Che peccato! Non fare ciò che si desidera sul serio (חַטָּ֣את “chatta’t”)

27 Settembre 2021

Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dòminalo

Genesi 4,7

Si tratta di una frase assai difficile da tradurre in italiano e ancor più da comprendere in relazione alle nostre lingue moderne. La traduzione qui offerta, che risale alla versione della CEI del 2008, è solo una delle possibilità. Un’altra è la seguente: Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato non è forse accovacciato alla tua porta? 

Il vero peccato

Il problema più grosso è che peccato in ebraico è femminile – chattat (חַטָּ֣את) – mentre il verbo accovacciato in ebraico è al maschile. Dunque il nome non concorda col verbo che dovrebbe essere ugualmente al maschile.

Nella traduzione sopra proposta, questo non sembra essere un problema. Infatti accovacciato viene predicato senza problemi a peccato. Ed in effetti, la grammatica ebraica permette questo accostamento. Si pensi solo al nome Qohelet (קֹהֶ֣לֶת) il titolo del celebre libro (Qoelet). Un nome femminile che si riferisce all’autore dell’omonimo libro inconfondibilmente maschile.

Ma andiamo con ordine. Dio dice a Caino che se egli agisce con onestà e rettitudine ed anche partendo da se stesso, da ciò che vuole ed ama fare, egli può tenere alto il proprio volto (cfr. versetto precedente).Se l’abbattimento del volto e la rabbia interiore sono segni del sentimento dell’invidia, alzare il volto in modo fiero e libero è segno di libertà e di sicurezza di sé.

Una sicurezza che nasce dal fatto che si fa ciò che si vuol fare, senza confronti e senza rimpianti. Esattamente l’opposto dell’invidia. Se si sceglie la possibilità di una domanda retorica anche per la seconda frase, si accetta l’idea di Dio che cerca di far riflettere Caino per fargli trarre una conclusione.

L’istinto indomabile

Il peccato accovacciato alla porta viene accostato da alcuni al demone mesopotamico rabitsum. Esso era visto sia come na minaccia, ossia come un demone che ulula e che insidia gli occupanti di una casa e sia come un essere posto a protezione che con i suoi ululati allontanava qualche malintenzionato. 

Se si vuole seguire questo filone mitologico, si tratterebbe della prima ipotesi. Ad ogni modo il peccato è qui come personificato. Qualcosa che d’istinto può aggredire l’uomo facendogli compiere azioni sbagliate.  

Secondo me si tratta sempre della rabbia di Caino, che può assalirlo da un momento all’altro facendogli perdere la testa. Egli può e deve dominarla, ma a poco vale reprimerla e ricacciarla dentro.L’unico rimedio è agire bene, ossia compiere il proprio lavoro in pace e liberamente, seguendo il proprio essere.

Solo, infatti, se non si agisce bene – ossia si lavora logorati dal confronto e dall’invidia – la rabbia è come un demone che, prima o poi, ci assale … 

Photo by Stephany Lorena on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi Genesi 3,20 La questione dei nomi dei due primi esseri umani è veramente ingarbugliata. Iniziamo dal maschio: Adamo. Il suo non è un vero nome, almeno non nel senso che qualcuno lo chiamò così. Si...

La terraferma

La terraferma

Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne Genesi 1,9 Se proviamo a visualizzare le immagini che queste parole così evocative suscitano nella nostra mente, sembra quasi di trovare una conferma...

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare? Genesi 3,11 All'improvviso l'uomo si scopre fragile, tremante e tremendamente bisognoso di tutto e di tutti. Una condizione, questa, dovuta non tanto alla...

Elohim (אֱלוֹהִים) : un solo Dio?

Elohim (אֱלוֹהִים) : un solo Dio?

"Bereshit bara Elohim (אֱלוֹהִים) ..." ecco la traduzione letterale: "In principio Dio creò ..." Quindi proprio all'inizio del libro venerato dalle tre grandi religioni monoteiste c'è un riferimento al politeismo? Anzitutto, il verbo barà בָּרָ֣א (creò) è al...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il paradiso perduto

Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto Genesi 3,23 Questo versetto svolge due funzioni. Chiude il capitolo 3 ed insieme la prima parte della Genesi, ossia la creazione e il racconto della caduta (Genesi 1-3)....

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 4 =