di Dio e ritrovano così la serenità perduta.

Photo by Magnet.me on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Fino alla fine degli anni sessanta, la teoria di Martin Noth - ossia quella di un unico autore per il Dtr ( = Deuteronomista) - rimase sostanzialmente invariata, trovando principalmente conferme e qualche piccola rettifica. Tra i sostenitori, va annoverato anzitutto...

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Nel periodo rabbinico, gli autori riconoscevano generalmente che il Pentateuco fosse stato scritto da Mosè, mentre i "Profeti anteriori" - ossia la prima parte della seconda grande sezione della Bibbia ebraica - provengono dai personaggi principali di cui questi libri...

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La storia di YHWH: si legge Yahweh?

La Bibbia ebraica riporta sempre il cosiddetto "tetragramma divino", ossia quattro lettere ebraiche יהוה YHWH. Gli ebrei non possono leggere questo nome e impongono sempre la lettura 'ADONAY (אֲדֹנָי), sovrapponendo alle lettere ebraiche YHWH (יהוה) le vocali di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 2 =

error: Il contenuto è protetto