L’erotismo a Qumran

23 Maggio 2022

Veniamo da secoli di disprezzo e mortificazione corporale, a causa di una infausta dicotomia tra corpo che muore e anima che deve salvarsi per la vita eterna e che perciò non deve “macchiarsi”. L’eros, come carica vitale e sessuale che si esprime attraverso un corpo sano e pieno di vita, è stato fin troppo visto e bistrattato con il suo antagonista thanatos, ossia la morte.

Linguaggio erotico a Qumran

Ciò a causa del fraintendimento delle fonti a nostra disposizione, la Bibbia, i vangeli e perfino gli scritti di Qumran, appartenenti ad una setta che troppo frettolosamente sono stati considerati separatisti giudei alla ricerca di una vita ascetica e austera nel deserto di Giusa.

Essi, invece, conoscevano bene il linguaggio sessuale e perfino erotico e ciò è palese in un brevissimo testo trovato proprio a Qumran, nella prima grotta, negli anni quaranta.

Là nelle calde sabbie del deserto, al riparo dentro grotte asciutte e protettive, gli Esseni nascosero i loro preziosi manoscritti, mentre la legio fretensis avanzava per distruggere tutto ciò che incontrava, compreso l’insediamento dove essi abitavano.

Il testo sotto esame

Tecnicamente si chiama 1Q184 ed è stato intitolato dagli studiosi gli inganni della donna malvagia; un testo che descrive in modo forte come l’erotismo può diventare anche qualcosa di tenebroso se portato agli eccessi. Il testo è frammentario, perché come tanti altri antichissimi testi trovati a Qumran, la pergamena dov’era scritto era ridotta a brandelli. Eccone la parte più significativa (righe 2-3):

Il suo cuore trama trappole,
e i suoi reni [ … ]
sono contaminati dall’iniquità.
Le sue mani afferrano l’abisso,
i suoi piedi scendono a fare il male,
e per per percorrere vie di colpa [ … ]

Il cuore – in ebraico לֵב lev – era la sede dell’intelletto, delle emozioni e delle azioni morali (Salmo 11,13; 13,3; 34,19 etc.), della coscienza; mentre i reni – in ebraico כִּלְיָה kilyah – erano la sede della vitalità (Proverbi 23,16) e del comportamento (Geremia 11,20). Insieme, cuore e reni indicano l’interiorità della persona, in questo caso di una donna, dedita al male.

La naturalezza con cui si parlava del corpo

Le mani sono perciò gli strumenti di una interiorità ingannevole e, infatti, “maneggiano” l’abisso, ossia sono esperte nel eseguire tresche “notturne”. Che si tratti di una donna non deve ingannare, facendoci pensare che vi sia qui una visione misogina. La “donna” personifica qui un sistema perverso e pervertitore che può personificarsi sia nella donna che nell’uomo.

Ma sono i “piedi” a destare sorpresa in un testo appartenente a una setta come quella di Qumran. Infatti, nella Bibbia ebraica il piede – in ebraico רֶגֶל règhel – era il termine che indicava chiaramente i(anche)  genitali, maschili o femminili. Quindi, senza mezzi termini, gli Esseni indicavano un’attività genitale volta al male perciò alla colpa.

Insomma, è come se oggi si parlasse di “pene” – o altro termine più esplicito – in un testo religioso, quale un’omelia o un libro sacro. Forse, in certi ambienti, si è perduta la naturalezza con cui si designano gli organi genitali, anche per avvertire che una sessualità sfrenata e malignamente deliberata non è buona, preferendo – soprattutto nei secoli scorsi – un linguaggio asettico e puritano che tanto male ha fatto a tante generazioni di credenti.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La Bibbia dice che siamo polvere: Bibbia e quantistica

La Bibbia dice che siamo polvere: Bibbia e quantistica

Gli scienziati dicono che a livello sub atomico - ossia a livello dei quanti, le particelle (quasi) elementari di tutto ciò che esiste - c'è un pullulare di particelle, dove tempo e spazio sono quasi nulli. La creazione dell'uomo e la scienza Davanti a testi come...

Il primo censimento d’Israele (Numeri cap. 1)

Il primo censimento d’Israele (Numeri cap. 1)

All'inizio del libro dei Numeri Mosè fa il primo censimento degli Ebrei usciti dall'Egitto: Il Signore parlò a Mosè, nel deserto del Sinai, nella tenda del convegno, il primo giorno del secondo mese, il secondo anno dell'uscita dal paese d'Egitto, e disse: «Fate il...

Come va interpretata la Bibbia?

Come va interpretata la Bibbia?

Da secoli essa è al centro di dibattiti non solo riguardo ai suoi contenuti e alle sue dottrine, ma anche intorno al modo in cui interpretarla. Il modo in cui la leggono gli Ebrei Gran parte degli Ebrei interpretano le Sacre Scritture - che corrisponde grosso modo al...

Ritorno alla Genesi: un viaggio nella luce

Ritorno alla Genesi: un viaggio nella luce

Avete mai pensato di riavvolgere il nastro della vostra vita fino all’inizio? Questa vita in cui siamo separati in corpi di carne eppure restiamo sempre uniti da un filo luminoso che ci lega alla fonte della nostra esistenza. Secondo me tutti ci abbiamo provato, ma è...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il conteggio delle dodici tribù in marcia nel deserto

Figli di Ruben, primogenito d'Israele, loro discendenti secondo le loro famiglie, secondo i loro casati paterni, contando i nomi di tutti i maschi, uno per uno, dall'età di vent'anni in su, quanti potevano andare in guerra: i registrati della tribù di Ruben...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 2 =

error: Il contenuto è protetto