Perché in Ebraico il pronome “io” è scritto in due modi diversi?

7 Novembre 2023

La lingua ebraica è una delle lingue più antiche e affascinanti del mondo, con una ricca storia e una complessa struttura grammaticale. Una delle caratteristiche uniche di questa lingua è la distinzione tra le due forme del pronome di prima persona singolare:

‘anì אָ֫נִי

‘anokì אָנֹכִי

Queste due forme sono spesso usate in modo intercambiabile, ma hanno sfumature di significato e utilizzo che è importante comprendere.

Ani e Anokhi: le due forme del pronome di prima persona singolare

‘anì è la forma più comune del pronome di prima persona singolare in ebraico. Viene utilizzata nella lingua parlata e scritta nella stragrande maggioranza dei casi. È la forma standard e generalmente indica la prima persona singolare, senza particolari sfumature di significato.

‘anokì è una forma meno comune e più formale del pronome di prima persona singolare. Questa forma viene utilizzata in situazioni specifiche e ha sfumature di significato leggermente diverse da ‘anì. In genere, questa forma viene impiegata per enfatizzare la propria identità o per esprimere una certa solennità.

Spiegazione più profonda

In genere, si dice che la prima forma è meno solenne della seconda. Tuttavia, esiste una spiegazione – sempre ipotetica – dell’uso delle forme nella Bibbia.

La forma ‘anì è quella usata per distinguere un soggetto rispetto ad altri, ossia rispetto alle altre persone: tu, egli, noi, voi, essi. In altre parole, si tratta di una forma che distingue, separa, un soggetto dagli altri, pur permettendone la comunicazione.

La forma ‘anokì, invece, è la forma suprema, che non ha bisogno di alcuno ed è il soggetto supremo che dà origine ad un discorso, a una cosa scritta o reale. Un “io” che non ha bisogno di altri, per esprimersi: וַיֹּ֗אמֶר אָנֹכִי֙ אֱלֹהֵ֣י אָבִ֔יךָ (Esodo 3,6) e che sussiste da sempre.

Tuttavia, occorre riconoscere che la Bibbia ebraica usa in modo indifferenziato queste due forme, attribuendole sia a Dio che agli uomini e che solo in certi contesti – significativi – appare questa distinzione.

Spiegazione più profonda

In alcuni contesti mistici ed esoterici, si dice che la forma ‘ani in ebraico – אָ֫נִי – contiene le lettere che in ebraico compongono la parola “nulla” – אַיִן ‘ayin – e che perciò ‘ani sia la prima manifestazione dell’essere indifferenziato chiamato anche ‘en sof – אֵין סוֹף.

Di qui, poi verrebbe la forma אָנֹכִי che con il suffisso finale כִי indicherebbe il rapportarsi della divinità con l’uomo. Una spiegazione diametralmente opposta a quella fornita in precedenza.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Come si è formata la Bibbia? (Quinta parte)

Come si è formata la Bibbia? (Quinta parte)

Il Deuteronomio (D) e il Deuteronomista (Dtr). Nel XIX secolo gli studiosi discussero molto sull'origine del Pentateuco. Wellhausen, per esempio, pensava che originariamente esistessero due parti (Dt 1-4,44; 12-26; 27 e 4,45-11,39; 28-30) che poi furono fuse insieme...

Storia della profezia in Israele

Storia della profezia in Israele

La parola ebraica per profeta è "naviʾ" (נָבִיא), generalmente considerata un prestito dall'accadico "nabū, nabāʾum", che significa "proclamare, menzionare, chiamare, convocare". In ebraico si trovano anche le parole "ḥozeh" (חֹזֶה) e "roʾeh" (רֹאֶה), entrambe con il...

Sintesi della Bibbia: il libro del profeta Amos

Sintesi della Bibbia: il libro del profeta Amos

Il nome "Amos" in ebraico עָמוֹס significa "carico" o "fardello". Infatti, il profeta Amos è uno strumento attraverso il quale Dio trasmette un peso o un carico di messaggi e ammonizioni al popolo di Israele. Suddivisione in capitoli Il libro di Amos è suddiviso in...

Come si è formata la Bibbia? (Quarta parte)

Come si è formata la Bibbia? (Quarta parte)

La fonte Elohista (E). Fu chiamato così, lo ricordiamo, perché prima dei racconti sul Sinai, Dio è sempre chiamato Elohim. Nelle prime fasi della ricerca sul Pentateuco era considerata la fonte più importante, poiché si attribuiva a questa fonte ciò che poi sarà...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Sintesi della Bibbia: il profeta Baruc

Il nome Barùk - in Ebr. בָּרוּךְ - significa "benedetto" (participio passivo del verbo בָּרַךְ. Questo significato riflette la prospettiva positiva e la speranza che il profeta trasmette attraverso i suoi scritti. La benedizione divina è un tema centrale nel Libro di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

6 + 1 =

error: Il contenuto è protetto