Recuperato un frammento di calendario a Qumran

26 Gennaio 2022

Grazie al lavoro di due ricercatori dell’Università di Haifa: Eshbal Ratson e Jonathan Ben-Dov  che hanno assemblato circa 60 frammenti di pergamena trovati a Qumran e contenenti un testo criptico, ossia in codice, che tratta però di materie che erano ben note ai tempi degli Esseni.

Il fatto di scrivere in codice dava – sia all’autore che al testo – un certo rango e una certa importanza, poiché attestava che la questione era (fittiziamente) conosciuta solo da chi scriveva. (Per avere un’idea del testo clicca qui e scorri).

Il calendario degli Esseni

Il testo non fa che confermate le caratteristiche del calendario in uso tra gli Esseni. Esso era un calendario perfetto ed era composto di 364 giorni. Un calendario perfetto e divisibile per due numeri speciali: il 4 e il 7. Ogni ricorrenza religiosa particolare cadeva solo in uno di quei due giorni.

Se una di queste cadeva nel settimo giorno – invariabilmente dedicato allo shabbat – veniva spostata al quarto. Ciò evitava i complessi calcoli che, in simili evenienze, richiedeva il calendario lunare in uso a Gerusalemme dal Giudaismo ufficiale. La complessità dei calcoli richiedeva personale apposito e specializzato, cosa invece non richiesta a Qumran e tra gli Esseni.

Alcuni studiosi, hanno notato che questi due numeri – il 4 e il 7 – sono messi in particolare risalto nella settimana della creazione, come viene narrata in Genesi 1. Nel quarto giorno, infatti, vengono creati il sole, la luna e gli astri, i punti di riferimento fondamentali del calendario cultuale; nel settimo, Dio si riposa dall’opera che aveva compiuto.

La festa del cambio di stagione

Un riposo che poi sarà chiamato shabbat. Ciò confermerebbe l’origine del racconto tra gli ambienti sacerdotali dell’epoca e che a Qumran, molto probabilmente, vi erano dei sacerdoti dissidenti rispetto all’ortodossia gerosolimitana.

La novità che questa scoperta introduce nel settore degli studi biblici è che, per la prima volta, apprendiamo il nome della festa che veniva celebrata a Qumran ad ogni cambio di stagione: tekufah. Si tratta di un termine ebraico che, fino ad oggi, era attestato solo in epoca posteriore, nell’ebraico della mishnah o ebraico rabbinico. Il termine ebraico significa periodo.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Nel racconto biblico di Genesi 18,20-32, Abramo si interpone tra Dio e gli abitanti di Sodoma e Gomorra, insistendo ripetutamente sulla possibilità di trovare giusti nella città. La sua perseveranza nel cercare di salvare anche un piccolo numero di innocenti, persino...

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il deserto, termine ebraico "midbar" (מִדְבַּר), è strettamente collegato per assonanza a "davar" (דָבָר), che significa "parola". Questa associazione linguistica riflette un profondo legame simbolico: il deserto come luogo del parlare divino. Qui, lontano dalle...

La storia del sacerdote Eli al santuario di Silo

La storia del sacerdote Eli al santuario di Silo

Eli - in Ebr. אֵלִי [YHWH] è esaltato - era un sacerdote che presiedeva al tempio a Silo - uno dei più antichi santuari d'Israele - dove l'Arca dell'Alleanza era custodita. La storia di Eli è descritta nei primi capitoli del Primo Libro di Samuele (cc. 1-4). Eli aveva...

Come va interpretata la Bibbia?

Come va interpretata la Bibbia?

Da secoli essa è al centro di dibattiti non solo riguardo ai suoi contenuti e alle sue dottrine, ma anche intorno al modo in cui interpretarla. Il modo in cui la leggono gli Ebrei Gran parte degli Ebrei interpretano le Sacre Scritture - che corrisponde grosso modo al...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La stella di Betlemme: scienza o mistica?

Quando la vita di un uomo scorre felice e senza problemi, si dice che quella persona è nata sotto una buona stella. In effetti, per gli antichi, il momento della nascita corrispondeva a una certa configurazione astrale, con un significato preciso per il futuro del...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 2 =

error: Il contenuto è protetto