Perché si ha paura di essere nudi?

10 Dicembre 2021

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto».

Genesi 3,10

Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui – e solo a lui – per poter vivere un’esistenza degna di questo nome.

L’angoscia che cova sotto le ceneri

Ma ciò è possibile solo quando non si fugge dall’angoscia, quando essa affiora, ma la si lascia parlare. Ci accorgeremo subito di quante mascherestratagemmi usiamo ogni giorno per non sentirla; per illuderci di trovare in qualche angolo della nostra vita, qualcosa che possa essere strappato al logorio del tempo e alla fragilità della vita.

Insomma, finché l’angoscia cova sotto le ceneri, NOI dobbiamo essere Dio, illudendoci di dare all’effimero uno spessore e un sapore di eterno che esso non può e non potrà mai avere.

Quando il fiume pauroso e tenebroso scorre sotto l’apparente calma quotidiana, essere semplici creature, fragili e tremanti è una condizione insopportabile e non può essere tollerata, neppure un minuto. La nudità è scoprirsi improvvisamente tali.

E quando ciò accade, magari in seguito a qualcosa di tragico che è accaduto, affiora subito la paura. La paura di cadere in quel baratro che, fino a quel momento, si è accuratamente velato e coperto. Ci vorrà tempo e tanta pazienza per capire che non si tratta di un baratro, ma di uno spazio che può essere abitato e trasformato.

Prima di allora, occorre subito affidarsi a Dio, una buona volta. Ma a chi? Al Dio dispotico e faraonico che ha assunto i volti e le storie di quelle persone a cui incautamente ci siamo affidati? No, certamente.

Il vero volto di Dio oltre la cortina della paura

Occorre invocare, pregare, urlare che il Dio dell’amore e della pace riveli finalmente il suo volto e abbracci finalmente la nostra esistenza, donandole quella sicurezza che nessuno al mondo può darci.

Egli, infatti rifugge ogni schema, ogni morale, ogni idea, ogni dottrina, per rivelarsi semplicemente nella luce e nella pace in cui abita. La Genesi lo presenta come un signore tranquillo e che passeggia sereno nel giardino.

Ma quando accade veramente qualcosa di inaspettato o di tragico e non si decide di ascoltare e ascoltarsi senza censure, questa immagine di Dio ‘spaventa’ perché corrisponde alla fragilità e alla precarietà appena affiorate. Non ci sono sconti e non ci sono facili via d’uscita.

Una cosa sola è certa: quando l’angoscia affiora, perché ci scopriamo (finalmente) nudi, appare subito il Dio dell’amore e della pace che abita appena oltre il velo dell’angoscia … basta mettersi in contatto con lui, prima possibile!

Photo by Dym Cozzy on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Bibbia e intelligenza artificiale

Bibbia e intelligenza artificiale

La Bibbia almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani. Tradurre un testo come la Bibbia non è un compito facile, perché occorre...

Il libro dei misteri di Qumran

Il libro dei misteri di Qumran

Forse che tutti i popoli non odiano la perversione? E tuttavia è per mezzo di tutti loro che si diffonde. Non è forse dalla bocca di tutti i popoli che promana l'encomio della verità? Ma c'è un labbro o una lingua che aderisca ad essa? Qual popolo vorrebbe essere...

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell'autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù). Questo livello di lettura spiegherebbe l'intenzione dell'autore e il messaggio teologico che ne...

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

7 + 1 =