Alla scoperta delle lettere ebraiche: ayin עַיִן: com’è il tuo occhio?

8 Aprile 2022

L’alfabeto ebraico contiene alcune lettere che sono chiamate gutturali, perché hanno una pronuncia particolare. Esse sono: he ה, chet ח e ghayin ע. Per la loro pronuncia, ascolta questo audio:

In Ebraico, ad esse sono assimilate anche aleph א e resh ר , per il fatto che – come le gutturali – non possono raddoppiare. Fin qui qualcosa della grammatica. Guardati questo video sulle consonanti ebraiche:

Ma cosa significano queste lettere? Inizio dalla più difficile da pronunciare: עַיִן. Alcuni sostengono che il suono della consonante è simile al verso di un cammello quando viene caricato di un peso. Chissà?

Significato

Tuttavia, al di là del suono, la parola עַיִן significa “occhio, fonte”. Nel proto-ebraico, che usava elementi pittografici per indicare le lettere – c’era l’immagine di un vero e proprio occhio, che poi nel tempo si trasformò nel suono consonantico:

Per gli antichi ebrei, infatti, l’occhio è la sorgente di ciò che sta dentro l’uomo, perché proietta la sua luce – se presente – nell’ambiente circostante. Forse così si comprendono le parole di Gesù:

La lucerna del corpo è l’occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!

Matteo 6,22-23

L’uomo sta bene – fisicamente e spiritualmente – se l’occhio è luminoso, perché ne riflette l’integrità (cfr. Proverbi 22,9 טֹֽוב־עַ֭יִן thov ‘ayn “occhio buono”; Proverbi 23,6 רַ֣ע עָ֑יִן ra’ ‘ayin “occhio malvagio”). Per Gesù, che era un ebreo (il suo nome significa “Yahweh salva” יְהֹושֻׁ֣עַ Yehoshua’ abbreviato YESHUA’ o YESHU) non c’era una netta distinzione tra corpo e quella che noi oggi chiamiamo “anima”.

L’uomo era נֶפֶשׁ nefesh ossia, potremmo dire, “unità psicofisica”, anche se נֶפֶשׁ nefesh non indicava propriamente l’anima come il cattolicesimo generalmente la intende. In tale contesto, עַיִן rappresenta l’occhio esteriore, ma anche quello interiore che può vedere la “luce divina” quella creata il primo giorno della creazione (Genesi 1,3).

Tanto è vero che, si parla anche di occhio di Dio – עַיִן יהוה ghayin adonai – per indicare l’onniveggenza spirituale di Dio (Proverbi 15,3).

Il simile attira il simile

Come c’è un occhio che viene dalla luce del corpo e vede la luce di Dio, c’è anche l’occhio malvagio che viene dalla tenebra interiore e riconosce anche al di fuori chi le appartiene. Infatti,  uomini e donne attirano chi è a loro simile, partendo proprio dagli occhi – o per dir meglio “occhiate” – che ci si scambia.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Impara l’Ebraico per non dover seguire i soliti guru

Impara l’Ebraico per non dover seguire i soliti guru

Se vuoi scoprire il significato originale della Bibbia, aldilà di mistificazioni e indottrinamenti, per arricchire la tua vita di un senso più profondo, sai quanto è importante lo studio dell’ebraico antico con un metodo semplice e immediato e che dia risultati...

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Nel racconto biblico di Genesi 18,20-32, Abramo si interpone tra Dio e gli abitanti di Sodoma e Gomorra, insistendo ripetutamente sulla possibilità di trovare giusti nella città. La sua perseveranza nel cercare di salvare anche un piccolo numero di innocenti, persino...

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il deserto, termine ebraico "midbar" (מִדְבַּר), è strettamente collegato per assonanza a "davar" (דָבָר), che significa "parola". Questa associazione linguistica riflette un profondo legame simbolico: il deserto come luogo del parlare divino. Qui, lontano dalle...

Le preghiere che si facevano a Qumran

Le preghiere che si facevano a Qumran

Denominato 1QH - hodayot (in Ebraico הוֹדָיוֹת "inni ) dalla prima grotta di Qumran - è un rotolo di pergamena che contiene componimenti poetici in prima persona, come molti salmi della Bibbia e che erano usati dagli Esseni di Qumran per pregare e rivolgersi a Dio....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La stella di Betlemme: scienza o mistica?

Quando la vita di un uomo scorre felice e senza problemi, si dice che quella persona è nata sotto una buona stella. In effetti, per gli antichi, il momento della nascita corrispondeva a una certa configurazione astrale, con un significato preciso per il futuro del...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 2 =

error: Il contenuto è protetto