La storia di Giuseppe: quando Dio vede e provvede

6 Giugno 2023

La storia di Giuseppe – יוֹסֵף (yosef “egli [Dio] aggiungerà, accrescerà” –  è uno dei racconti più famosi della Bibbia. Giuseppe era il figlio preferito di Giacobbe e Rachele, cosa che creò gelosia e rivalità tra lui e i suoi fratelli. Nella storia di Giuseppe sono narrati i seguenti fatti:

Giuseppe e la sua tunica dalle lunghe maniche: Giacobbe, il padre di Giuseppe, gli diede un mantello speciale che era simbolo della sua predilezione (Genesi 37,3).

Giuseppe fece dei sogni che preannunciavano il suo futuro dominio sui suoi fratelli. Quando raccontò questi sogni i fratelli iniziarono a provare invidia e risentimento verso di lui (Genesi 37,4-11).

La vendita di Giuseppe come schiavo: I fratelli di Giuseppe decisero allora di liberarsi di lui, lo gettarono in una cisterna e fu preso poi da una carovana Ismaeliti. Giuseppe fu portato in Egitto e venduto a Potifar, un ufficiale di corte egiziano (Genesi 37,12-36).

La tentazione di Giuseppe: Mentre era al servizio di Potifar, la moglie di quest’ultimo cercò di sedurre Giuseppe. Tuttavia, Giuseppe rifiutò le seduzioni della donna e rimase fedele a Dio. Questo lo portò ad essere ingiustamente accusato e imprigionato (Genesi 39).

L’interpretazione dei sogni del faraone: Mentre era in prigione, Giuseppe interpretò con successo i sogni di due servitori del faraone. Questa abilità profetica lo portò alla corte del faraone, dove interpretò un sogno del sovrano che annunciava una carestia imminente, spiegando anche il modo per affrontarla e superarla (Genesi 40-41,36).

Il ruolo di Giuseppe come governatore d’Egitto: Grazie alla sua interpretazione dei sogni, Giuseppe fu nominato governatore d’Egitto e fu incaricato di raccogliere e distribuire il cibo durante la carestia. Fu proprio in questo periodo che si riunì con i suoi fratelli, che erano venuti in Egitto per cercare cibo (Genesi 42-44)

La riconciliazione tra Giuseppe e i suoi fratelli: Inizialmente, i fratelli di Giuseppe non lo riconobbero, ma alla fine Giuseppe rivelò la sua vera identità. Egli perdonò i suoi fratelli per ciò che gli avevano fatto e si riconciliò con loro, riunendo così la famiglia (Genesi 45).

Alla fine, anche il padre Giacobbe scende in Egitto e si riunisce al figlio tanto amato e per il quale aveva tanto sofferto. Dalla famiglia di Giacobbe nacquero numerosi discendenti che popolarono l’Egitto di ebrei. Giacobbe poi morirà e sarà sepolto in Egitto, come anche accadrà poi a Giuseppe (Genesi 46-50).

La storia di Giuseppe è un capolavoro letterario del libro della Genesi ed è piena di insegnamenti positivi:

  1. essere sempre sinceri con se stessi e con gli altri;
  2. fidarsi di Dio più che degli uomini;
  3. resistere alle lusinghe dei palazzi di corte e del potere;
  4. essere certi che, anche se nascosta, la mano di Dio è sempre in azione;
  5. fidarsi dei propri talenti ed usarli nei momenti più difficili per sé e per gli altri.
Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 5 =

error: Il contenuto è protetto