I cieli o i “due cieli” שָׁמַ֫יִם?

12 Maggio 2023

Nella Lingua italiana, il nome può trovarsi in due condizioni: singolare plurale. Questo stato del nome, viene comunemente chiamato “numero” del nome. Normalmente, in nessuna scuola elementare, media o superiore viene insegnato che esiste anche un altro stato del nome: il duale.

Se il singolare indica l’unità (per esempio una mela) e il plurale indica una pluralità (le mele), il duale indica quelle cose che naturalmente si trovano in coppia, come per esempi: due piedi, due occhi, due orecchie e così via.

Il duale in Ebraico

Nelle grammatiche della Lingua ebraico biblica, questo numero del nome viene esplicitamente menzionato, accanto al singolare e al plurale. Perciò abbiamo:

רֶגֶל (règel) un piede (singolare)

רַנְלָ֑יִם (raglàyim) due piedi (duale)

Non esiste, per queste parti del corpo naturalmente appaiate, l’espressione che usiamo in Italiano: i piedi, perché in Ebraico per questa categoria di nomi, c’è solo il duale, che si riconosce dalla finale -ayim (raglàyim).

Così anche per il nome:

עַיִן (‘àyin) occhio (singolare)

עֵינַיִם (‘enàyim) due occhi (duale)

E non gli occhi, come diciamo in Italiano. Tra l’altro, questo nome è anche una delle consonanti dell’alfabeto ebraico, la più difficile da pronunciare: una sorta di ingoiata.

I cieli o i due cieli?

Accanto a questi nomi naturalmente appaiati, esistono però degli altri, che sono formalmente al duale, ma che nessuno traduce in questo modo, per esempio:

שָׁמַיִם (shamàyim) cielo cieli

Tuttavia, questo nome è al duale, com’è chiaramente indicato dalla finale -àyim e perciò occorrerebbe tradurre: due cieli. Si tratta di una traduzione esatta? In parte sì.

Non esiste, infatti, solo il “cielo” atmosferico, che in Genesi 1 è il firmamento (רָקִיעַ – raqia’ – Gen 1,6-8), ma anche “il cielo” di cui parla Genesi 1,1 che non sono esattamente il cielo atmosferico, bensì rappresentano il mondo di Dio, che viene creato appunto in Genesi 1,1.

Ed infatti, nel testo biblico di Genesi 1, “il cielo di Genesi 1,1 è הַשָּׁמַ֖יִם hashamàyim (con l’articolo determinativo), per indicare qualcosa di non concreto, di più astratto, rispetto al “cielo” שָׁמָ֑יִם shamàyim (senza articolo determinativo) di cui si parla in Genesi 6,9.

Quindi, in effetti, i cieli sono due e non uno solo.  Poi, nella tradizione successiva alla Bibbia ebraica, i cieli diventeranno anche più di due, se è vero che Paolo di Tarso parla perfino di terzo cielo (1 Cor 12,2.4). Infatti, nella tradizione mistica si può salire a livelli spirituali sempre più alti, fino a giungere a Dio.

Un viaggio da compiersi dentro di noi, più che fuori di noi, nel nostro cuore, dove Dio abita, ma che può a un certo punto giungere anche fuori, quando ci uniamo al Regno di Dio, da dove possiamo vedere il mondo con occhi – anzi con i due occhi – diversi.

 

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

4 + 12 =

error: Il contenuto è protetto