Le nuove ricerche sul Pentateuco – (Prima parte)

5 Febbraio 2022

Il libro del Deuteronomio, pur trovandosi alla fine del Pentateuco, riveste tuttavia una importanza centrale nella formazione del Pentateuco. Sostanzialmente il Deuteronomio invita il lettore a ricordare (in Ebr. zakàr זָכַר) e ad ascoltare (in Ebr. shamà שָׁמַע) i comandi dati da Dio a Mosè per tradurli poi concretamente nella vita quotidiana. Cominciamo dal secondo.

Dt 6,4-5 è il testo più significativo per capire il motivo per cui Israele deve ascoltare. In esso si legge: 

Ascolta Israele! Il Signore (ossia JHWH – Adonai) è nostro Dio, il Signore è uno; tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua vita e con tutta la tua forza. 

Ascoltare e ricordare

Qui non si tratta di una legge come le tante altre dell’Oriente antico. L’ingiunzione ad ascoltare è conseguenza dell’unicità di JHWH, come amore che corrisponde ad amore. Se JHWH è l’unico Dio per Israele, la totalità della vita di Israele deve appartenergli.

L’israelita, inoltre, deve ricordare perché deve fare memoria del passato serve a fondare il comandamento. Si tratta di una memoria teologica del passato, perché le gesta di Dio per Israele sono da tramandare e ricordare per fondare l’agire di oggi.

Questi due verbi, che compendiano il linguaggio del Deuteronomio, non si riferiscono solo ad alcuni aspetti della vita di Israele. La legge, così come esposta nel Deuteronomio, pone in essere quell’entità storico-teologica che chiamiamo “Israele”. Ciò avviene dopo l’esilio, in Giudea, al tempo della ricostruzione del Secondo Tempio, intorno al 515 a.C.

La ricerca di una identità

Non che ciò che accadde prima di quel tempo non sia storicamente rilevante per la coscienza d’Israele. Tuttavia, la rilettura del passato avvenuta nel periodo post-esilico e culminata con la pubblicazione del “Libro della legge” (in Ebr. sefer-hattorà) è fondamentale per la nascita dell’entità chiamata Giudaismo, ossia il vero Israele.

Questo fenomeno è chiamato dagli studiosi: deuteronomismo.

Questo profondo movimento di riforma fu ancorato al passato, ad un punto iniziale da cui prese avvio la rilettura del passato. Questo momento iniziale è la cosiddetta “riforma di Giosia” (cfr. 2 Re 22-23 e 2 Cr 34).

Gli studiosi oggi sono abbastanza concordi nel ritenere che la “riforma di Giosia”, aldilà della sua verosimiglianza storica, sia piuttosto un mito fondatore, ossia un punto di riferimento che i giudei vissuti dopo l’esilio in Babilonia e rientrati in Giudea hanno trovato per giustificare le novità strutturali introdotte dopo la ricostruzione:

  1. la centralizzazione del culto a Gerusalemme e la costruzione del Tempio
  2. il culto con la Pasqua
  3. il calendario con lo shabbat settimanale
  4. il nuovo assetto costituzionale

Photo by Taylor Wilcox on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

14 + 5 =

error: Il contenuto è protetto