Il cielo e le sue fonti di luce

23 Luglio 2021

Dio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra». E così avvenne:  Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno

Genesi 1,14-19

Cos’erano il sole e la luna per gli antichi?

Per gli antichi le stelle cadenti non erano piccoli frammenti di meteoriti che si incendiano a contatto con l’atmosfera, ma vere e proprie stelle che si “staccavano” dal firmamento, ossia dalla volta celeste rigida in cui erano state incastonate da Dio stesso (Apocalisse 6,13).

Il sole, la luna e le stelle erano poi una specie di piccoli fari incassati nel cielo che fungevano da sorgenti luminose ma non solo. Fungevano da “segni celesti”. Questa, secondo me, è l’unica traduzione possibile della parola ebraica אוֹת ‘ot, che non indica un fenomeno atmosferico, perché viene direttamente riferito al sole, la luna e le stelle.

Potremmo invece pensare alle posizioni del sole che segnalano l’avvicendarsi delle stagioni, o alle eclissi, oppure ancora alle macchie solari, ma c’è comunque qualcosa di più, visto che l’evangelista Luca (21,25-28) menziona espressamente i segni nel cielo come annunciatori, insieme ad altri eventi celesti singolari, della venuta del Figlio dell’Uomo.

Il quarto giorno della creazione

A parte queste osservazioni dal sapore apocalittico, il quarto giorno della creazione è al centro dell’intero racconto, incastonato come una perla preziosa tra i primi tre giorni e gli ultimi della creazione.

Per gli autori della Genesi il sole e la luna non solo scandivano i giorni, gli anni e le stagioni, non solo fungevano da segni celesti, ma soprattutto indicavano il ciclo annuale delle “feste liturgiche”, (Levitico 23), i cui riti strutturano il tempo, conferendogli una scansione che non è solo cronologica, ma profondamente umana.

Tra l’altro, ogni religione che si rispetti, non solo quella ebraica o cristiana, è basata su un calendario ricco di feste e ricorrenze che solo una visione distorta e riduttiva della fede fa coincidere con un obbligo da rispettare.

Tutto questo, agli occhi di Dio, è buono, ossia non solo corrispondente al volere di Dio, ma anche bello ossia esteticamente apprezzabile. Da Dio, infatti, non può venire nulla di brutto o qualcosa che contenga anche un solo atomo di negatività (Sapienza 1,14).

Photo by Quino Al on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 4 =