È possibile offendere Dio col peccato?

2 Febbraio 2021

Contempla il cielo e osserva, considera le nubi: sono più alte di te. Se pecchi, che gli fai?

Così si esprime Giobbe riguardo alla presunta rilevanza del peccato:

Contempla il cielo e osserva,
considera le nubi: sono più alte di te.
Se pecchi, che gli fai?
Se moltiplichi i tuoi delitti, che danno gli arrechi?
Se tu sei giusto, che cosa gli dai
o che cosa riceve dalla tua mano?
Su un uomo come te ricade la tua malizia,
su un figlio d’uomo la tua giustizia!  (Giobbe 35,5-8)

E molto più perché ho offeso te …

Non credo esista un brano biblico più eloquente di questo: Dio non viene neppure sfiorato dal nostro peccato! Per questo dire che “Dio è offeso dal nostro peccato” è, secondo me, un’affermazione quantomeno imprecisa. Per questo dire, nell’Atto di dolore, «e molto più perché ho offeso te … », non è forse corretto.

Direi, piuttosto, che la più grande offesa a Dio consiste nel maltrattare noi stessi, facendo il male o facendosi del male. E ciascuno di noi in coscienza ben sa che cosa sia il male che saremmo capaci di fare e che, a volte, purtroppo facciamo.

Di chi la colpa per aver peccato?

Ben sappiamo che (quasi mai) possiamo incolpare qualcuno se la nostra vita non sta prendendo la piega che desideriamo; se quel progetto che ci sta tanto a cuore non si realizza; se, insomma, tutto va male.

Se accogliamo ciò che la vita ci offre ogni giorno, la realizzazione dei nostri più bei sogni non è una cosa impossibile.

Solo però che non dovremmo mai dimenticare – e questo è un altro grande insegnamento di questo brano del libro di Giobbe – che molto, anzi moltissimo, dipende anche dall’impegno costante che ogni giorno mettiamo in tutto ciò che facciamo! Questo, in fondo, è il senso della parabola dei talenti (Mt 25,14-28)

Parte di un disegno globale che il peccato non scalfisce

Le parole della citazione biblica iniziale furono rivolte a Giobbe da un giovane di nome Elihu, il quale – a differenza degli altri due “amici” di Giobbe – riesce a capire quale sia il disagio profondo in cui Giobbe si trova.

Giobbe viene invitato a guardare in alto e non in basso, verso le sue purulente piaghe corporee… perché solo guardando in alto siamo capaci di non fare attenzione al nostro quanto mai grave peccato, ma alle cose grandi e belle che Dio vuole da noi. 

Ma l’apice del libro di Giobbe è nel capitolo 42. Qui, Giobbe, pur restando ricoperto di piaghe, tuttavia riconosce di avere finalmente conosciuto Dio non per sentito dire, ma in prima persona. Attraverso cosa?

Attraverso la scoperta di essere parte, anche senza capirlo, della creazione, del progetto d’amore di Dio che è finalizzato sempre e comunque al miglioramento di noi stessi, all’approfondimento della nostra spiritualità e, perciò ad una vita più degna di essere vissuta.

Il peccato può essere anche grave, se nuoce a se stessi o al prossimo, ma di certo non obbliga Dio a cambiare il suo atteggiamento di amore verso l’uomo.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Il diluvio universale nei libri di Enoch

Il diluvio universale nei libri di Enoch

Allora l'Altissimo, Grande e Santo parlò ed inviò Arseyaleyor dal figlio di Lamek e gli disse: "Digli, a nome mio, di nascondersi e manifestagli la fine che verrà poiché la terra, tutta, perirà; verrà su tutta la terra e quel che è in essa perirà. Avvisalo che fugga e...

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare? Genesi 3,11 All'improvviso l'uomo si scopre fragile, tremante e tremendamente bisognoso di tutto e di tutti. Una condizione, questa, dovuta non tanto alla...

L’albero della vita: la  via per diventare veramente immortali

L’albero della vita: la via per diventare veramente immortali

Scacciò l'uomo e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via all'albero della vita. Genesi 3,24 Vale la pena di immaginare la scena qui raffigurata fin nei dettagli. Solitamente si immagina l'ingresso del...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi Genesi 3,20 La questione dei nomi dei due primi esseri umani è veramente ingarbugliata. Iniziamo dal maschio: Adamo. Il suo non è un vero nome, almeno non nel senso che qualcuno lo chiamò così. Si...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 11 =