L’erotismo a Qumran

23 Maggio 2022

Veniamo da secoli di disprezzo e mortificazione corporale, a causa di una infausta dicotomia tra corpo che muore e anima che deve salvarsi per la vita eterna e che perciò non deve “macchiarsi”. L’eros, come carica vitale e sessuale che si esprime attraverso un corpo sano e pieno di vita, è stato fin troppo visto e bistrattato con il suo antagonista thanatos, ossia la morte.

Linguaggio erotico a Qumran

Ciò a causa del fraintendimento delle fonti a nostra disposizione, la Bibbia, i vangeli e perfino gli scritti di Qumran, appartenenti ad una setta che troppo frettolosamente sono stati considerati separatisti giudei alla ricerca di una vita ascetica e austera nel deserto di Giusa.

Essi, invece, conoscevano bene il linguaggio sessuale e perfino erotico e ciò è palese in un brevissimo testo trovato proprio a Qumran, nella prima grotta, negli anni quaranta.

Là nelle calde sabbie del deserto, al riparo dentro grotte asciutte e protettive, gli Esseni nascosero i loro preziosi manoscritti, mentre la legio fretensis avanzava per distruggere tutto ciò che incontrava, compreso l’insediamento dove essi abitavano.

Il testo sotto esame

Tecnicamente si chiama 1Q184 ed è stato intitolato dagli studiosi gli inganni della donna malvagia; un testo che descrive in modo forte come l’erotismo può diventare anche qualcosa di tenebroso se portato agli eccessi. Il testo è frammentario, perché come tanti altri antichissimi testi trovati a Qumran, la pergamena dov’era scritto era ridotta a brandelli. Eccone la parte più significativa (righe 2-3):

Il suo cuore trama trappole,
e i suoi reni [ … ]
sono contaminati dall’iniquità.
Le sue mani afferrano l’abisso,
i suoi piedi scendono a fare il male,
e per per percorrere vie di colpa [ … ]

Il cuore – in ebraico לֵב lev – era la sede dell’intelletto, delle emozioni e delle azioni morali (Salmo 11,13; 13,3; 34,19 etc.), della coscienza; mentre i reni – in ebraico כִּלְיָה kilyah – erano la sede della vitalità (Proverbi 23,16) e del comportamento (Geremia 11,20). Insieme, cuore e reni indicano l’interiorità della persona, in questo caso di una donna, dedita al male.

La naturalezza con cui si parlava del corpo

Le mani sono perciò gli strumenti di una interiorità ingannevole e, infatti, “maneggiano” l’abisso, ossia sono esperte nel eseguire tresche “notturne”. Che si tratti di una donna non deve ingannare, facendoci pensare che vi sia qui una visione misogina. La “donna” personifica qui un sistema perverso e pervertitore che può personificarsi sia nella donna che nell’uomo.

Ma sono i “piedi” a destare sorpresa in un testo appartenente a una setta come quella di Qumran. Infatti, nella Bibbia ebraica il piede – in ebraico רֶגֶל règhel – era il termine che indicava chiaramente i(anche)  genitali, maschili o femminili. Quindi, senza mezzi termini, gli Esseni indicavano un’attività genitale volta al male perciò alla colpa.

Insomma, è come se oggi si parlasse di “pene” – o altro termine più esplicito – in un testo religioso, quale un’omelia o un libro sacro. Forse, in certi ambienti, si è perduta la naturalezza con cui si designano gli organi genitali, anche per avvertire che una sessualità sfrenata e malignamente deliberata non è buona, preferendo – soprattutto nei secoli scorsi – un linguaggio asettico e puritano che tanto male ha fatto a tante generazioni di credenti.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

4 + 4 =

error: Il contenuto è protetto