Sintesi della Bibbia: il profeta Malachia

25 Gennaio 2024

Il nome Malachia, in ebraico מַלְאָכִי (Mal’akhi), significa “mio messaggero”. Questo nome riflette la natura della missione del profeta Malachia: essere un messaggero divino che trasmette le parole e la volontà di Dio al popolo.

Struttura del libro: cinque capitoli di profezia

Il libro di Malachia è suddiviso in cinque capitoli, ognuno dei quali contiene un messaggio profetico specifico. Questa struttura consente una chiara organizzazione dei temi trattati e delle profezie presenti nel libro. Esploriamo brevemente il contenuto di ciascun capitolo.

  1. Capitolo 1: il disprezzo per l’amore divino: nel primo capitolo, Malachia affronta il tema del disprezzo per l’amore divino da parte del popolo. Dio esprime il suo amore verso Israele, ma la risposta del popolo è apatia e disprezzo. Un esempio di questo è evidente nel versetto 6:

    il figlio onora suo padre e il servo rispetta il suo padrone. Se io sono padre, dov’è l’onore che mi spetta? Se sono il padrone, dov’è il timore di me? Dice il Signore degli eserciti a voi, sacerdoti, che disprezzate il mio nome. Voi domandate: «Come abbiamo disprezzato il tuo nome?».

  2. Capitolo 2: la corruzione del culto e la fedeltà al patto: nel secondo capitolo, Malachia critica la corruzione del culto e l’infedeltà al patto divino. I versetti 7-8 affermano:

    Infatti le labbra del sacerdote
    devono custodire la scienza
    e dalla sua bocca si ricerca l’istruzione,
    perché egli è messaggero del Signore degli eserciti.
    Voi invece vi siete allontanati dalla retta via
    e siete stati d’inciampo a molti
    con il vostro insegnamento;
    avete rotto l’alleanza di Levi,
    dice il Signore degli eserciti.

  3. Capitolo 3: il Signore verrà nel suo tempio: il terzo capitolo anticipa la venuta del Signore nel suo tempio per giudicare e purificare. Il versetto 1 proclama:

    Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me e subito entrerà nel suo tempio il Signore, che voi cercate; l’angelo dell’alleanza, che voi sospirate, ecco viene, dice il Signore degli eserciti.

    Vi si annuncia anche la venuta del “giorno del Signore“, al versetto 23, un misterioso giorno di giudizio che verrà in futuro, dopo la predicazione di un Elia redivivo:

    Ecco, io invierò il profeta Elia prima che giunga
    il giorno grande e terribile del Signore,

    perché converta il cuore dei padri verso i figli
    e il cuore dei figli verso i padri;
    così che io venendo non colpisca
    il paese con lo sterminio.

Autore e data di composizione

L’autore del libro è comunemente identificato come Malachia, il profeta. La data di composizione è stimata intorno al V secolo a.C., dopo il ritorno degli esuli babilonesi nella Giudea.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

4 + 4 =

error: Il contenuto è protetto