Osso dalle mie ossa

17 Luglio 2021

Allora l’uomo disse:
«Questa volta essa
è carne dalla mia carne
e osso dalle mie ossa.
La si chiamerà donna
perché dall’uomo è stata tolta».

Genesi 2,23

Pare proprio un’esclamazione quella di Adamo: «Ah Finalmente … !». Finalmente Adamo ha trovato un essere, diverso dagli animali, con il quale sia possibile condividere ciò che egli è nel profondo. Un essere grazie al quale può finalmente abbattere il muro dell’isolamento in cui si trovava. 

L’essere umano creato da Dio è in grado di entrare in comunione con Adamo perché è “carne della sua carne e osso delle sue ossa”. Ossa e carne, proprio come la costola di Adamo. L’essere umano che accompagnerà Adamo nel corso della sua vita è, cioè, fatto della sua stessa “pasta”.

Non solo, però. Quell’essere appena creato è in grado di comunicare come lui, di muoversi come lui, di assumere tutte le sue espressioni facciali, per fargli capire quando soffre, quando gioisce, quando è arrabbiato o quando è calmo.

Si tratta, a ben vedere, di una complementarietà ben più profonda di quella derivante dalla carne. Ed infatti “carne” (in Ebr. בָּשָׂר – basàr) non significa solo pelle, muscoli, grasso e nervi, ma molto di più. È la capacità di esprimere fuori ciò che si è dentro, proprio attraverso il corpo che è, fondamentalmente, messaggero dell’anima. 

La lingua ebraica per indicare una complementarietà così profonda e completa gioca su due parole dal suono quasi identico ish (in Ebr. אִישׁ) ishàh (in Ebr. אִשָּׁה) Queste due parole sono di solito tradotte con “uomo” e “donna”, anche se in realtà andrebbero piuttosto tradotte con “compagno” e “compagna”.

Questi due termini si somigliano come le due parole ebraiche si somigliano. Uomo e donna, invece, evocano troppe cose e sono foneticamente assai diverse tra loro. Compagno e compagna, perché Adamo e l’essere che Dio gli ha posto a fianco rappresentano due individui separati, ma anche potenzialmente uniti da una profonda comunione di intenti. 

Ed anche se la Bibbia dice “dall’uomo è stata tolta” ciò non significa che la donna deriva dall’uomo in una posizione a lui subalterna.

Anzi, la parola ishàh (compagna) è linguisticamente più piena rispetto a ish (compagno). È come se dall’uomo derivasse qualcosa che è più grande di lui, perché quell’essere è in grado di fare una sintesi tra i due e questa sintesi si chiama con una sola parola: rapporto d’amore! 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?

Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?

Ma il Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?» Genesi 3,9 Ogni volta che Dio pone una domanda di questo genere, non è perché l’uomo gli faccia conoscere qualcosa che lui ancora ignora: vuole invece provocare nell’uomo una reazione per l’appunto solo...

Non è bene che l’uomo sia solo

Non è bene che l’uomo sia solo

Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». Genesi 2,18 Eccoci giunti al momento più solenne del secondo racconto della creazione (Genesi 2). Ecco cosa dice Dio tra sé e sé. Potremmo dire anche che questo...

Il cielo e le sue fonti di luce

Il cielo e le sue fonti di luce

Dio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra». E così avvenne:  Dio fece le due luci grandi,...

La costola di Adamo

La costola di Adamo

Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto Genesi 2,21 Quando parliamo dei primi tre capitoli della Genesi, siamo abituati a pensare ad Adamo ed Eva come a due individui...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La creazione della donna

Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo Genesi 2,22 Plasmare o fare? Nelle nostre bibbie in lingua italiana, il verbo usato per descrivere l'azione di Dio che crea la donna è lo stesso usato per parlare della...

COME POSSO AIUTARTI?

12 + 11 =