Gli alberi dell’Eden

29 Gennaio 2022

Il Signore Dio diede questo comando all’uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti»

Genesi 2,16-17

È il secondo comando che Dio dà all’uomo. Il primo  (Gen 1,28) fu quello dove Dio ordinò all’uomo e alla donna di crescere e moltiplicarsi sulla faccia della terra e di esercitare un responsabile dominio sugli altri esseri viventi.

L’ordine che Dio dà all’uomo in questi versetti è, invece, di natura assai diversa. Apparentemente, può sembrare che si tratti di un divieto alimentare e nulla più. Tuttavia, se ricordiamo, i due alberi oggetto del divieto sono “molto particolari”. Essi non sono alberi veri e propri, ma rappresentano una capacità che deve restare al di fuori della portata umana.

L’albero della vita

L’albero della vita rappresenta l’eternità; l’albero della conoscenza del bene e del male rappresenta la possibilità di fare tutto, senza limiti e censure. Si tratta di due capacità chiaramente al di fuori della portata umana. 

Sorprende però che Dio non ordini di non mangiare l’albero della vita, mentre proibisce perentoriamente all’uomo di mangiare dell’altro. Perché? La risposta verrà più avanti nel racconto, ma già adesso possiamo dire che le capacità che gli alberi donerebbero a chi mangia dei loro frutti sono strettamente collegate tra loro. 

La formulazione dell’ordine di non mangiare dell’albero della conoscenza del bene e del male è perentoria e apodittica: “non mangerai”. Assomiglia molto alle formulazioni di alcuni dei dieci comandamenti (cf. Esodo 20).

L’albero della conoscenza del bene e del male

Si tratta, così, della prima e fondamentale legge che Dio dà all’uomo. Fondamentale perché essa racchiude in sé la nozione dell’essenza stessa di ogni vero male: “la trasgressione”. 

Trasgredire significa “oltrepassare” dei confini invalicabili. Quando Dio dice all’uomo di non mangiare del frutto, non dà semplicemente un ordine, ma gli indica chiaramente una impossibilità: “di fare tutto senza limiti e senza censure, qualsiasi cosa frulli dentro la testa dell’uomo”. 

Insomma, Dio ricorda all’uomo la sua natura: un essere fragile, una creatura bisognosa di tutto, soprattutto di Dio. Mangiare dell’albero, invece, significa sostituirsi a Dio, poiché si è in grado di fare tutto. 

Morte fisica o spirituale?

Ma Dio dice anche quale sarebbe la conseguenza della trasgressione: la morte. Una conseguenza che viene ben sottolineata dall’autore. Infatti, si dice “certamente moriresti” e non semplicemente “moriresti”. In ebraico c’è un rafforzativo che dà enfasi al comando: “moriresti, non ci sono dubbi”! 

Non c’è bisogno di dire che, invece, l’uomo non morirà affatto! Sappiamo, infatti, che Adamo vivrà ancora a lungo e avrà una sua discendenza (cf. Genesi 5). Vuol dire allora che Dio dice bugie all’uomo, come il serpente dirà alla donna? (cf. Genesi 3). 

Se l’albero di cui si parla non è una pianta, ma simboleggia l’impossibilità da parte dell’uomo di fare tutto e da sé, allora anche la morte probabilmente non è quella fisica. 

Essa rappresenterebbe non la fine della vita, ma “una esposizione a rischi mortali”, una “paurosa esposizione della propria esistenza nel burrone del caos e del nulla”. La verifica dell’esattezza di ciò che sto dicendo verrà più avanti, nel capitolo terzo della Genesi.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

La luce della vita

La luce della vita

La luce nella Bibbia ebraica ha un senso assai profondo e vasto, nel video ne vediamo alcuni presenti nella letteratura sapienziale, attraverso la lettura di alcuni versetti del libro di Giobbe. Scopriremo così che la luce non è una realtà fredda e lontana da noi, ma...

L’Oroscopo di Qumran

L’Oroscopo di Qumran

... le sue cosce sono lunghe e snelle, le dita dei suoi piedi affusolate e lunghe. Egli si trova nella seconda posizione. Il suo spirito ha sei (parti) nella casa della luce e tre nell'abisso delle tenebre. Questo è il segno in cui egli è nato: i piedi di Taurus. Egli...

L’universo simbolico degli animali nella Bibbia

L’universo simbolico degli animali nella Bibbia

La Bibbia, così come le fiabe e i racconti mitici di molti popoli, sono pieni di animali misteriosi che parlano agli uomini, spesso esortandoli ad intraprendere una strada piuttosto che un'altra, oppure fungendo da voce della coscienza. L'insufficienza dell'esegesi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 3 =

error: Il contenuto è protetto