La donna (ghynè) vestita di sole

22 Settembre 2021

Prima del drago rosso, nel cielo apparve un altro segno:

Una donna vestita (in Gr. περιβεβλημένη – periblemene) di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto

Apocalisse, 12,1

Anche in questo caso, trattandosi di un simbolo, è quanto meno imprudente prendere alla lettera la descrizione della «donna vestita di sole», invece è consigliabile considerare ciò che la visione rappresenta.

La donna vestita di sole: chi rappresenta?

Gli esperti sono quasi del tutto unanimi nel ritenere che nella donna che partorisce sia da riconoscere la Chiesa, madre dei cristiani. Questa interpretazione è stata ultimamente messa un po’ in discussione.

Sono infatti innegabili gli accenti individuali con i quali viene presentata la donna dell’Apocalisse, senza contare per esempio che in greco il termine γυνὴ – ghynè (“donna”) non è mai riferito alla comunità dei cristiani, ma espressamente alla madre di Gesù (Lettera ai Galati, 4,4).

Va detto, però, che essa è anche madre della Chiesa, poiché avendo dato alla luce Gesù, in un certo senso è madre anche dei cristiani (cfr. Apocalisse, 12,17); o quantomeno è in rapporto con quelli che si professano seguaci di Cristo.

Tuttavia, almeno per il momento, consideriamo solo l’apparizione di una figura femminile senza considerare un riferimento esplicito a Maria. Infatti, è assai più importante capire il senso di questo segno. Anzitutto si dice che la donna è «vestita di sole».

Vestita di sole

Nel testo originale si usa il verbo peribàllein che, come abbiamo già visto, significa “avvolgere”. Ma da cosa? Ovviamente dalla luce del sole. Ormai è abbastanza chiaro che la sostanza del mondo di Dio è una luce paragonabile a quella del sole.

Anche questa figura femminile, perciò, fa parte di quel mondo, a cui appartiene strutturalmente anche Gesù, sia prima che dopo la sua morte e resurrezione. Infatti, durante la trasfigurazione si dice che il suo volto diventò splendente come il sole (cfr. Matteo 17,2).

Tra l’altro, la luce del sole è un elemento che compare non solo nel vangelo di Matteo, ma è presente in autori e libri diversi della Bibbia (cfr. Luca 1,78; Atti degli Apostoli 26,13), a testimonianza del fatto che non si tratta di un simbolo usato dai primi cristiani, ma di qualcosa che probabilmente riflette veramente la realtà di un mondo con cui essi erano assai più familiari di noi.

Come il figlio maschio – Gesù – anche questa figura femminile ha un ruolo cosmico, essendo vestita di sole ed avendo la luna sotto i suoi piedi (cfr. Apocalisse, 12,1). La luna è uno dei simboli più importanti dell’umanità e indicherebbe il confine tra il mondo eterno di Dio e quello mutevole e caduco dell’uomo.

La corona di dodici stelle

Inoltre, il ciclo lunare era nell’antichità la base per la misurazione del tempo e perciò, in un certo senso, la donna è anche signora della storia. L’ultimo elemento che caratterizza la comparsa della donna è che sul capo porta una corona di dodici stelle. Il simbolo numerico del 12 è eminentemente biblico, poiché è in relazione alle 12 tribù d’Israele e ai 12 apostoli.

Perciò il ruolo di questa figura femminile è profondamente legato al destino di coloro che:

osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù.

Apocalisse, 12,17

Molti ritengono che il capitolo 12, quello su cui stiamo indagando, sia centrale nel libro dell’Apocalisse, poiché in esso vengono rappresentati i tre attori principali dello scontro cosmico-storico che avverrà prima della Fine dei tempi: il drago rosso, il figlio maschio e la donna vestita di sole.

Si tratta di una centralità non solo letteraria, perché a ben vedere l’apparizione della figura femminile potrebbe fornire un prezioso indizio cronologico per capire a che punto siamo del periodo che chiamiamo fine dei tempi o tempo della fine.

Lettura ideologica

A mio avviso, il motivo principale per cui i biblisti non riconoscono nella figura femminile la madre di Gesù è ideologico. Se infatti la figura femminile non rappresenta (solo) la Chiesa – come appare ovvio a chi usa anzitutto il buon senso – essa rappresenta (anche) una donna: Maria.

Fasi storiche (simbolo delle dodici stelle) segnate da crisi profonde ed epocali che in genere rappresentano un passaggio (simbolo della luna). Ciò significherebbe che il ruolo della figura femminile dell’Apocalisse – sempre che ne accettiamo anche l’identificazione mariana – giungerà tra breve al termine?

Del resto, secondo la duplice identificazione Maria/Chiesa della donna vestita di sole, la persecuzione subdola di coloro che non appartengono al sistema culturale della prima bestia sembra avere un termine. Saranno perseguitati da ciò che il drago rosso rappresenta per un periodo limitato (cfr. Apocalisse 12,6.14).

In tale fase circoscritta, inoltre, dovrebbe attuarsi nella storia il progetto della prima e della seconda bestia. Si sta parlando della nostra epoca? Non rispondo a questa domanda, che lascio alla vostra intelligenza … (Apocalisse 13).

Photo by Anuja Mary Tilj on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Il drago rosso

Il drago rosso

Il sistema rappresentato da Babilonia la Grande è in stretto rapporto (e quasi s’identifica) con la prima bestia che sale dal mare, da cui deriva anche l’attività della seconda bestia, che sale dalla terra. Entrambe sono a loro volta in diretta relazione con la loro...

il Figlio dell’Uomo e il destino degli empi nei libri di Enoc

il Figlio dell’Uomo e il destino degli empi nei libri di Enoc

E colà vidi uno che aveva "Capo dei giorni", la cui testa era bianca come lana e, con lui, un altro la cui faccia (aveva) sembianza umana ed era piena di grazia, come uno di fra gli angeli santi. E chiesi ad uno degli angeli che veniva con me e che mi mostrava tutte...

Il rotolo della guerra escatologica

Il rotolo della guerra escatologica

1 E questo è il libro della regola della guerra. L’inizio si avrà allorché i figli della luce porranno mano all’attacco contro il partito dei figli delle tenebre, contro l’esercito di Belial, contro la milizia di Edom,  2 di Moab, dei figli di Ammon, contro gli...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il diluvio universale nei libri di Enoch

Allora l'Altissimo, Grande e Santo parlò ed inviò Arseyaleyor dal figlio di Lamek e gli disse: "Digli, a nome mio, di nascondersi e manifestagli la fine che verrà poiché la terra, tutta, perirà; verrà su tutta la terra e quel che è in essa perirà. Avvisalo che fugga e...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 12 =