Un ponte tra passato e futuro: il Deuteronomio (Seconda parte)

26 Febbraio 2024

La scorsa volta abbiamo visto come la parte più antica del Deuteronomio – risalente al VII sec- a.C. – presupponeva l’ideologia della centralizzazione del culto a Gerusalemme.

Si è detto anche che, sia pur con varianti, si pensa in genere che all’interno dei capitoli 12-26 sia contenuta la parte più antica. Concentriamoci su questa.

La centralizzazione del culto a Gerusalemme

Gran parte delle prescrizioni contenute all’interno di questi capitoli, che attualizzano il codice dell’alleanza dell’Esodo, presuppongono la situazione sociale venutasi a creare sotto il Re Giosia. Per esempio, in Dt 14,21-29 il pagamento delle tasse annuali, prima effettuato nei santuari locali – chiusi da Giosia – fu centralizzato a Gerusalemme.

Tutto ciò accadde anche in seguito allo sconvolgimento che la politica e la cultura assira causò nella Giudea. La tradizionale struttura sociale costituita da famiglie clan venne infranta, parte della popolazione rurale fu deportata, mentre quella restante dimorava nelle città fortificate di Ezechia.

Al contrario, la popolazione urbana cresceva e necessitava di unificare procedure e strutture prima sparse per tutto il territorio. Anche le tre principali feste religiose (Pasqua, Settimane e Capanne) vengono centralizzate a Gerusalemme (cfr. Dt 16,1-17).

Viene creata la figura del giudice professionista (cfr. Dt 16,18 e 17,8-13) che si occupa di amministrazione e giustizia al di fuori della capitale e a nome del re.

La costituzione delle cosiddette città di rifugio (cfr. Dt 19) riflette la chiusura dei santuari locali e la conseguente necessità di creare città apposite che fornissero un rifugio ai fuorilegge. Come in qualsiasi altro codice orientale, il re doveva proteggere il povero e il debole, com’è riflesso in alcune parti dei capitoli 21; 22; 23; 24.

Insomma, il cosiddetto “codice deuteronomico” – così vengono chiamati i capp. 12-26 – nelle sue parti risalenti al VII sec. a.C. riflette la riorganizzazione dello stato giudaico, volta a conferire più potere al suo centro, ossia a Gerusalemme. 

Esso presenta, come abbiamo visto, evidenti paralleli con il trattato di Esarhaddon, evidentemente ben conosciuto dagli scribi deuteronomisti, che vi si ispirarono per delineare il rapporto tra YHWH e i giudei. Essi, probabilmente, volevano anche esercitare un certo controllo sul re, perché anch’egli fosse soggetto alla Legge.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

14 + 9 =

error: Il contenuto è protetto