Può esserci pace senza verità?

11 Marzo 2022

Certamente, non voglio qui dire qual è la verità. Impossibile, ovviamente per qualsiasi essere umano, poiché la verità in greco è ἀλήθεια (aletheia). La parola è composta da un cosiddetto “alfa privativo” e da un nome che viene dal verbo greco λανθάνω (lanthano) che significa “nascondere, velare”. Perciò verità è ἀ–λήθεια a-letheia, ossia svelamento progressivo.

Questa è una specie di premessa, che mette in guarda chiunque dal dire che si conosce la verità assoluta. Ma a noi interessa l’ebraico. Qui verità è אֶמֶת (‘èmet) che però – sorpresa – non significa principalmente “verità”, così come la intendiamo noi, ossia come una parola o discorso che enunci qualcosa di vero.

אֶמֶת (‘èmet) infatti significa anzitutto affidabilitàsicurezza, affidabilità perché viene da una radice – ogni elemento nominale e verbale ebraico discende da una radice trilitterale – אָמַן (aman) – che appunto significa “confermare, supportare, essere affidabili, sicuri”.

Ben conosciamo l’espressione אָמֵן (amèn) che diciamo alla fine delle nostre preghiere, per dire che “ci fidiamo di quello che è stato detto, così sia”.

Il profeta Geremia esprime bene il concetto di אֶמֶת (‘èmet):

הִנְנִ֧י מַעֲלֶה־לָּ֛הּ אֲרֻכָ֥ה וּמַרְפֵּ֖א וּרְפָאתִ֑ים וְגִלֵּיתִ֣י לָהֶ֔ם עֲתֶ֥רֶת שָׁלֹ֖ום וֶאֱמֶֽת׃ – hinenì maghalèh-llah ‘arukàh umarpèh urefa’tìm wegilletì lahèm ‘atèret shalòm we’èmet.

Ecco io farò rimarginare la loro piaga, li curerò e li risanerò; procurerò loro abbondanza di pace e di sicurezza.

(Geremia 33,6)

Le espressioni in neretto sono quelle che ci interessano. Vedete che ’emet è tradotto con “sicurezza”. Geremia, all’indomani della distruzione di Gerusalemme nel 587 a.C. per mano dei Babilonesi, profetizza che in futuro vi sarà “pace e sicurezza”, perché il discendente di Davide che regnerà “eserciterà il giudizio e la giustizia sulla terra” (Geremia 33,15).

Perciò la “sicurezza” viene da un uomo di governo “affidabile, autorevole” e che è giusto, ossia amministra in modo giusto e secondo il volere di Dio. Non parla di verità, ma è la verità nel senso che è una persona sicura, autorevole, cui ci può affidare.

Cerchiamo la pace, bene essa non viene dall’enunciazione di verità – che spesso dividono – ma da “persone vere” giuste, affidabili e soprattutto buone. In questo momento storico, avremmo proprio bisogno – nella società e nella chiesa – di uomini così!

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 4 =

error: Il contenuto è protetto