La lettera di Enoch e le profezie catastrofiche

26 Maggio 2021

Ed ora, figlio mio Matusalemme, chiamami tutti i tuoi fratelli e raduna, per me, tutti i figli di tua madre poiché la parola mi chiama e lo spirito é scorso su di me, affinché io vi mostri tutto quel che vi giungerà nell’eternità.

Ed allora Matusalemme andò a chiamare tutti i suoi fratelli presso di lui e radunò i suoi parenti.

E parlò della giustizia a tutti i suoi figli e disse: Ascoltate, figli miei, tutte le parole di vostro padre ed ascoltate, con rettitudine, la voce della mia bocca poiché io vi esorto e vi dico: “Cari miei, amate la rettitudine e procedete in essa, e non avvicinatevi alla rettitudine con due cuori, e non unitevi con quelli con due cuori, ma procedete nella giustizia, figli miei, ed essa vi condurrà per le vie buone e la giustizia vi sarà compagna, poiché io so che l’esistenza della violenza si rinforzerà sulla terra e si compirà un gran castigo sulla terra ed ogni malvagità finirà, sarà tagliata dalle sue radici e tutta la sua costruzione passerà.

E si ripeterà, un’altra volta, la malvagità sulla terra e si compirà sulla terra, un’altra volta, ogni azione di malvagità, violenza e peccato.

E se crescerà la malvagità, il peccato, la maledizione, la violenza ed ogni azione (cattiva), e se crescerà la ribellione, il peccato e la impurità, vi sarà gran castigo, dal cielo, su tutti costoro ed il Signore santo uscirà, in rabbia e castigo, per far giustizia sulla terra

(Epistola di Enoc, 91,1-7).

Contesto storico

La lettera di Enoch – più propriamente epistola – è la quinta ed ultima parte dell’opera di Enoch. Viene datata al I sec. a.C. Tra le righe, sembra di riconoscervi una vena polemica contro una certa parte della società. Alcuni dicono che si il testo riflette le discussioni tra farisei e sadducei, altri – più semplicemente – tra ricchi e poveri, tra ingiusti e giusti.

L’introduzione a questa parte sembra piuttosto l’introduzione a tutta l’opera di Enoch. Enoch, infatti, chiama Matusalemme suo figlio (cfr. Gen 5,21) perché raduni tutti i suoi fratelli, affinché ascoltino quello che sembra il testamento di Enoch. Davvero molto interessante è l’espressione “la parola mi chiama e lo spirito é scorso su di me”. 

Un grande castigo

Si tratta indubbiamente della parola di Dio che giunge ad Enoch per mezzo dello spirito che è scorso su Enoch, ossia ha preso Enoch, si è impossessato di lui, un po’ come la trance sciamanica. L’espressione indica anche la grande considerazione che i libri di Enoch godevano presso i primi cristiani che, infatti, li consideravano parola ispirata (cfr. Giuda 14).

Enoch esorta i suoi figli ad evitare la doppiezza del cuore, un tema caro ai vangeli, dove Gesù invita sempre a non essere ipocriti, ossia falsi, doppi, come i farisei (cfr. per Matteo 23,27).

Il genere letterario del testamento prevede anche che delle profezie sul futuro, che infatti sono presenti anche qui. Si parla di grade castigo. Per Enoch si trattava ovviamente del diluvio universale che sarà narrato a partire da Genesi 6. Tuttavia, le cause che portarono al diluvio si ripresenteranno e causeranno un nuovo grande castigo che colpirà la terra col fuoco (CXI, 8-11).

Moderni profeti di sventura

A latere di tali riflessioni, non si può non notare la somiglianza di questo testo con il linguaggio che, in genere, si trova nelle “profezie” di tanti veggenti di oggi. Tanti, infatti, parlano di grande castigo che avverrà o con l’acqua o col fuoco o con tutti e due insieme.

Qual è il valore di tali annunci? Che nella storia dell’umanità si verificheranno inevitabilmente delle catastrofi – anche globali – sia naturali che causate dall’uomo; che la storia dell’uomo è sempre segnata da ingiustizia, lussuria, iniquità, etc. Non è dunque difficile legare le due cose, soprattutto quando già esistono i segnali di una possibile ed incombente ecatombe!

Tuttavia, nel libro dell’Apocalisse, troviamo qualcosa che assomiglia alla vera e propria profezia riguardante il futuro. Tuttavia, in questo libro, nulla va preso alla lettera, ma tutto va compreso simbolicamente, come chiave di lettura per capire in profondità l’attuale e devastante crisi che la Chiesa sta attraversando.

Foto tratta da unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Le novantanove pecore

Le novantanove pecore

(Articolo di Cecilia Mariotto e Lisetta Delsoldato) Leggiamo così nel vangelo di Luca: Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? (LC 15,4) Ma se ci pensiamo bene...chi di...

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

11QMelch - ossia Melchisedec della Undicesima grotta di Qumran - è una figura di mediatore angelico che tuttavia si colloca anche nel contesto di un intervento escatologico (=ossia negli ultimi tempi che gli esseni di Qumran credevano di vivere) di Dio stesso a cui...

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La sigla del manoscritto trovato a Qumran - 1QS - indica il luogo in cui fu trovato: la prima grotta di Qumran; e al carattere del testo, regola, in ebraico Serek.  Infatti, vi è un'analogia tra il contenuto di questo manoscritto e le regole degli ordini monastici e...

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

(Articolo di Cecilia Mariotto) Il principio della sapienza... Questa riflessione nasce a partire da una condivisione molto interessante da parte del nostro gruppo di allievi del corso di Ebraico Biblico. Uno degli allievi più esperti, sa suscitare spunti interessanti,...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Al riparo dell’Altissimo

(Articolo di Cecilia Mariotto) יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃ Chi abita al riparo dell'Altissimo passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente (Sal 91,1) Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

9 + 10 =

error: Il contenuto è protetto