Qual è il vero peccato?

27 Marzo 2020

cos'è il peccato

Il peccato. Sia nel mio penultimo, che nel mio ultimo libro, parlo della trasgressione, del peccato e della colpa. Sembrano la stessa cosa, ma non lo sono.

Trasgressione e peccato: la stessa cosa?

Anzitutto la trasgressione. Una parola che non esiste in ebraico, ma che viene direttamente dal latino: transgredior, che significa “oltrepassare, varcare” anche in senso geografico, fisico:

Il Signore Dio diede questo comando all’uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, 1ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti.

(Genesi 2,16-17)

Questa, secondo me, è la migliore interpretazione del gesto della prima donna (che ancora non si chiamava Eva) e di Adamo in Gen 3.

Oltrepassare i limiti

Si trattava cioè di un’azione archetipica, universale, che riguarda tutti gli esseri umani di ogni tempo. Questa azione è “oltrepassare certi limiti”. Mi ricorda, un po’, la massima latina “unicuique suum” ossia “a ciascuno il suo”, e non può che essere così.

L’uomo e la donna di ogni tempo per loro natura superano costantemente i propri limiti ed è positivo, ma senza però entrare in conflitto con competenze ed aree altrui. Soprattutto senza credersi dèi, come invece suggerisce una certa parte e cultura di oggi…

Il vero peccato

Di peccato si parla solo in Gen 4, nell’episodio di Caino ed Abele.

Signore disse allora a Caino: «Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dominalo».

(Genesi 4,6)

Caino che uccide Abele commette un peccato e una colpa (chattat חַטָּאת e awon עַוֹן):

Disse Caino al Signore: «Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono!» 

(Genesi 4,13)

In ebraico, chattat  significa “mancare il bersaglio”, mentre awon “avere un peso che grava sulle spalle”.

Caino mancò il bersaglio della sua vita, che era quello di custodire il proprio fratello minore, mentre invece commise il vero peccato di fratricidio, una colpa giustamente pesante da portare.

Questo è il vero peccato e la vera colpa. Uccidere, ossia esercitare un proprio preteso diritto su un’altra persona attraverso la violenza e la sopraffazione. Spesso, molto spesso, non si tratta di un’azione fisica!

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi Genesi 3,20 La questione dei nomi dei due primi esseri umani è veramente ingarbugliata. Iniziamo dal maschio: Adamo. Il suo non è un vero nome, almeno non nel senso che qualcuno lo chiamò così. Si...

La terraferma

La terraferma

Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne Genesi 1,9 Se proviamo a visualizzare le immagini che queste parole così evocative suscitano nella nostra mente, sembra quasi di trovare una conferma...

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare? Genesi 3,11 All'improvviso l'uomo si scopre fragile, tremante e tremendamente bisognoso di tutto e di tutti. Una condizione, questa, dovuta non tanto alla...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il paradiso perduto

Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto Genesi 3,23 Questo versetto svolge due funzioni. Chiude il capitolo 3 ed insieme la prima parte della Genesi, ossia la creazione e il racconto della caduta (Genesi 1-3)....

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

8 + 8 =