Cosa accadde dentro la tomba di Gesù?

7 Agosto 2021

Così dicevo nel mio “Il libro segreto di Gesù”:

Ricostruiamo dunque la scena del crimine, mettendo insieme tutti gli indizi fin qui raccolti: Gesù morì in croce il sesto giorno della settimana – 7 aprile del 30 d.C. – probabilmente a causa delle profonde ferite che provocarono una cospicua perdita di sangue e una fatale disidratazione.

La sequenza degli eventi

Giuseppe di Arimatea chiese a Pilato il permesso di prelevare il cadavere di Gesù dalla croce e, forse insieme a Nicodemo,

lo cosparse di essenze aromatiche, gli serrò le mandibole con un fazzoletto – il sudario – legato intorno alla testa e poi avvolse l’intero cadavere con un unico lenzuolo, la Sindone.

Dopo aver percorso un breve tratto in discesa, Giuseppe di Arimatea raggiunse un sepolcro da lui stesso fatto scavare nella roccia.

Depose il cadavere di Gesù sulla base rocciosa della nicchia scavata nella parete destra di una piccola camera sepolcrale a cui si accedeva passando per un ingresso – la porta – chiuso da un pesante masso di pietra,

di forma tonda o quadrata, che a mo’ di tappo sigillava la tomba. era il pomeriggio tra il sesto e il settimo giorno della settimana (7-8 aprile del 30 d.C.).

Era la vigilia dello shabbat

Di lì a poco, sarebbe iniziato lo shabbat, giorno in cui ogni lavoro manuale era severamente proibito e perfino gli spostamenti fisici erano drasticamente limitati.

Quell’anno lo shabbat coincideva con la festa più importante del calendario ebraico: la Pasqua.

Cosa accadde dentro la tomba: la mia ipotesi

A un certo punto del periodo tra lo shabbat (8 aprile) e il primo giorno della settimana (domenica 9 aprile) – proba- bilmente all’alba – nel buio del sepolcro,

per una misteriosa combinazione di leggi fisiche solo in minima parte conosciute dall’uomo, si produsse un singolarissimo evento causato non dall’esterno, ma avvenuto all’interno dell’involucro in cui era stato avvolto il cadavere di Gesù.

Qualcosa che riguardava non il corpo in salute e pieno di vigore del Gesù di qualche tempo prima, quando si trasfigurò davanti a Pietro, Giacomo e Giovanni.

Un corpo, invece, cosparso di ferite, lacerazioni e sangue, un cadavere che portava in sé i segni del più atroce dei supplizi.

Dal corpo straziato di Gesù si sarebbe sprigionata una luce assai simile a quella del Sole, composta cioè dall’intera gamma dei raggi luminosi, compresi quelli nelle regioni estreme dell’ultravioletto.

Tale radiazione, interna e probabilmente fatta di luce pulsante, avrebbe conferito una nuova struttura al corpo di Gesù, come se esso consistesse ormai di quella stessa luce abbagliante.

Come il raggio solare penetra attraverso i vetri senza modificarsi in alcun modo, così il corpo luminoso di Gesù avrebbe attraversato, irradiandolo, il lenzuolo che lo ricopriva.

Questa Sindone non cadde per terra, ma restò adagiata sulla base di pietra, ormai vuota, con il sudario sottostante ancora al suo posto, e mantenendo la forma che aveva assunto quando avvolgeva la testa di Gesù.

Dà un’occhiata ai libri che ho scritto:

Libri

 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 4 =

error: Il contenuto è protetto