L’Eden e il suo fiume (עֵ֖דֶן)

29 Gennaio 2022

Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi.

Genesi 2,10

Si fa spesso confusione tra “giardino” e “Eden“, come fossero la stessa cosa. L’Eden, invece, così come viene presentato nella Genesi, era una regione fertilissima all’interno della quale sorgeva il “giardino” di cui parla il capitolo due e che sarà lo scenario di ciò che accadrà al capitolo 3.

Cos’è l’Eden?

In molti si sono cimentati a identificare il luogo preciso che l’autore della Genesi aveva in mente quando descriveva questo luogo di delizie. Per alcuni, per esempio, si troverebbe nell’Iran occidentale, non lontano da Tabriz, per altri in Mesoppotamia, come farebbe presupporre il successivo riferimento al Tigri e all’Eufrate (cfr. Gen 2,11).

Il termine ebraico èden (עֵ֖דֶן) indica un luogo naturale e incantevole. Un posto ideale che, con ogni probabilità, coincideva con un località concreta nella mente e nell’immaginazione degli antichi israeliti.

Tuttavia, al di là dei tentativi di identificazione, è di nuovo importante il punto di osservazione attraverso il quale leggiamo questi racconti. Potremmo porci, idealmente, nel paradiso terrestre immaginandolo con tutti i suoi elementi. Sappiamo che Dio vi fece crescere ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare (Gen 2,8).

E’ il punto di osservazione di chi abitava nella Giudea devastata dai Babilonesi (alla fine del VI sec. a.C.) e ridotta ad un paese desolato, senza più Tempio, senza più speranza, dove viveva la minoranza dei Giudei – in gran parte esiliati in Babilonia – dediti alla coltivazione della terra che produceva ben pochi frutti.

Ad oriente

Per costoro il giardino dell’Eden si trovava “ad oriente” (Gen 2,8) ed era la meta agognata o piuttosto il desiderio e il sogno di ogni agricoltore alle prese con una terra arida e avara di frutti.

Dio aveva posto lì l’uomo appena creato, non nell’arida Giudea del VI secolo! Questo, in poche parole, è il progetto originale di Dio per l’uomo.

E se non ci troviamo più nel giardino, possiamo comunque desiderare con tutte le nostre forze di giungervi. Non tanto (o non solo) il desiderio di raggiungere un luogo geografico, bensì una situazione sostanziale diversa, segnata dalla comunione con Dio e con la piena consapevolezza di noi stessi.

Il simbolico fiume

Nel giardino c’è poi la sorgente del fiume che irrigava tutto il mondo conosciuto a quei tempi. Nel giardino c’è l’origine, la nostra origine, l’unica acqua in grado di dissetare l’aridità dei nostri aridi terreni interiori. Certo, si può bere anche l’acqua che scorre a valle, ma essa mai sarà così fresca e pulita come quella che scaturisce dal monte … 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Le novantanove pecore

Le novantanove pecore

(Articolo di Cecilia Mariotto e Lisetta Delsoldato) Leggiamo così nel vangelo di Luca: Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? (LC 15,4) Ma se ci pensiamo bene...chi di...

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

11QMelch - ossia Melchisedec della Undicesima grotta di Qumran - è una figura di mediatore angelico che tuttavia si colloca anche nel contesto di un intervento escatologico (=ossia negli ultimi tempi che gli esseni di Qumran credevano di vivere) di Dio stesso a cui...

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La sigla del manoscritto trovato a Qumran - 1QS - indica il luogo in cui fu trovato: la prima grotta di Qumran; e al carattere del testo, regola, in ebraico Serek.  Infatti, vi è un'analogia tra il contenuto di questo manoscritto e le regole degli ordini monastici e...

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

(Articolo di Cecilia Mariotto) Il principio della sapienza... Questa riflessione nasce a partire da una condivisione molto interessante da parte del nostro gruppo di allievi del corso di Ebraico Biblico. Uno degli allievi più esperti, sa suscitare spunti interessanti,...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Al riparo dell’Altissimo

(Articolo di Cecilia Mariotto) יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃ Chi abita al riparo dell'Altissimo passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente (Sal 91,1) Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 9 =

error: Il contenuto è protetto