A Enoch viene svelata l’origine del male

22 Maggio 2021

Egli mi parlò e, di sua voce, mi disse “Ascolta non aver paura, Enoc, uomo giusto e scriba di giustizia, avvicinati qui ed ascolta la mia voce. Va’ dagli angeli vigilanti del cielo che ti hanno mandato a pregare in pro’ loro e di’ loro: “Conviene che voi preghiate per gli uomini e non gli uomini per voi.

Perché avete lasciato il cielo eccelso e santo in eterno e vi siete coricati con le figlie degli uomini ed avete commesso impurità, vi siete prese mogli, avete agito come i figli della terra ed avete generato giganti?

E voi, per davvero (esseri) spirituali, santi e viventi la vita eterna, avete commesso impurità sulle donne, (le) avete fatte generare col sangue della carne e (le) avete amate col sangue degli uomini; ed avete fatto come fanno loro, (che sono) sangue e carne, che sono mortali e distruttibili. E perciò io detti loro le donne: affinché seminino su di esse e da esse, così come si fa sulla terra, nascano figli.

Ma voi, prima, eravate spirituali, viventi la vita eterna che non muore mai, e perciò io non avevo fatto, (anche) per voi, le donne: perché gli (esseri) spirituali, in verità, (hanno) la loro sede nel cielo ed ora i giganti che sono nati dal corpo e dalla carne sono chiamati, sulla terra, spiriti malvagi e la loro sede è in terra e dalla loro carne sono usciti spiriti malvagi, perché erano stati creati dall’alto, il loro principio ed il loro primo fondamento era dai Santi angeli vigilanti, [e] sono (invece) diventati, sulla terra, spirito (sic!) cattivo e son chiamati “spirito dei malvagi”.

Gli spiriti celesti hanno in cielo la loro sede; quelli terreni, nati sulla terra, la hanno in terra. E gli spiriti dei giganti, dei Nafil oppressori sono corrotti, cadono, sono violenti, fracassano sulla terra, causano dolore, non mangiano alcun cibo, non soffrono sete e non si fanno conoscere, non si elevano, queste anime, contro i figli degli uomini e contro le donne [perché sono usciti in tempo di uccisioni e di corruzione].

 

Libro di Enoch, Parte II, Libro dei Vigilanti, XV

 

Qui è il Signore stesso a rivolgersi ad Enoch per ricordare ai vigilanti tutto il male da essi compiuto, lasciando il cielo per unirsi alle donne della terra. Tuttavia qui c’è un cambiamento cruciale, già accennato nei precedenti commenti.

L’autore dei precedenti capitoli – grosso modo fino all’undicesimo – non riusciva a spiegare come dopo l’annunciato diluvio il male continuasse a imperversare sulla terra.

Gli spiriti impuri

Qui, invece, viene chiaramente distinta la natura umana – per così dire – dei giganti (ossia i figli dei vigilanti nati dall’unione con le donne della terra) dal loro spirito, quello che dimorava in cielo e che, quando saranno stati distrutti, continuerà a vivere sulla terra sotto forma di spiriti malvagispiriti cattivi od ancora spiriti malvagi.

Saranno questi a girovagare per la terra, tentando l’uomo a commettere il male. Saranno questi che, ai tempi di Gesù, potevano perfino impossessarsi dell’uomo – i noti spiriti impuri – facendogli fare cose bizzarre e separandolo dal resto degli uomini (Cfr. per es. Mc 5).

I maiali che affogano nel lago

Forse si spiega così il fatto che gli spiriti impuri fuoriusciti dal corpo del povero indemoniato di Gerasa prendono poi possesso del branco di maiali che poi si precipitano nel mare affogando. Quando infatti il corpo dei maiali morirà, lo spirito impuro invece continuerà ad esistere, potendo liberamente impossessarsi di altri corpi, anche umani.

Insomma per il secondo autore del libro dei vigilanti, l’origine del male è chiara. Essa origina dalle suggestioni che provengono dagli spiriti cattivi e che spingono l’uomo a peccare.

L’uomo però può scegliere se seguire i suggerimenti degli spiriti impuri oppure no. Perciò, la visione del secondo autore dei libro dei vigilanti non è del tutto determinista. Non dipende tutto dagli spiriti impuri, perché gli uomini restano liberi di seguirli o di non seguirli.

fonte dell’immagine: unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 2 =

error: Il contenuto è protetto