Storia della lingua ebraica antica

24 Ottobre 2023

L’attuale grafia ebraica è chiamata “scrittura quadrata” perché la maggior parte delle lettere si adattano in un quadrato. Tuttavia, non era questa la grafia degli abitanti di Giuda e Israele durante il periodo monarchico, né degli scribi del re Ezechia o Giosia, poiché essi usavano scrivere in paleo-ebraico.

L’iscrizione di Siloam

Ciò è evidente in alcune iscrizioni degli ultimi secoli del regno di Giuda (dal VIII al VI secolo a.C.), il periodo di massimo splendore dell’Ebraico antico.Per esempio, l’iscrizione del Tunnel di Siloam.

Il tunnel di Siloam, nella Città di Davide, fu costruito alla fine dell’VIII secolo per deviare l’acqua dalla Sorgente di Gihon a un punto all’interno della città di Gerusalemme.

Molti storici attribuiscono questo lavoro al re Ezechia (cfr. 2 Re 20,20), anche se alcuni preferiscono attribuirlo a suo figlio, Manasse. Nel 1880, fu trovata un’iscrizione nel tunnel, a poca distanza dalla sua estremità meridionale. Ecco un estratto:

II riga –     i picconi scavavano ancora l’uno contro l’altro e restavano ancora tre cubiti da scavare? … … la voce di uno … …
III riga –     si sentiva chiamare dall’altra parte, (perché) c’era un buco nella roccia, a destra e a sinistra ed il giorno che
IV riga –     il tunnel (fu terminato) i tagliatori di pietra scavarono ognuno verso l’altra parte, piccone contro piccone e
V riga –     fluì l’acqua dalla sorgente

Questa iscrizione commemora il giorno in cui le due squadre che stavano scavando il tunnel da entrambe le estremità si sono incontrate. La grafia è composta da eleganti linee curve che si estendono sia sopra che sotto alcune lettere, tipico dell’Antico Ebraico. Il testo sarebbe stato scolpito intorno al 700 a.C.

Iscrizioni su papiro

Abbiamo solo un foglio di papiro risalente al periodo monarchico, proveniente da una grotta nel Wadi Murabba’at, uno dei siti dove furono trovati i celeberrimi rotoli del Mar Morto. Si tratta di un testo scritto in paleo-ebraico e risalente al VII sec. a.C., attualmente il più antico papiro esistente scritto in lingua semitica.

Alcuni papiri, dopo essere stati arrotolati e legati con una stringa, venivano sigillati con una piccola palla di argilla, per creare la cosiddetta “bulla”. Molte di queste bullae contenevano il nome dei loro proprietari.

Le bullae

Nel 2009, è stata trovata una bulla del re Ezechia a Gerusalemme (VIII sec. a.C.). La sua iscrizione recita:

“(appartenente) a Ezechia (figlio di) Achaz re di Giuda.”

La grafia di queste antiche iscrizioni appare omogenea e standardizzata, segno che esisteva una classe di scribi appartenenti a una scuola ben organizzata e con regole precise di scrittura.

 

Il proto-sinaitico e le sue derivazioni

La grafia dell’Ebraico antico fa parte di una famiglia di scritture che discende da un alfabeto originario attestato in Egitto e in Canaan durante il secondo millennio a.C.: il proto-sinaitico.

Da questo deriverebbe l’alfabeto fenicio, alla fine del secondo millennio a.C.

L’ipotesi più semplice è che la grafia del paleo-ebraico derivi direttamente dal fenicio. Tuttavia è pure possibile che il proto-sinaitico non sia stato sostituito dal fenicio.

Esso, invece, sarebbe sopravvissuto fin verso il decimo secolo a.C. e che l’Ebraico antico sia una sua derivazione. Ciò apparirebbe in alcune iscrizioni – dal X al IX secolo a.C. – trovate a Tel Rehov.

Perciò, le tradizioni – scritte – più antiche della Bibbia ebraica, verosimilmente contenute nei libri storici e in parte anche in quelli profetici, sarebbero state scritte in una grafia proveniente dal proto sinaitico e simile al fenicio.

L’ascesa della grafia aramaica

Nel periodo Neo-assiro (900-609 a.C.), neo-babilonese (609-539 a.C.) e soprattutto nel periodo ersiano (539-332 a.C.), entrò in uso l’alfabeto aramaico per gli scambi internazionali e il commercio. Una grafia, questa, semplice e bella che fu preso usata dai giudei esiliati in Babilonia all’inizio del VI sec. a.C.

Una grafia che continuò ad essere usata anche in Giuda, dopo il rientro dall’esilio. Nel periodo ellenistico, tra il 332 e il 63 a.C., questa grafia divenne celebre attraverso la tipologia detta “erodiana” e presente un po’ ovunque tra i rotoli del Mar Morto (30 a.C.-70 d.C.), altrimenti detta “squadrata”.

Il “Codex Lenigrandensis” dell’undicesimo secolo a.C. fu scritto proprio in questa grafia, da cui discende l’attuale testo della Biblia Hebraica Stuttgartensia.

La grafia dell’Ebraico antico fu abbandonata?

La grafia antica riapparve durante il periodo ellenistico e romano. Sia gli Asmonei (nel II e I secolo a.C.) che i capi delle ribellioni giudaiche (nel I e II secolo d.C.) coniarono monete con legende in Ebraico antico. Ritroviamo questa grafia in almeno 18 Rotoli del Mar Morto, contenenti libri della Torah.

Alla fine, gli ebrei abbandonarono la grafia antica dopo la repressione della rivolta di Bar Kokhba (135 d.C.). Tuttavia, non scomparve del tutto. Esso restò in uso tra i Samaritani che redassero il famoso “Pentateuco samaritano” in grafia antica. Forse, anche per questo motivo furono considerati scismatici dai Giudei del dopo esilio.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

Perché imparare l’Ebraico?

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

8 + 3 =

error: Il contenuto è protetto