Non toccare, è peccato!

16 Luglio 2021

ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete.

Genesi 3,3

Il versetto terzo è la seconda parte della frase contenuta nel versetto due:

Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare … 

È la risposta della donna, ricordiamo, alla sinuosa domanda del “serpente” (in Ebr. נָחָשׁ  nachash). In superficie, il testo sembra contraddire una parte precedente della Genesi, dove si diceva che Dio aveva piantato l’albero della vita al centro del giardino (cf. 2,9).

Vuol dire che entrambi si trovano al centro del giardino? La sintassi di Gen 2,9 non indica necessariamente che anche l’albero della conoscenza del bene e del male si trovasse in mezzo al giardino:

l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male.

La congiunzione “e” – (in Ebr. וְ we ) – non obbliga a pensare che anche il secondo albero si trovasse al centro. Tuttavia, nel capitolo terzo (vv. 2-3) sembrerebbe, invece, proprio così. Qualcosa che sta “al centro” è ovviamente qualcosa di importante, che appartiene a Dio.

Tuttavia, ciò non significa che l’uomo possa cogliere indisturbato entrambi. Come vedremo, Dio caccia l’uomo dall’Eden “affinché non stenda più la mano e non prenda anche dell’albero della vita” (Gen 3,22). Sembra, così, che per cogliere dell’albero della vita, occorra prima assaporare quello della conoscenza del bene e del male. 

Ciò che qui conta è che nella risposta di Eva si nota un fraintendimento delle parole che Dio rivolge all’uomo. Dio non disse all’uomo di non “toccare” dell’albero della conoscenza del bene e del male, ma semplicemente di non mangiarlo:

ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti.

Gen 2,17

La donna sembra iniziare a subire l’influsso del serpente che insinua, distorce, offre altri punti di vista rispetto a Dio. Nelle parole di Eva, emerge un’immagine di Dio crudele e disumana, moralista e alquanto falsa.

Un Dio che ordina perfino di non “toccare”! Dietro c’è, invece, l’immagine del serpente vuol dare di sé: lui è veramente l’amico dell’uomo: “Ma è proprio vero che Dio vi ha detto … ” (Gen 3,1). Questa astuzia serpentina che si coniuga con il falso moralismo di Eva avrà effetti micidiali sui primi esseri umani.

Photo by Tyler B on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

Il Signore Dio disse alla donna: Che hai fatto? Rispose la donna: il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato Genesi 3,13 Né l'uomo né la donna si prende la responsabilità delle proprie azioni. Questo è chiaro e viene ribadito ogni volta che, nei più diversi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 3 =